Report choc dell’Iss: tutti i dubbi sui vaccini

lockdown vaccini
lockdown vaccini

Sono una ventina di smilze paginette in formato Pdf (25 considerando le fonti e gli stacchi imposti dalla realizzazione grafica), riassunti nel burocratichese titolo “Indicazioni ad interim sulle misure di prevenzione e controllo delle infezioni da SARS-CoV-2 in tema di varianti e vaccinazione anti-COVID-19 Gruppo di Lavoro ISS Prevenzione e Controllo delle Infezioni”; più sinteticamente, è il Rapporto ISS Covid 19 n. 4 risalente allo scorso 13 marzo, elaborato a cura dell’Istituto Superiore di Sanità, a cur a di non meno di 25 studiosi: quanti geni lavorano solo per noi, come nella Rai di Renato Zero. Viva l’ISS, dunque, che ci fa crescere sani e però parte subito, sembrerebbe (e speriamo che lo sia: diversamente, la faccenda aggiungerebbe odore a già cospicue maleolenze) con una topica deliziosa: “Al febbraio 2020, sono state segnalate tre varianti che destano particolare preoccupazione, la già menzionata VOC 202012/01 identificata per la prima volta nel Regno Unito, la 501Y. V2 (denominata anche B.1.351) identificata in Sudafrica e la P1 con origine in Brasile”. Febbraio 2020? quando ancora si sapeva poco e niente, almeno ufficialmente, del ceppo originario? Interdetti, c’inoltriamo nel rapporto, strutturato secondo uno schema pedagogico di domanda e risposta, dunque ad uso delle masse, o forse per meglio usare le masse.

Varianti e misure di prevenzione

Primo quesito: “La circolazione delle varianti richiede una modifica delle misure di prevenzione e protezione non farmacologiche (distanziamento fisico, mascherine, igiene delle mani) in ambito comunitario e assistenziale?”. Si risponde: “No, non è indicato modificare le misure di prevenzione e protezione basate sul distanziamento fisico, sull’uso delle mascherine e sull’igiene delle mani; al contrario, si ritiene necessaria una applicazione estremamente attenta e rigorosa di queste misure”. Tradotto: le “misure di prevenzione” debbono restare e se mai venire ulteriormente irrobustite. Compreso il lockdown? La risposta non è data, ma è facilmente intuibile. Quindi si scende nei dettagli, si fa per dire: “(…) Anche se non vi sono attualmente evidenze scientifiche della necessità di un isolamento in stanza singola di pazienti con infezioni da varianti virali, tuttavia, in presenza di diagnosi sospetta o certa di infezione da varianti 501Y.V2 o P1 di SARS-CoV-2, o di nuove VOC non ancora significativamente diffuse nella popolazione, si suggerisce, laddove possibile, di adottare l’isolamento in stanza singola o strategie di cohorting di pazienti infetti da una stessa variante. (…) Coerentemente con il documento del 18 e del 20 gennaio 2021 dell’Haut Conseil de la Santé Publique (HCSP) francese, 9 non è possibile identificare clinicamente tutti i pazienti che sono infetti / portatori delle nuove varianti virali e, pertanto, le misure di prevenzione e cura devono rimanere invariate. (…)”.

Oscuro ma decifrabile, lo studio prosegue all’insegna dell’incertezza: “Relativamente al distanziamento fisico, non vi sono evidenze scientifiche che dimostrino la necessità di un incremento della distanza di sicurezza a seguito della comparsa delle nuove varianti virali; tuttavia, si ritiene che un metro rimanga la distanza minima da adottare e che sarebbe opportuno aumentare il distanziamento fisico fino a due metri (…)”. È la linea fin qui seguita: siccome non ne sappiamo ancora abbastanza, allora tutto fermo, tutto chiuso e distanziato.

Con i vaccini l’incubo finirà?

Dopodiché, il documento si sofferma sui sieri finora approvati: quelli che dovrebbero garantire una veloce e definitiva fuoruscita dall’allucinante segregazione cui siamo sottoposti ormai da 13 mesi. Davvero? “Gli studi clinici condotti finora hanno permesso di dimostrare l’efficacia dei vaccini nella prevenzione delle forme clinicamente manifeste di COVID-19, anche se la protezione, come per molti altri vaccini, non è del 100%. Inoltre, non è ancora noto quanto i vaccini proteggano le persone vaccinate anche dall’acquisizione dell’infezione”.

Perfetto: siamo ancora agli studi clinici, che tuttavia non forniscono certezze. “È possibile, infatti, che la vaccinazione non protegga altrettanto bene nei confronti della malattia asintomatica (infezione) e che, quindi, i soggetti vaccinati possano ancora acquisire SARS-CoV-2, non presentare sintomi e trasmettere l’infezione ad altri soggetti (…). Studi preliminari in vitro condotti sulla risposta immunologica (umorale e cellulare) evocata dai due vaccini a mRNA, BioNtech/Pfizer e Moderna, hanno evidenziato una ridotta attività neutralizzante da parte del siero dei soggetti vaccinati nei confronti della variante sud-africana e della variante brasiliana (…) Non è ancora noto quale sia l’impatto delle varianti per la protezione nei confronti delle forme di malattia severa, con ospedalizzazione ed esito letale. La Who afferma che lo studio ha un campione troppo limitato per una valutazione sulla malattia severa ma che evidenze indirette mostrano una protezione contro questa forma; alla luce di ciò, la Who raccomanda attualmente l’uso del vaccino AZD1222 di AstraZeneca secondo la già stabilita roadmap nazionale di definizione delle priorità, anche se sono presenti varianti in un Paese. Per nessuno dei vaccini in utilizzo è nota al momento la durata della protezione ottenuta con la vaccinazione. Gli studi che attualmente sono in corso forniranno in futuro utili informazioni a tale riguardo”.

Siamo al trionfo del dubbio, alla sagra dell’incertezza, alla fiera dell’eventualità; in altre parole: vi invitiamo caldamente a vaccinarvi, ma non garantiamo niente visto che siamo agli “studi preliminari” che “non forniscono certezze”. Con il che, si potrebbe anche parlare di sperimentazione umana su scala mondiale.

La guida dell’ISS, difatti, prosegue con un’altra questione: “I lavoratori vaccinati, inclusi gli operatori sanitari, devono mantenere l’uso dei Dpi e dei dispositivi medici, l’igiene delle mani, il distanziamento fisico e le altre precauzioni sul luogo di lavoro?”. Si risponde: “Tutti i lavoratori, inclusi gli operatori sanitari, devono continuare a utilizzare rigorosamente i Dpi, i dispositivi medici prescritti, l’igiene delle mani, il distanziamento fisico e le altre precauzioni secondo la valutazione del rischio, indipendentemente dallo stato di vaccinazione e aderire a eventuali programmi di screening dell’infezione (…) Si ribadisce che nessun vaccino anti-COVID-19 conferisce un livello di protezione del 100%, la durata della protezione vaccinale non è ancora stata stabilita, la risposta protettiva al vaccino può variare da individuo a individuo e, al momento, non è noto se i vaccini impediscano completamente la trasmissione di SARS-CoV-2 (infezioni asintomatiche). Quindi, seppur diminuito, non è possibile al momento escludere un rischio di contagio anche in coloro che sono stati vaccinati (…) In conclusione, ogni lavoratore, inclusi gli operatori sanitari, anche se ha completato il ciclo vaccinale (…) dovrà continuare a mantenere le stesse misure di prevenzione, protezione e precauzione valide per i soggetti non vaccinati, in particolare osservare il distanziamento fisico (laddove possibile), indossare un’appropriata protezione respiratoria, igienizzarsi o lavarsi le mani secondo procedure consolidate”. Lecito, a questo punto, domandarsi cosa cambia in concreto dopo la vaccinazione di massa.

La successiva problematica, se possibile, peggiora ulteriormente le cose: “Se una persona vaccinata con una o due dosi viene identificata come contatto stretto di un caso positivo, bisogna adottare le misure previste per i contatti stretti?”. Si risponde: “Se una persona viene in contatto stretto con un caso positivo per SARS-CoV-2, secondo le definizioni previste dalle Circolari del Ministero della Salute, questa deve essere considerata un contatto stretto anche se vaccinata, e devono, pertanto, essere adottate tutte le disposizioni prescritte dalle Autorità sanitarie (…) La vaccinazione anti-COVID-19 è efficace nella prevenzione della malattia sintomatica, ma la protezione non raggiunge mai il 100%. Inoltre, non è ancora noto se le persone vaccinate possano comunque acquisire l’infezione da SARS-CoV-2 ed eventualmente trasmetterla ad altri soggetti. Infine, è verosimile che alcune VOC possano eludere la risposta immunitaria evocata dalla vaccinazione, e, quindi, infettare i soggetti vaccinati. (…) Pertanto, in base alle informazioni attualmente disponibili, una persona, anche se vaccinata anti-COVID-19, dopo un’esposizione definibile ad alto rischio e considerata “contatto stretto” di un caso COVID-19, deve adottare le stesse indicazioni preventive valide per una persona non sottoposta a vaccinazione. A prescindere dal tipo di vaccino ricevuto, dal numero di dosi e dal tempo intercorso dalla vaccinazione, in generale, la persona vaccinata considerata “contatto stretto” deve osservare, purché sempre asintomatica, un periodo di quarantena di 10 giorni dall’ultima esposizione con un test antigenico o molecolare negativo effettuato in decima giornata o di 14 giorni dall’ultima esposizione al caso, come da indicazioni contenute nella Circolare n. 32850 del 12/10/2020”.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
107 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Franco
Franco
28 Marzo 2021 22:19

Sono pienamente d’accordo, è una influenza certamente più importante, ma per il resto vogliono distruggere il ceto medio, così poi arrivano i Grandi e ci mangiano con due soldi.

giorgio borgato
25 Marzo 2021 22:31

Nicola

nicola , hai smesso di spalmarti sulla religione vaccinale . . era ora , sarà perché è da nove mesi che posto documenti sulla inadeguatezza dei tamponi , sulla assurdità dei ‘vaccini’ e sulla bestialità delle misure governative basate su dati assurdi .. Sono esausto e mi fa bene leggere finalmente qualche dubbio in te , al posto della rabbia per mancanza di dosi … in gamba , nicola ! come dice mio cuggino gt ‘Augh !’

simmi richy
simmi richy
25 Marzo 2021 18:08

Le cure psichiatriche, per i geni, sono previste? Visto che decidono delle nostre vite….

Alberto
Alberto
25 Marzo 2021 17:32

Possibile che non si possa parlare o avere dubbi sul vaccino senza venire aggrediti come negazionisti o antiscientifici? Il vaccino è come un altro farmaco e quindi può avere effetti indesiderati gravi e non gravi. E non ci piove. Di questi vaccini nessuno ma proprio nessuno può sapere se vi saranno effetti indesiderati più o meno gravi a lungo termine. Vedi bugiardini. Quindi perchè non dire semplicemente queste cose e invitare tutti a vaccinarsi per un probabile bene comune ed anche personale. Si probabile e nulla più. A livello personale deve, ma proprio deve, essere chiaro che 1 su 100.000 rischia almeno shocK anafilattico o trombosi. Umiltà e chiarezza. Il passaporto attualmente un idea assurda, come si vede da rapporto ISS. I dubbi sono molti e non tutti gli scienziati la pensano allo stesso modo, vivaiddio e ci mancherebbe altro. La Medicina non è una Scienza esatta. Due frasi utili. Socrate , “IO SO DI NON SAPERE” . Ippocrate “PRIMO NON NUOCERE” (sic!)

Luca B
Luca B
25 Marzo 2021 10:08

Max dal Papa scopre solo ora che il vaccino serve a chi lo fa e non per tutelare gli altri dal possibile contagio dato che il vaccino ha la massima copertura 96/100% contro i casi di sintomatologia e di ospedalizzazione, come non solo dimostrato dai test sperimentali, ma dai dati sul campo provenienti da GB ed Israele. Bastava che leggesse le varie indicazioni provenienti nei mesi scorsi dalle Agenzie del Farmaco per scoprirlo. Io da normale lettore lo sapevo, lui che è un giornalista pensa invece di aver fatto la scoperta del secolo

Fenice
Fenice
24 Marzo 2021 0:54

Ottimo. Queste sono le “certezze scientifiche” a cui fanno riferimento le virostar e i loro adoratori ogni volta che dicono che chi ha dubbi sul vaccino è un cretino perchè è contrario alla scienza.

Luca Beltrame
Luca Beltrame
23 Marzo 2021 20:20

Per chi vuole essere informato in modo decente sugli ultimi sviluppi senza impazzire e senza essere del ramo, consiglio qualche account Twitter di persone sostanzialmente equilibrate e del ramo (in inglese):

– Prof. Francois Balloux (UCL; @BallouxFrancois)
– Alasdair Munro (@apsmunro);
– COVID Fact Check UK (@fact_covid; molto incentrato sull’UK)
– Coronavirus good news (@Coronavirusgoo1; anche questo molto sul Regno Unito)
– Muge Chevik (@mugechevik)
– Mac’n’Chise (@sailorrooscout; persona oltremodo bizzarra, ma che lavora per Moderna e sa il fatto suo)

In aggiunta, qualche altro account casuale di potenziale interesse (più generali)

– “Amy” (@skepticalzebra; dottoressa “in incognito” del servizio sanitario inglese)
– Ryan (@ThatRyanChap)
– Wes Pegden (@WesPegden; statistico che ha dimostrato che i dati di Manao erano completamente fuori strada).

paolospicchidi@
paolospicchidi@
23 Marzo 2021 19:58

Sulla bontà dei Vaccini…Tutti a dire la propria qui sulla Zuppa. Altri, esperti, tuttologi, opinionisti, politici, medici, sondaggisti, economisti, operai, commercianti, passanti ecc ecc pure… e quindi dai Giornali, dalle TV dalle Radio, dai Social, sui muri… ovunque, arriva di tutto e il suo contrario a 360°… anche che ci vogliono sterminate… Chi? Ma è ovvio i Rettiliani… I Retti.. cosa? I Rettiliani… ora, a meno che non si voglia dare retta a questa folle idea dell’esistenza dei Rettiliani… Io penso che chi ha fatto I vaccini, chi li ha controllati e ricontrollati, lo abbia fatto bene, non credo che gli israeliani, gli inglesi, gli americani ecc si stia auto sterminando o inoculando qualcosa che gli farà male.