Ricciardi a mandorla: lodava la Cina, attacca gli inglesi

Condividi questo articolo


“Grazie, Cina!”, twittava Walter Ricciardi il 17 marzo. L’emissario italiano all’Oms, nonché consulente del ministero della Salute, spernacchiava gli inglesi, che s’erano appellati ai loro produttori per radunare i respiratori. Noi – furbi – chiedevamo l’elemosina a Pechino, che così ha potuto fabbricare, oltre a ventilatori e mascherine, pure uno spottone a uso e consumo della propaganda interna. Alla fine, il Dragone avrebbe persino provato a convincere il globo che, in realtà, il virus era partito proprio dal Belpaese. Grazie, Cina!

Oggi, Ricciardi riprende il filone della polemica anti britannica: la Perfida Albione, attacca sul Messaggero, ha nascosto per tre mesi la sua variante di Sars-Cov-2. È vero? Boh. Certo, fa ridere che la denuncia parta proprio dall’uomo che, sulle omissioni del regime comunista, non ha mai speso una parola. Se Pechino ci avesse avvisato prima, quante vite avremmo salvato?

Il Dragone? Un esempio

A giugno, il professore ci esortava a “fare come la Cina”. Per carità: il tema era la riapertura delle scuole in sicurezza, mica l’arte dell’occultamento. Chissà se “l’ultimo guappo” – dal titolo di una commedia di cui fu interprete in gioventù – aveva in mente gli alunni con il metro appiccicato in testa per calcolare la distanza.

D’altronde, i colleghi del supertecnico, a cominciare del capo dell’Oms, Tedros Adhanom, nel gennaio scorso, coprivano di lodi la Cina. Lui, a ottobre, applaudiva: “Hanno aperto gli ospedali Covid”. E l’esortazione, ovviamente, era quella: “Fare come la Cina”.

Roma, in effetti, ha preso esempio: per non mettere in imbarazzo Roberto Speranza, Ranieri Guerra, numero due dell’Oms (la “foglia di fico” del governo, la definiva), ha fatto sparire il report che liquidava come “creativa e caotica” la nostra risposta all’epidemia.

Le risatine su BoJo

Nel surreale febbraio di “Milano non si ferma”, Ricciardi non aveva abbracciato un cinese, come chiedevano Dario Nardella e Nicola Zingaretti. A fine lockdown, tuttavia, aveva le idee chiare: Cina bravissima e Covid free, riapriamo i voli; Usa reprobi e infetti, aeroporti chiusi.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche


Condividi questo articolo


20 Commenti

Scrivi un commento
  1. Che coincidenze però. Il giorno del precedente decreto, 1000 morti, cioè un aumento pesantissimo da un giorno all’altro, ma poi, ops, il giorno seguente “c’è stato uno sbaglio, in realtà erano 150 in meno”.
    Poi man mano nelle settimane seguenti il numero meno male scende. Statisticamente era una discesa prevedibile anche prima dei lockdown colorati: però, ops, che coincidenza, nelle menti rimane quella contemporaneità fra discesa e lockdown, anche se invece…
    Si arriva a una buona riduzione ma ops, il giorno o due giorni prima di quest’ultimo decreto, improvvisamente risalgono il numero e l’indice rt, ops, pensa un po’.
    E nel momento in cui, anche a causa dei lockdown natalizi, un maggior numero di italiani comincia a mangiare la foglia e a trovarla indigesta, e anche nel mondo più persone stanno perdendo la pazienza, ops, che coincidenza, nel caso pensassimo di voler finalmente riappropriarci di noi stessi e tornare a una vita normale ecco un’altra notizia: la variante stracontagiosa. Ma che tempismo.
    —-
    Per errore tecnico è finito nelle risposte un commento in cui pongo una domanda sulla Cina. La riscrivo.
    Sappiamo che non ha avvisato per tempo il mondo sul Covid. Ma essere stata la prima nazione ad affrontarlo le ha dato il modo di avere per prima informazioni sull’azione del virus nell’organismo, sulle cure mediche, sulle medicine. L’Italia, che ha affrontato il virus per seconda, ha, ovviamente, chiesto queste informazioni alla Cina? Quali risposte ha avuto?
    Ricordo bene la delegazione di medici cinesi. Ma quello fu dopo. Sarebbe importante, credo, ricordare o sapere dinamiche e contenuti di questo passaggio di informazioni mediche dalla Cina all’Italia nella primissima fase del nostro calvario.

    • Sulle cure, non tanto. Molte delle cose provate in Cina poi non hanno retto allo scrutinio della sperimentazione occidentale. L’unica cosa che veramente sapevano già e che noi abbiamo riscoperto è stato l’uso preferenziale dell’ossigeno con cannula nasale o mascherina al posto del ventilatore.

      • Grazie mille dott. Beltrame.
        L’importante è sapere che i responsabili di entrambi i paesi si siano comportati in modo trasparente… ALMENO in questo specifico passaggio.

        Colgo l’occasione per ringraziarLa per la sua costante disponibilità e competenza nelle spiegazioni.

    • È innegabile l’uso quasi “bellico” e di “intelligence” che viene fatto dell’informazione. A parziale difesa di questo modo di fare informazione, dico che probabilmente è necessario, perché credo che il CTS si sia accorto che la situazione sia rischiosa, diretta pericolosamente verso un punto di non ritorno e chi fa informazione è stato informato (perdono per il gioco di parole) e persuaso a dare informazioni tali da responsabilizzare la massa, ma senza creare panico. Detto ciò, dico però che si sia scelta la strada sbagliata. Si informa la massa trattandola neanche più come sudditi, ma al meglio come bambini o (al peggio) come minus habens. Non si danno informazioni sincere e soprattutto chiare e coerenti. C’è uno starnazzamento generale, che un pollaio sarebbe composto da animali seri, a confronto.
      Forse questa gente conta sul fatto che la massa, grazie anche alla enorme mole di informazioni che è tenuta a gestire e che comporta (questa mole di informazioni) una buona possibilità di dimenticarle facilmente, non ricordi i fatti, le giravolte, i “contrordine compagni!”, il dichiarare e il fare tutto ed il contrario di tutto a distanza di pochi mesi o anche di pochi giorni. Ma non hanno fatto i conti sul fatto che la massa non è composta solo da persone disattente, poco informate ed incapaci di tenere a mente l’evoluzione di tutta la storia della pandemia. E quindi avere un’opinione abbastanza attinente a ciò che veramente hanno combinato. Ci sarà la Storia a parlare di questo periodo, nonostante anche la Storia sia scritta e soprattutto interpretata dalla solita gente: i sinistri.

      • > È innegabile l’uso quasi “bellico” e di “intelligence” che viene fatto dell’informazione.

        Tutto quello che “potrebbe” diventa “è” nella stampa. Vediamo il caso della variante inglese del virus. Già il valore di 70% più trasmissibile circa adesso è stato rivisto al 47 o 51% sulla base di modelli (ahimè) che cercano di predire il dato. Ma questo qualcuno l’ha detto? Posto che io ancora sono scettico perché voglio vedere dati veri, non modelli.

        Ma quanto è stata complice la stampa nell’isteria della “nuova mutazione”, andando pure a dire che forse i vaccini non funzionano? Il livello è stato tale che pure Galli (Galli!) ha dovuto frenare.

        Poi i governi si sentono in dovere di “fare qualcosa” e mettono blocchi che non servono a niente (i blocchi alle frontiere ormai sono inutili!).

  2. Facciamo come la Cina? Ricciardi, non si è mai accorto di cosa è stata
    capace la Cina? E tutto questo governo a elogiare la Cina, condanna
    l’Inghilterra, non si ricorda per quanto tempo la Cina ci ha nascosto il
    problema con la complicità dell’OMS, ente inutile? Mi sbaglierò…
    Ps. mi sono ripetuta un po’.

  3. Sul conto dell’OMS c’è poco da aggiungere a quanto detto da Donald Trump: è un ente inutile al soldo dei cinesi. Che di soldi ne hanno tanti e sono in grado di corrompere chiunque, anche certi morti di fama di mia e nostra conoscenza, le cui pulsioni filo-cinesi faticano a trovare una spiegazione logica.

  4. Mentre il mondo litiga su chi ci ha il virus più lungo, come vi avevo anticipato in un commento di un mese fa, Saturno ha terminato il suo lungo inseguimento a Giove e i due giganti si sono allineati con la Terra, in una congiunzione ravvicinata.
    Senza mascherina, pensate!

    • Magari! Forse sarebbe più credibile, purtroppo il mondo è pieno di imbecilli e noi abbiamo il record di quantità, basta vedere la TV per un po’ e ci si accorge subito dei vari personaggi che vi circolano (zanzarologi, veterinari, medici solo sulla carta, opinionisti e varia umanità, per carità tutti espertissimi eh, ma come non era un virus sconosciuto? anche se nessuno di loro comunque ha mai visto un malato).

  5. Mica solo Ricciardi è CINESE. Tutto il M5S lo è e non solo. A molti a sfuggito il paginone del CDSERA che magnificava il 5G cinese.

  6. Il pagliaccio biondo inglese é a capo di un sistema criminale che va abbattuto. La speranza è che sia il Krusciov d’Inghilterra.
    Krusciov abbattendo il sistema staliniano e proponendo il suo riformismo fallimentare ha gettato le basi per provocare purtroppo trent’anni dopo il tracollo dell’Urss. Questo idiota sta facendo saltare il sistema imperialistico anglossasone (insieme al suo omologo americano fortunatamente cacciato) che sta dominando il mondo con la stessa inadeguatezza di Krusciov. 

    • E’ un grande KIM , sa tutto di tutto ! che spreco vederlo perdere il suo tempo in questo sito di cialtroni negazionisti e liberisti da divano come noi. Un vero peccato !

      • Mi trovi totalmente d’accordo, costui ha una cultura sterminata, conosce la storia a menadito e dimostra di essere anche un fine analista politico. Se era un idiota Krusev, capace di provocare la caduta dell’URSS con trent’anni di anticipo (secondo me, di ritardo), chissà cosa pensa di Gorbacev. Su Kim, dicci di glasnost e perestrojika…

    • La vita vi angustia? le difficoltà vi sovrastano?
      Prendetevi una pausa e lasciate che vi sommerga l’ilarità allo stato puro, leggete Kim e poi potrete guardare la foto di Einstein con un sorrisetto di superiorità.

      • Perchè leggere Kim, quando l’originale si trova qui:
        https://www.intelligonews.it/le-interviste-della-civetta/articoli/18-novembre-2016/51722/fed-yellen-contro-trump-parla-marco-rizzo-partito-comunista/

      • Sappiamo che la Cina non avvertì per tempo il mondo riguardo al virus.
        Ma quando questo scoppiò in Italia, penso che dall’Italia siano state chieste alla Cina tutte le informazioni possibili sul virus, sulle cure mediche che i cinesi stavano adottando…
        Si parla sempre del ‘metodo’ del lockdown esportato dalla Cina (e in sostanza fallito visto che i paesi che l’hanno imposto hanno, in proporzione e in percentuale, maggiore o uguale numero di morti rispetto a quelli dove non è stato imposto, e visto che gli effetti collaterali del lockdown, anche economici ma non solo, sono pesantissimi); ma, invece, di questo passaggio di informazioni strettamente mediche nella prima fase, sarebbe importante sapere qualcosa in più.
        Ricordo che venne in Italia una delegazione di medici cinesi, ma quello fu dopo. Io sto parlando dell’inizio.
        Visto che la Cina aveva già il virus in casa da un po’ di tempo, sarebbe interessante sapere o ricordare dinamiche e contenuti di questi primi passaggi di informazioni mediche.

        • Scusate, il mio qui sopra è un commento all’articolo, non è una risposta a nessuno.
          Purtroppo il cellulare o il sistema fanno pasticci.

  7. è incredibile!
    ho visto passare la notizia in tv e ho pensata alla stessa cosa.
    Viene da pensare che sia stipendiato dalla Cina.

    • Peraltro non so se c’è o ci fa. L’OMS già sapeva di queste mutazioni, per l’appunto, da settembre. E’ solo un tentativo patetico di voler imporre un nuovo blocco molto più duro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *