Commenti all'articolo Risparmiateci la superiorità etica del San Valentino gay

Torna all'articolo
Avatar
guest
77 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Laval
Laval
15 Febbraio 2020 16:32

Personalmente non conosco padre Ariel e come notorio non sono un pretaio-lo da cui prendo le distanze, ma quello che ha detto mi piace sopratutto quando si parla di amare.

Come può una persona dichiararsi timorata di Dio quando bestemmia continuamente contro di lui (i suoi insegnamenti) come può parlare di amore chi si è prostituito ai vari sensi sessuali.

Questo non è amore se non amore per il sesso che è tutta un’altra cosa.

Qualcuno dirà che la parola amore c’è sempre, si come il finocchio per fare la porchetta.

Volete essere gay, omosessuali, trans ecc. liberi di farlo ma basta con le stupidaggini.

piero39
piero39
15 Febbraio 2020 9:52

questa è la teoria dei segaioli. lascia perdere è solo tempo perso.

Raffaello Ferrentino
Raffaello Ferrentino
14 Febbraio 2020 23:30

Ovviamente, ognuno/a puo’ fare sesso con chi gli pare: l’ unico limite dev’ essere la consensualita’. Lo scopo del sesso, dal punto di vista della natura e’ la perpetuazione e il miglioramento della specie: da questo punto di vista, il sesso LGTB e’ el tutto inutile, anche se soddisfa un bisogno primario. Che si tratti di amore, e’ tutto da dimostrare e io, per parte mia, lo nego. Che poi venga fatto rientrare nel circo di San Valentino, dimostra solo che, grazie ad un trucco, i commercianti aumentano la platea dei consumatori, e lo dico senza la benche’ minima ombra di critica perche’ se il denao circola e’ comunque un bene per tutti, dal momento che cene e regali non sono scambi di materie proibite. Comincero’ dall’ indegno monologo di Benigni a San Remo, dove il Cantico dei Cantici gabellato per un inno alla sessualita’ e’ addirittura, del tutto arbitrariamente, piegato alla glorificazione LGBT. Naturalmente, com’ e’ nello stile del guitto, cio’ avviene tramite una falsificazione permessa dall’ ignoranza di chi lo ascolta: il Cantico, la cui lettura richiede piu’ di due ore e mezzo, viene ridotto ad un collage di 5 minuti in cui, una dopo l’ altra, vengono citate le poche frasi dal contenuto per cosi’ dire pruriginoso. Quel che lui chiama amore LGBT viene introdotto nel “commento”,… Leggi il resto »

Gaetano79
Gaetano79
14 Febbraio 2020 21:38

I sostenitori dell’ideologia LGBT non capiscono un concetto basilare: il matrimonio uomo-donna é un contratto giuridico inventato non per formalizzare l’affettività eterosessuale, ma per altre ragioni: assistenza reciproca, educazione dei figli e trasmissione dell’eredità. I sentimenti di affetto, per quanto siano intensi, da soli non sono sufficienti a far durare un contratto tra due persone. Persino le antiche civiltà pagane, nonostante tollerassero l’omosessualità, non ammettevano né il matrimonio omossessuale, né tantomeno l’adozione per gli omosessuali.

Riguardo la stabilità e la longevità delle relazioni omosessuali, esistono molti dubbi. É sufficiente osservare un fenomeno molto spiacevole: le statistiche dei contagi da Hiv in Italia. Le cause principali sono: 40% rapporti eterosessuali, 39% rapporti omosessuali maschio-maschio (pudicamente abbreviati come MSM, “maschi che fanno sesso con maschi”). Fonte: 

http://www.salute.gov.it/portale/news/p3_2_1_1_1.jsp?lingua=italiano&menu=notizie&p=dalministero&id=3963

Secondo le statistiche più attendibili, la percentuale di omosessuali nella popolazione umana é inferiore o uguale all’1%. Supponendo che questo valore si riscontri anche in Italia, si ottiene un risultato politicamente scorretto: tra gli omosessuali il contagio dell’Hiv é di gran lunga più frequente rispetto agli eterosessuali. Le cause sono evidentemente: 1. Mancanza di precauzioni. 2. Frequenti rapporti con partner occasionali. Chiaramente sono necessarie ulteriori analisi statistiche più approfondite, ma questi pochi dati sono sufficienti a incrinare il mito della maggiore fedeltà affettiva tra gli omosessuali.