in

Salvini si prepara al voto

Dimensioni testo

Con Matteo Salvini indagato si torna al voto. Matteo è come Nerone. La sua strategia per conquistare Roma appare chiara: fare terra bruciata nel più breve tempo possibile ed andare a elezioni anticipate per poi ricostruire, ma da Palazzo Chigi, e portare quel cambiamento di cui l’Italia, a suo parere, ha bisogno. E lo fa senza guardare in fascia a nessuno: né all’Europa dei burocrati né alla Chiesa, né ai poteri forti né a quei centri di interessi che per anni hanno alimentato il clientelismo.

Un esempio su tutti è la Rai, oggi forse volutamente paralizzata dopo la designazione di Marcello Foa come Presidente e con un AD come Fabrizio Salini isolato nel suo bunker al settimo piano incapace di spostare pure un usciere, senza il rischio di mettersi fuori legge.

Lo scontro è ormai all’arma bianca con Europa, magistratura (la Procura di Agrigento lo ha indagato per sequestro di persona, arresto illegale e abuso d’ufficio, nell’ambito dell’inchiesta sul caso Diciotti), così come con il Capo dello Stato, ma il leader della Lega, forte del suo partito e dei suoi   elettori, che lo seguono come l’Armata Rossa dopo la disgregazione dell’impero zarista, è premiato dai sondaggi. Persino l’ultracattolico Ministro della Famiglia, Lorenzo Fontana, si adegua e non dice una parola sui migranti infestati dalla scabbia e tenuti in ostaggio contro l’Ue sulla nave Diciotti della Guardia Costiera.

Ma tutto ciò non può essere casuale, fa parte di una strategia precisa che punta dritto alle elezioni per incamerare ancora più consensi, grazie a martellanti iniziative social-mediatiche che non costano nulla, in un’Italia sempre pia smarrita.

Il voto diventa per Salvini I’unico modo per ritardare la crisi che sta per abbattersi sull’economia italiana, così da poterla gestire con una maggioranza parlamentare solida e di centrodestra. E anche per questo che società di marketing vicine alla Lega stanno pensando di lanciare una grande campagna di finanziamenti all’americana, per liberarlo dalle maglie della magistratura che indaga sulla distrazione di fondi dell’era Bossi e che ha bloccato tutte le entrate. Sulla scia delle tecniche di fund-raising di Donald Trump si valuta, tra l’altro, di autografare le famose felpe e metterle all’asta per raccogliere donazioni o di organizzare grandi dj set autunnali nelle discoteche con II ministro disc jockey d’eccezione.

In questa strategia di rottura è facilitato dagli smottamenti nel Movimento 5 Stelle, fra l’ala ortodossa di Fico e Di Battista e quella di governo di Conte e Di Maio, e da ministri di peso, come Tria all’Economia e Moavero agli Esteri, totalmente fuori linea da lui, tralasciando Danilo Toninelli, Ministro delle infrastrutture, specialista ormai in gaffe.

Un’occasione ghiotta pure per Berlusconi, per mantenere quel manipolo di parlamentari di Forza Italia, pronti a disertare, e ridare l’oro un guizzo di speranza di andare al governo dopo sette anni di grama. E non è da escludere I’idea anche di portare il Cavaliere sul Seggio più alto del Senato. Ma attento Matteo, perché Nerone non finì benissimo, anche se agli italiani l’idea di un uomo solo al comando, di questi tempi, pare piaccia motto. Dell’analogo tentativo di Renzi si sono già dimenticati.

Luigi Bisignani, Il Tempo 26 agosto 2018

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
7 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Fio
Fio
27 Agosto 2018 17:42

“Un’occasione ghiotta pure per Berlusconi, per mantenere quel manipolo di parlamentari di Forza Italia, pronti a disertare, e ridare… l’oro… quale oro? C’era un tesoretto nascosto? ;) o ridare “loro” un guizzo di speranza di andare al governo dopo sette anni di grama?” ;)

benso di cavour
benso di cavour
27 Agosto 2018 13:34

Ma se un pregiudicato che si è fottuto il n/s etere versando la tangente a Craxi sul conto Al Iberian e tenendolo a vita senza che le frequenze siano messe a gara, fottendosi con la corruzione anche la Mondadori, è possibile che un perfetto imbecille sia nominato ministro con l’ausilio di un comico idiota?

luca velasco
luca velasco
27 Agosto 2018 12:21

maurizio,giuntoli1@virgilio.it Salvini va forte, gli italiani amano la forza ed amano starvi sotto. Ma il tema è il paese e non Salvini. Il paese ha bisogno di ricchezza e posti di lavoro, riforma della magistratura, legge elettorale, mercati dell’Africa/nord ora esclusivo appannaggio dei franciosi , non disprezzare troppo l’EU (porta male) ed ogni altra riforma liberale (anche se non democratica). Si deve fare tutto in fretta, bene ed in misura grandiosa, ben visibile. E questo rende la faccenda un tantino difficoltosa per chi sino ad ora si è allenato solo coi clandestini.

leopard73
leopard73
27 Agosto 2018 10:08

Non dimentichiamo che corvo bianco aveva dato incarico a formare il governo a Cottarelli se bene alle urne spettava alla destra di formare il governo , (spero di sbagliarmi.) sono convinto che alla caduta di questo governo faranno di nuovo un governo tecnico amato dalla sinistra e poteri forti

L LODI
L LODI
27 Agosto 2018 1:00

La sinistra italiana, salvata dalle procure sin dal tempo di mani pulite ha messo in ginocchio questo paese. Ben venga quindi un Salvini che finalmente prende decisioni a favore degli italiani. Speriamo che si vada al voto quanto prima perche’ con Di Maio che apre la bocca senza mai riflettere (vedi l’uscita di non pagare l’Europa), prima il governo cade meglio e’.

paolo albanese
paolo albanese
26 Agosto 2018 19:09

buona sera Dott. Porro. Lei e’ convinto che l’inquilino del colle sciolga le camere e non ci propini l’ennesimo governo tecnico?
distinti saluti
paolo albanese grosseto

Nuccio Viglietti
26 Agosto 2018 17:42

…in passato neppur troppo lontano colonia estiva Olivetti St. Jaques…arrivavano ogni 15 giorni bambini figli dipendenti Olivetti del napoletano…sistematicamente si registravano vari casi di scabbia.
Scabbia indubbiamente inconveniente me no così drammatico…venivano curati e ultimavano loro vacanza…magari grattandosi filino!…no ricordo manifestanti magliette rosse in piazzetta St. Jaques.
https://ilgattomattoquotidiano.wordpress.com/