Scanzi, fenomenologia di una capra

Tale Andrea Scanzi mostra una così sgradevole forma di disprezzo per le donne di cinquant’anni come fossero colpevoli di avere un’età che forse oggi è anche la sua. Pensate che cervello, che razzismo. Una capra nana! Ne parlo in questo video…

Vittorio Sgarbi, 19 febbraio 2020

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Condividi questo articolo

27 Commenti

Scrivi un commento
  1. Qualche tempo fa… ascoltando per l’ennesima volta Scanzi… mi chiedevo come riuscisse a vomitare tante “cazzate”.. così velocemente…

    A parte la sua bieca arroganza… lo proporrei per il Guinnes tra i giornalisti più saccenti…

    (Sarò accecato, ma li vedo solo di sinistra)

    In un frangente del genere… altro che lo “share” di Sanremo…

  2. E quale sarebbe la “scorrettezza linguistica?? Sappi povero moserabile che sono un bi – laureato in grado di riempirti do ***** quando e

  3. La checca isterica sgarbata sön 40anni che ci scassa. Con la sua inutile rabbia iconoclastica si pavoneggia. Con la sua cultura e poi fa comunella con miserabili analfabeti (leghisti o italoforzuti

  4. Quell’INFAME SORRISE …..” Signor “Professore” non si affligga , Noi le vogliamo bene “. 

    La percezione plumbea del fetore di ogni arroganza e lo stridore funereo della supponenza , minusvalenze alla ribalta del mainstream , sine gloria , sine titolo , imposti , come le tasse . 

    L’identificazione del rigetto allergico è il marker indicativo , inversamente proporzionale al millantato credito , alla presunzione , all’incapacità manifesta di codesti bighelloni saputelli congiurati vigliacchetti  , irrilevanti ma fastidiosi come il ribrezzo che produce il male che si compiace e strizza l’occhio alla corte dei miracoli dei feticisti sinistri , rosso Malpelo , Franti malnati . 

    Tra costoro ,  Scanzi , lo scansi chi può , proiezione del pene di mal riposta concezione maschile ,  aggressività mal incanalata . 

    Per fortuna DIO ESISTE , ed in nemesi ci offre l’aulico manifestarsi di VITTORIO SGARBI . Ethos Logos e Pathos della comunicazione.

    L’ansia degli invidiosi conduttori teletolkshow , più concentrati a tacitare ed a silenziare la prorompente cascata in piena di “ giustezza” dialettica di Vittorio , ed improbabili quanto irrilevanti fasulli e capziosi contraltari , simulacro contraddittorio di figuri artefatti alla bisogna , ripiegano tapinamente e senza speranza nella mestizia di figuracce di m…. , al cospetto di cotanta generosa bonomia caratteriale che muta giustamente d’umore e , come diluvio universale castiga l’insolenza strumentale . 

    Il popolo ama Vittorio come pure Salvini , consecutio , nesso e logica . 

    La persuasione convincente , ha in sé la penetrante efficacia della verità rivelata , un argomentare soddisfacente ed esaustivo che non necessita più di nulla , elegia dall’onniscienza , per la gioia che infonde , felicità, che ha tanto a che fare con l’estasi di un amore appagante . 

    Grazie di esistere , vero, immenso e grande professor VITTORIO SGARBI . 

    • Ma noi chi? Signor professore? I professori sono in classe e non a sparare scemenze sui social!

      Il popolo ama il tuo idolo? Ma sei ubriaco?

      La verità rivelata? Ma tu farnetichi!

      Elegia dell’onniscienza? Lo stupore dell’analfabeta di fronte al primo parolaio che incontra.

  5. sono stata tramortita dalla ferocia dell’articolo di Scanzi, che forse può essere interpretata semplicemente come una sequela di insulti dettati dall’invidia con la cattiveria tipica del Fatto. Specchio, specchio delle mie brame chi è il giornalista più figo del Reame? Bello sei tu Andrea, ma uno ancora piu bello di te c’è, elegante è il suo abito e biondo è il suo ciuffo ribelle… brutta bestia l’invidia

  6. I poveri frustrati di sinistra, ormai alla frutta, fanno a gara nel pavoneggiarsi come tombeurs de femmes, roba da tronisti spompati.

  7. La presunzione e supponenza è garanzia di mancanza d’intelligenza, condizione che si associa a tutti gli altri vizi umani: in particolare l’odio, l’invidia. Questi figuri sono i prediletti dai burattinai.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *