Sgarbi vs Cento: “Terrorizzate gli italiani, no al coprifuoco”

Condividi questo articolo


A Quarta Repubblica, Vittorio Sgarbi si scatena contro i provvedimenti anti-Covid del governo e, più in generale, contro l’atteggiamento pandemicamente corretto che pervade la maggior parte dei politici, giornalisti e intellettuali.

Tra i destinatari delle sue accuse Paolo Cento di Sinistra Italiana, favorevole al coprifuoco per bar e ristoranti.

E alla notizia del sondaggio sugli italiani favorevoli alle chiusure, il critico d’arte perde la pazienza: “Sono terrorizzati da un’informazione distorta!”.

Dalla trasmissione del 12 ottobre 2020.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche


Condividi questo articolo


6 Commenti

Scrivi un commento
  1. Dott. Porro, tanto lo so che non mi legge, però ci provo lo stesso con pervicace insistenza. Alla prossima trasmissione di 4a repubblica, vorrei che ponesse queste domande ai suoi esperti. 1) Quale è l’età media dei 36.474 deceduti in Italia? 2) Quanti di questi sono morti A CAUSA del COVID 3) Quanti di questi sono morti CON il Covid (non non è la stessa cosa di A causa del Covid) 3) Quanti sono morti PER il Covid ?(cioè per altre malattie da quelle fisiche, non curate a causa di protocolli che rallentavano l’accesso alle cure necessarie tipo le operazioni o le chemioterapie, a quelle mentali tipo la depressione perchè non si riesce più ad avere entrate sufficienti per mantenere la propria famiglia e ci si suicida) 4) Quale in base a queste domande sarà lo scenario previsto dal governo dea CTS?

  2. pensano di abolire quota cento?. Comincino con questo Cento e poi con il suo anagramma Conte e staremo meglio liberandoci di elementi che sperando di metterci il bavaglio, per ora impongono le mascherine. Appare assai curioso che: gente che da sempre si è formata fancazzando politicamente al bar, oggi , il bar voglia chiuderlo facendo un dispetto alla loro scuola.

  3. nn capisco perche’ si continui a dare voce a dei celebrolesi mentecati
    tipo giuseppi, mattarella , grisanti, ricciardi, galli & company.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *