Commenti all'articolo Sì agli “affetti stabili”: la dittatura finisce in farsa

Torna all'articolo
Avatar
guest
97 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Francesco Nisi
Francesco Nisi
13 Giugno 2020 15:33

Assurdo siamo alla paranoia !

Francesco
Francesco
3 Maggio 2020 18:36

Sono mussulmano, ho due mogli. La seconda moglie che vive in un altro quartiere la posso considerare affetto stabile? Lo so che la bigamia è un reato, ma del resto visto che hanno sospeso la Costituzione e il Corano no, e anche il Papa attuale è favorevole ai rapporti liberi, perché non considerare tra i congiunti pure la terza e la quarta moglie?

carlo
carlo
29 Aprile 2020 12:02

Conte è quel che è, ma gli italiani non sono da meno.
Le ridicole precisazioni su cosa s’intenda per “congiunti” derivano dall’altrettanto risibile richiesta di un chiarimento. Gli italiani, che tanto odiano la burocrazia, di cui farebbero così ben volentieri a meno e che la vivono come una brutalità imposta, sono i primi che vogliono una carta bollata con scritto sopra cosa intende Conte per “congiunti”. Perché? Perché così possono uscire dalle loro tane senza farsela addosso dalla paura se vengono fermati dalla Polizia per un controllo.

“Lei! Si fermi, dove sta andando?”
“da un congiunto signor agente”
“si spieghi meglio!”
“è il fratello dello zio di mio suocero! Guardi qua: Conte nella sua definizione di congiunto, all’art. 4, comma 2, combinato disposto con l’art. 450, comma 5, del Codice Civile, ha detto che si può!”
“ah, va bene, vada vada, glielo concediamo!”

A me non serviva la definizione di “congiunto” e quindi non mi serviva neanche la supercazzola sugli “affetti stabili”. Definizione di “congiunti” del Vocabolario Treccani: “parenti”. Tanto basta. Poi chi se ne frega: un minimo di improvvisazione. O pensiamo veramente che la Polizia vada a vedere se quello è un affetto stabile o no, o se quello è un amico anziché un parente?

Una sana famiglia di immigrati, non si pone dilemmi amletici di “congiunto”.

Riccardo
Riccardo
29 Aprile 2020 5:42

Farsi prendere la mano in periodi storici “ accelerati” è abbastanza facile , tuttavia considerare Conte una cosa seria è fuorviante . Ogni sconfitta porta con sé il seme di una utilità equivalente .Per favore non toglietemi l’unico momento di profondo spasso , Giuseppi in tv . La disnomia di Trump , “ Giuseppi “ fa partire l’incipit la griffe di nuova semantica , bastante in sé a divenire un dongle . Mi sovvien “ vieni avanti cretino “ del comico Walter Chiari , ma il comico interpreta , e per questo possiede intelligenza emotiva per entrare nella parte ; Giuseppi è la parte , appunto un adattatore . Potenza prossemica , immagine che di Maio ed altri del 5 stelle esultando per risultati elettorali , lo sguardo spaesato di Giuseppi col pulloverino , Harry Langdon , comico americano del muto , totale astrazione dal contest , qualcosa che richiama tipologia innocente diversamente abile . Intanto che la politica del fare in 12 mesi tira su un ponte dell’onore e dell’orgoglio del saper fare , da quelle parti il mangiafuoco del disfare e del tramare , del quale poco si parla , l’ex comico , Henri Landru Barbablu di Genova , su questi poveretti inventati e convertiti in stelle dal training autogeno del Grillo , l’altro Peppo , il furbo… Leggi il resto »