in

Sospesa l’estradizione del figlio del narcotrafficante Chapo

Ogni giorno uno sguardo alternativo sul mondo sudamericano

appunti sudamericani

Dimensioni testo

Denunciati penalmente Maduro, Ortega e Diaz Canel in Argentina

Il Forum argentino per la democrazia nella regione (FADER) ha presentato una denuncia penale contro Nicolás Maduro, Daniel Ortega e Miguel Díaz-Canel davanti alla giustizia argentina per i crimini contro l’umanità commessi in Venezuela, Nicaragua e Cuba. La denuncia penale è stata presentata in occasione di una loro visita a Buenos Aires la prossima settimana per partecipare al VII vertice della Comunità degli Stati latinoamericani e caraibici (Celac) in programma il 24 gennaio. “I diritti umani non hanno confini”, ha affermato l’attivista Elisa Trotta Gamus, ricordando che il sistema giudiziario federale argentino ha il potere di indagare su questi crimini contro l’umanità poiché la Costituzione argentina riconosce il principio della giurisdizione universale. La denuncia si basa su numerosi rapporti di prestigiose organizzazioni internazionali, come l’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani, la Commissione interamericana per i diritti umani (IACHR) e Human Rights Watch, che spiegano la persecuzione politica e la repressione nei 3 paesi.

“È inammissibile che nel Paese vengano accolti con lode dittatori responsabili di crimini contro l’umanità. Alberto Fernández e Cristina Kirchner insudiciano e sporcano l’impegno storico che l’Argentina ha avuto con la difesa dei diritti umani, proprio quando festeggiano i 40 anni di democrazia” , ha detto la deputata nazionale Karina Banfi assicurando che “l’Argentina non può diventare un Paese che apre le porte ai dittatori. Dobbiamo accompagnare le vittime nella ricerca della verità, della giustizia e della non ripetizione di questi orribili crimini commessi dalle dittature di Venezuela, Cuba e Nicaragua”.

AMLO valuta la richiesta del Chapo e blocca l’estradizione negli Stati Uniti del figlio

La Giustizia messicana ha concesso a Ovidio Guzmán López, narcotrafficante figlio del leader del Cartello di Sinaloa, Joaquín “El Chapo” Guzmán, una nuova misura provvisoria che sospende la sua estradizione negli Stati Uniti. Il tutto mentre il presidente AMLO risponde positivamente al Chapo che ha chiesto il trasferimento in una prigione del Messico. Andrés López Obrador ha detto la sua richiesta per motivi umanitari “sarà analizzata”, aggiungendo che “bisogna sempre lasciare la porta aperta quando si tratta di diritti umani”. La dichiarazione di López Obrador contraddice quanto detto martedì dal suo ministro degli esteri, Marcelo Ebrard, che ha sostenuto di non vedere alcuna possibilità di soddisfare la richiesta perché l’ex capo del cartello di Sinaloa è già stato condannato negli Stati Uniti. La richiesta del Chapo resa nota l’altroieri era stata fatta in realtà due giorni dopo che i militari messicani avevano arrestato Ovidio Guzmán.

Non è la prima volta che AMLO mostra vicinanza o fa gesti al boss mafioso o ai suoi parenti. Celeberrima la stretta di mano del presidente con la madre di `El Chapo’, María Consuelo Loera, con la quale ha anche scambiato parole: ”Ti saluto, non scendere dalla macchina. Ho già ricevuto la tua lettera”, accusato di offendere le vittime del traffico di droga. Nel novembre dello scorso anno, il presidente ha detto di aver ricevuto una lettera in cui le sorelle del narcotrafficante chiedevano il suo aiuto in modo che potessero incontrare `El Chapo’ in prigione. Inoltre è noto che ha già visitato almeno 5 volte il paesino natale del Chapo, a fare cosa non si sa.

Il deputato repubblicano eletto a New York è il “ballista del secolo” secondo il New York Post

Eppure è ancora lì, seduto al Congresso come rappresentante eletto per il 3 ° distretto di New York. Al che, si chiede il New York Post, che cosa deve fare questo buffone ridicolo prima di essere rimosso dall’incarico? Ha detto di aver frequentato la Horace Mann School nel Bronx. Non l’ha fatto. Ha affermato di essersi laureato nel top 1% della sua classe al Baruch College nel 2010 con una laurea in economia e finanza. Non l’ha fatto. Ha detto che era una “stella” nella squadra di pallavolo Baruch. Non lo era. Ha detto di aver conseguito un MBA alla NYU. Non l’ha fatto. Ha detto che ha lavorato presso Goldman Sachs e Citigroup. Non l’ha fatto. Ha affermato di possedere e gestire un portafoglio immobiliare di 13 proprietà. Non l’ha fatto. Ha detto di aver gestito una fondazione chiamata Friends of Pets United, salvando 2.500 cani e gatti tra il 2013 e il 2018. Mai fatto. Ha detto che è stato “apertamente gay per un decennio”, ma ha divorziato da una donna nel 2019. Poi arriviamo alle cose davvero brutte…

Nel luglio 2021, Santos ha twittato che gli attacchi dell’11 settembre “hanno portato via la vita di mia madre” che ha detto che stava lavorando nel suo ufficio nella torre sud. Sua madre non è morta l’11 settembre. È morta di cancro nel 2016 e non ci sono prove che abbia mai lavorato al World Trade Center. Ha fatto credere che sia ebreo. Non lo è. Ha affermato che i suoi “nonni sono sopravvissuti all’Olocausto” e “sono fuggiti dalle persecuzioni durante la seconda guerra mondiale.” Non l’hanno fatto. Ha detto di aver perso quattro dipendenti nell’orribile sparatoria di massa del nightclub Pulse nel 2016. Altra balla. Ha affermato di essere stato aggredito mentre stava per pagare centinaia di dollari in affitto al suo padrone di casa del Queens durante un caso di sfratto. Mai successo.

Insomma “un disgustoso, ripugnante, piccolo rospo bugiardo” lo definisce il NYP.  E mentre una sfilza di indagini ora avvolge Santos che circonda una miriade di irregolarità finanziarie personali-è stato accusato di frode fiscale in Brasile, ma è fuggito negli Stati Uniti prima che il caso arrivasse in tribunale e abbia sentenze civili contro di lui a New York per l’affitto non pagato — e la possibile corruzione del finanziamento della campagna, si pone la domanda: cosa diavolo sta ancora facendo seduto al Congresso degli Stati Uniti? Per la cronaca Santos è accusato anche di aver truffato un veterano disabile e senzatetto con 3.000 dollari donati per salvare il cane morente dell’uomo. “È una vergogna che McCarthy non lo abbia ancora costretto a dimettersi. Non ha vergogna, signor presidente?” Conclude il NYP.

“Gli Stati Uniti usano i fondi che danno alle loro ONG per destabilizzare le democrazie”

La denuncia gravissima la fa il presidente di centro destra del Guatemala Alejandro Giammattei da tre anni in carica in una intervista pubblicata oggi dal quotidiano spagnolo conservatore LA RAZÓN. Giammattei attacca gli Stati Uniti per la sua gestione nella lotta contro il traffico di droga e accusa l’amministrazione Joe Biden di utilizzare i fondi degli Stati Uniti per lo sviluppo in America centrale per destabilizzare le democrazie, come assicura che è successo “più volte” in Guatemala.

Paradiso della pace il Costa Rica? Non più, il 2022 è stato più violento della sua storia

Mentre il suo vicino El Salvador ha ridotto la criminalità, il paradiso centroamericano ha vissuto una svolta drammatica. Il paese ha chiuso il 2022 con 656 omicidi, il che rappresenta un aumento del 12% rispetto al 2021, secondo i dati pubblicati dalla Judicial Investigation Agency (OIJ). Queste cifre fissano il tasso di omicidi a 12,6 per 100.000 abitanti, il più alto nella storia da quando sono disponibili i dati (in Italia è di 1). D’altra parte, El Salvador, che nel 2015 si è affermato come il paese più violento del mondo con un tasso di omicidi di 103 ogni 100 mila abitanti, ha chiuso il 2022 con 7,8, il tasso più basso di sempre e della regione. Sempre più funzionari costaricani lodano le politiche dure di Nayib Bukele, criticato ferocemente, al pari di Giammattei, dall’amministrazione Biden, alleata invece del governo del Costa Rica.

Paolo Manzo, 20 gennaio 2023


Tutto sull’America Latina e il suo impatto su economia e politica del vecchio continente. Iscriviti gratis alla newsletter di Paolo Manzo http://paolomanzo.substack.com. Dopo una settimana se vuoi con un abbonamento di 30 euro l’anno avrai diritto oltre che alla newsletter a webinar e dossier di inchiesta esclusivi.