in

Speranza ascolta gli esperti sbagliati

La corsa di Speranza e dei televirologi a terza dose e vaccinazione ai bambini, ma nella grancassa propagandistica c’è qualcosa che non torna

speranza consulenti

Dimensioni testo

Intervenendo alla presentazione di un libro del professor Luca Richeldi, pneumologo ex componente dell’onnipotente Comitato tecnico scientifico (di seguito se ne capisce il motivo), il ministro della Salute Roberto Speranza, interpellato dai giornalisti sul tema caldissimo dei vaccini, ha dichiarato: “Sono ore delicate. Si discute di terza dose” di vaccino anti Covid “che non è di destra o di sinistra. La comunità scientifica ci dice che dopo 6 mesi c’è un calo di protezione e noi ci mettiamo sulla terza dose. Anche con i vaccini agli under 12 guida la scienza”.

Già, la scienza, ma quale? Quella da due anni ci dice tutto e il contrario di tutto e che come unica strada per contenere una malattia con una relativa bassa letalità ha chiesto al governo di paralizzare il Paese per un tempo infinito? Quella stessa scienza che per bocca del portavoce dello stesso Cts, Franco Locatelli, lo scorso anno di questi tempi (lo ha ricordato uno straordinario Daniele Capezzone a Quarta Repubblica) cercava di tranquillizzare un Paese ancora senza vaccini quando c’erano circa 700 terapie intensive occupate dai malati di Covid-19, mentre oggi con appena 400 posti letto impegnati tende a drammatizzare una situazione assolutamente sotto controllo? Infine, stiamo parlando della scienza del virologo star Roberto Burioni, che ha subìto una inverosimile metamorfosi, passando dal famoso “rischio zero” al rischio d’estinzione della specie se tutti non si vaccinano, cani e gatti compresi?

Il problema, ed è veramente colossale per la nostra declinante democrazia, che ancora una volta ci si fa scudo di un concetto della scienza che con la scienza medesima non ha nulla a che vedere. Un concetto dogmatico di natura religiosa il quale, come è spesso accaduto nei periodi più oscuri attraversati dalle società umane, viene continuamente modificato per pure ragioni di convenienza politica, utilizzandolo come una clava per tacitare ogni dissenso. Quindi gli “scienziati” allineati, fornendo un comodo alibi a Speranza & company, ne ottengono poi un evidente ritorno sotto molti aspetti, che sarebbe inutile elencare. Idem con patate per la gran parte dell’informazione nostrana, oramai ridotta al ruolo di grancassa propagandistica di un regime sanitario da incubo.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
71 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Marco
Marco
11 Novembre 2021 17:42

È “lui” il primo ……

paolospicchidi@
paolospicchidi@
11 Novembre 2021 14:12

E se come dice Antonio le TI l’anno scorso erano 3.800 e quest’anno 400 vuole dire che FORSE i vaccini funzionano e quindi anche gli esperti e Speranza.

paolospicchidi@
paolospicchidi@
11 Novembre 2021 14:08

A dimostrazione dell’efficacia dei vaccini utilizzati in Italia contro il Covid basta andare a consultare questo LINK
https://portale.fnomceo.it/elenco-dei-medici-caduti-nel-corso-dellepidemia-di-covid-19/
In cui si vede che i MEDICI morti di Covid in Italia sono stati più di 360, l’elenco fatto con nomi, cognomi, specializzazione, DATA DELLA MORTE, ecc da un chiaro quadro di quanto (TANTO) i vaccini abbiamo fatto PER FERMARE LE MORTI DEI MEDICI E PER LOGICA CONSEGUENZA DI TUTTI GLI ALTRI ITALIANI… SEGUE…nella risposta…

paolospicchidi@
paolospicchidi@
11 Novembre 2021 14:05

400… fan presto a diventare 700…
Non mi sembra che gli altri Paesi Europei (Occidentali) fanno/hanno fatto cose molto diverse dal nostro Governo…anche loro ascoltano gli esperti di Speranza??? Non credo… quindi… questo mi fa pensare che gli esperti che ascolta Speranza non siano tanto diversi da quelli ascoltati dai Paesi Europei Occidentali… e penso anche che sia un bene.

agosvac
agosvac
11 Novembre 2021 12:44

L’indice di letalità viene calcolato dal numero dei morti riferito ai contagiati ed è già basso. Ma il vero indice sulla pericolosità di una Pandemia è quello calcolato sui morti rispetto all’intera popolazione mondiale ed è sempre stato bassissimo. Attualmente i morti sono circa 5 milioni e gli abitanti della Terra sono circa 8 miliardi. Facile trovare il vero tasso di mortalità: basta moltiplicare 5 milioni per 100 e dividere per 8 miliardi, si ottiene uno 0,0625% che non dà eccessive preoccupazioni.

Carolin
Carolin
11 Novembre 2021 12:39

Roberto Speranza: Cristo, i tiepidi come te (vili e senza cuore) li sputa e vomita dalla bocca. È meglio un assassino che si pente e dedica tutta la sua vita a salvare la vita degli altri, che un patetico pusillanime come te! Cristo non avrà pietà per gente vile e debole come te!

paolina
paolina
11 Novembre 2021 12:39

non è certo lui a decidere cosa fare e chi ascoltare. lo sappiamo tutti, vero?

paolina
paolina
11 Novembre 2021 12:38

il ministro fa e ascolta quello che gli dicono i suoi burattinai. punto.