in

Strasburgo, l’Islam sparisce dai titoli

Dimensioni testo

Non è la prima volta che accade. Anzi. Ormai si può considerare una triste abitudine della stampa italiana che, davanti alle espressioni “fondamentalista islamico”, “terrorismo islamico” perde improvvisamente lo slancio, comincia a balbettare e alla fine lascia cadere l’aggettivo. Fondamentalista, radicalizzato, terrorista. Queste parole, senza aggettivi, evitano il problema (fondamentalismo islamico) per evitare problemi col politicamente corretto. E la prima pagina è fatta. Incomprensibile ma è fatta. Nel caso dell’assassino che ieri sera, a Strasburgo, in Francia, ha sparato sulla folla del mercatino di Natale, il fatto che sia islamico è parte integrante della notizia. Ma il lettore non deve sapere. Il terrorismo è terrorismo. Niente da aggiungere. A meno che l’assassino sia bianco e cristiano. Allora specificare è lecito, perfino doveroso.

Oggi ci diranno che il killer di Strasburgo era legato alla criminalità comune ma ci sarà un motivo se era schedato come fondamentalista islamico potenzialmente pericoloso.

Questa pavidità, che viene spacciata per rispetto, ci dice purtroppo qualcosa su noi stessi. Studiosi come Alain Finkielkraut o Roger Scruton ci hanno messo in guardia: per espiare la responsabilità delle tragedie del XX secolo abbiamo rinunciato alla nostra identità per accogliere l’Altro. Purtroppo l’Altro userà le nostre leggi per arrivare al potere e la sharia per dominarci. Ma forse ha ragione Michel Houellebecq in Sottomissione: l’Europa è stanca di essere libera e non vede l’ora di deporre il fardello.

Secondo Oriana Fallaci, l’Europa divenuta Eurabia sarà il parco giochi degli Emiri. La Francia, per la scrittrice, era una causa persa in partenza. I suoi leader hanno accolto immigrati su immigrati. Quando si sono accorti che ciò costituiva un problema, anche di ordine pubblico, non potevano più fare nulla. E così ripetono cavolate “corrette” o ci vengono a dire che l’attuale migrazione è un inarrestabile processo storico e nulla ha a che fare con il terrorismo. Sappiamo tutti che sono falsità. Alcuni componenti del gruppo che fece una strage al Bataclan erano siriani, giunti irregolarmente in Europa. Quando si parla di islam bisogna sempre aggiungere che è una religione di pace. In effetti i suoi critici rischiano di raggiungere la pace eterna per mano di qualche radicalizzato islamico.

Alessandro Gnocchi, 12 dicembre 2018