in

Terrorismo islamico

Un musulmano uccide un cattolico bianco, ma non si può dire

Il terrorismo islamico fa l’ennesima vittima a Marsiglia nel silenzio dei media francesi

Alban Gervaise(1)

Dimensioni testo

: - :

Il 27 maggio, un dispaccio dell’Agence France-Presse annunciava la morte di un “tale gravemente ferito perché accoltellato davanti alla scuola dei suoi figli, a Marsiglia”. L’Afp specificava che la vittima era un medico militare, che l’aggressore era “di nazionalità francese” e che pare avesse agito “in nome di Dio”, aggiungendo che “l’ipotesi terroristica era stata esclusa dagli inquirenti” e che “l’uomo soffriva solo di disturbi psicologici”. Compreso il messaggio di cordoglio del ministro delle Forze Armate e del Sindaco di Marsiglia, l’agenzia aveva speso 225 parole per raccontare l’omicidio. Pochi giorni dopo, sempre l’Afp raccontava una rissa tra cicogne e dell’intensa emozione che la cosa aveva suscitato sui social. Per il cicognicidio erano state dedicate 352 parole. Una cicogna fa più notizia di un padre di famiglia assassinato in nome di Allah.

Il silenzio dei media francesi

Se, infatti, Alban Gervaise è un nome che non ti dirà nulla, è perché come Samuel Paty, Jacques Hamel o Arnaud Beltrame questo medico militare è una delle troppe vittime del terrorismo islamico che funesta l’Europa, ed in particolare la Francia, ma di cui non si può, non si deve parlare. Tant’è che le agenzie di stampa francesi non hanno voluto diffondere i dettagli di quello che è terrorismo islamico a tutti gli effetti. Gervaise era un medico di quarant’anni, era andato a prendere due dei suoi tre figli – uno di 3 e l’altro di 7 anni – alla scuola privata cattolica Sévigné, a Marsiglia. Aspettava seduto su una panchina, quando ad un tratto Mohamed L., 23 anni, ha iniziato ad accoltellarlo in petto al grido di “Allahu Akbar”.

La vittima: un cattolico bianco

Alban Gervaise era colpevole di essere un cattolico bianco in una città dove i cattolici sono sempre meno vista l’imperante l’islamizzazione. E ha dovuto scontare anche il fatto di essere accoltellato nel bel mezzo della campagna elettorale per le legislative francesi: ecco perché il caso è stato insabbiato e, dai media alla politica, è stata imposta una coltre di silenzio. Ancora un’aggressione islamica avrebbe disturbato troppe narrazioni e magari influenzato qualche voto. Dieci coltellate in petto e alla gola, per morire davanti a dei bambini e ai propri figli, perché lo vuole Maometto, non sono una notizia per la Francia di Macron.

L’assassino: immigrato di seconda generazione

Mohamed L., 23 anni, nato a Brignoles (Provenza-Alpi-Costa Azzurra), immigrato di seconda generazione, e che in Francia aveva trovato il modo per radicalizzarsi, era già noto alla polizia, ma non all’intelligence territoriale. E quando Mohamed ha accoltellato il medico militare, non s’è risparmiato dal spiegare a tutti che stava agendo in nome di Allah, e di voler semplicemente punire gli “infedeli”. Né titoli, né prime pagine, né conferenze stampa, né visite di Stato per un cattolico ucciso da un musulmano. Con la notevole eccezione de L’Union, quotidiano dell’Ardenne, che il 31 maggio ha pubblicato un editoriale intitolato “Alban Gervaise, un nome che per te non significa niente”, indignandosi per il trattamento mediatico riservato all’assassinio. Anche Le Figaro ha provato ad occuparsi del caso, ma se la politica ignora e non condanna, è normale che le notizie spariscono in un amen. “Vorrei capire perché il barbaro omicidio del nostro collega, Alban Gervaise, è stato così poco considerato dalla stampa”, dice un alto ufficiale dell’esercito parigino. “Perché era un soldato? Per ideologia o per negare la realtà? Ci poniamo la stessa domanda. E vogliamo una risposta perché questo silenzio mediatico è come una seconda morte”.

Terrorismo islamico, nessuna condanna

Solo Julien Dray, ex deputato socialista che ha appena lanciato il suo movimento, Reinvent!, ha osato affermare pubblicamente che “volevamo nascondere le cose”, chiedendosi se questo tipo di atteggiamento è dipeso dal “dalla stampa locale, che non ha voluto dare i primi elementi che aveva, o da autorità e magistratura che si sono risparmiate i dettagli”. Neanche il fatto che dei bambini abbiano dovuto assistere al massacro del padre, ha commosso la Francia. Sono finiti i giorni in cui, di fronte a tragedie di questo tipo, un Presidente della Repubblica riceveva sistematicamente i parenti delle vittime al Palazzo dell’Eliseo per manifestare la sua compassione e solidarietà nazionale. Sono finiti i tempi della condanna plateale al terrorismo islamico.

44 mila vittime di accoltellamenti

Dopo le sanguinose tragedie dell’affaire Mehra, Charlie Hebdo e il negozio kosher di Porte de Vincennes, Bataclan, Nizza, Saint-Etienne de Rouvray, tanti altri, il fenomeno a cui assistiamo non è semplicemente di una banalizzazione del male, ma dell’islamismo. Secondo lo studio del 2020 dell’Osservatorio nazionale della delinquenza e delle risposte criminali (ONDRP), tra il 2015 e il 2017, in Francia sono state registrate 44 mila vittime di accoltellamenti, ovvero più di 120 al giorno: epidemia di crimini da coltello importata dalla Gran Bretagna e che ha nei musulmani gli attori protagonisti.  La Francia ha contato, per dieci anni, più di 250 vittime del terrorismo islamista. E il fatto che l’omicidio del medico cattolico non rientri nel terrorismo è perché i criteri utilizzati dai media, e della politica interna, sono incapaci – o si rifiutano! – di inquadrare la realtà dei fatti.

Tutti gli studi sul jihadismo europeo hanno dimostrato che l’esistenza o meno di una sigla poco importa. Il modus operandi pensato dal al-Qaeda, e po’ più estraneo a Daesh, lavora alla radicalizzazione puntando sulle carceri e sui centri islamici. Legando insieme imam, fedeli e jihadisti già formati si fa proselitismo a scopo di islamizzare l’Occidente che necessita di essere ripulito da “infedeli”, i cristiani e i bianchi. La minaccia è mutata nel corso del tempo, poiché dagli attacchi relativamente complessi e spettacolari di qualche anno fa, siamo arrivati a metodi decisamente meno sofisticati (coltello, attentati con autoveicoli e speronamento, incendi) che inoltre sono molto più difficili da prevenire per le forze di sicurezza.

Jihadismo radicalizzato

I cosiddetti “attentati a bassa capacità”, gli ordigni esplosivi improvvisati (IED), gli attentati con veicoli presi in affitto o rubati, i furgoni, i crimini da coltello e, più in generale, le aggressioni con armi leggere, fanno da corollario ad un teorema che ci spiega come poco importa se il “Califfato” sia in forma o meno: il credo jihadista si è così tanto radicalizzato in Occidente che individui e piccole cellule sono pronti a colpire senza alcun coordinamento con la cellula madre. L’islam, che ha in sé le caratteristiche proprie di un progetto politico, è privo di un’autorità con cui negoziare a nome di tutta la comunità religiosa, pertanto i suoi discepoli agiscono anche liberamente in nome di un’ideale a cui sono stati educati fin da bambini.

Il terrorismo islamico è ibrido. E le sue piccole cellule, dimostrano, come i recenti fatti francesi, di avere piena conoscenza del terreno in cui operano: ricorrono alla strategia del raid muovendosi in piccoli gruppi e usano armi leggere, per colpire e ritirarsi immediatamente senza permettere una risposta efficace e senza trasformarsi in un obiettivo statico. Spesso queste azioni potrebbero apparire disorganizzate e di basso profilo, ma sono l’effetto di una strategia più articolata che mira a indebolire la presa del governo sulla popolazione. L’omicidio del medico cattolico né è la prova: se i media e la politica si dimostrano esautorati e vittime di un politicamente corretto che impone il silenzio, chi avrà paura di uccidere ancora in nome di Allah e di non sentirsi conquistatore d’Europa?

Europa sotto minaccia

Quattro dei dieci lupi solitari che hanno agito nella Ue, negli ultimi due anni, erano in possesso della cittadinanza europea. Cinque di loro erano entrati nell’Ue come richiedenti asilo o migranti irregolari; in quattro casi, si trattava di soggetti entrati nell’Ue diversi anni prima di portare a termine il loro attacco. Ciò dimostra la necessità di un maggiore controllo sui flussi migratori, ma anche della pervasività della minaccia jihadista in Europa: nel 2020 nell’Unione Europea sono stati compiuti 10 attacchi terroristici (senza contare quelli sventati e/o falliti), con un totale di 12 morti e 47 feriti. Quello che è accaduto a Marsiglia è drammatico e deplorevole. Specie per il silenzio che ha coperto i fatti. Ma è difficile restarne stupiti poi troppo.

Dal 2005 le banlieue di Parigi sono comparse sulle prime pagine dei quotidiani di tutto il mondo: grandi quartieri periferici con un’alta densità demografica di musulmani, molti dei quali radicalizzati che si moltiplicano per numero e densità. Per intenderci, basta pensare alla banlieue di Saint-Denis, nascondiglio dei terroristi del 13 novembre 2015.

A Marsiglia dei circa 850 mila abitanti, il 45 per cento dei cittadini sotto i 30 anni è di fede musulmana e le proiezioni da qui ai prossimi 40 anni sono drammatiche. È la città con la più alta percentuale di fedeli musulmani di tutta la Francia. Con molti problemi di disoccupazione giovanile e povertà, secondo alcune statistiche, Marsiglia potrebbe diventare la prima città a maggioranza musulmana dell’Europa occidentale. Come può non accadere, quindi, che un bianco cattolico non disturbi un fedele di Allah? Ma come può accadere che nessuno ne parli, quello sì che inquieta, forse, ancor di più.

Lorenza Formicola, 17 giugno 2022