in

Vaccini e morti, nuovi dati dagli Usa - Seconda parte

Dimensioni testo

Inoltre se consideriamo solo le tipologie di vaccini per influenza stagionale somministrate, queste raggiungono il numero di rilevazioni per decessi pari a 2008 casi, quindi otto volte di meno rispetto ai preparati Covid-19.

Il totale di dosi somministrate negli USA

Al 30 settembre 2021 il numero di dosi somministrate negli USA di vaccini per la Covid-19 sono state:

Rapportando le dosi somministrate ai casi avversi e normalizzando per 100mila otteniamo:

Dalla tabella sopra riportata osserviamo come:

  • Il vaccino Janssen risulta il più segnalato considerando che il fattore di utilizzo è di 10 volte inferiore rispetto a Moderna e 15 volte rispetto Pfizer.
  • Il vaccino Moderna risulta essere il meno segnalato per quanto concerne gli effetti avversi gravi.
  • Il vaccino Pfizer ha un tasso di mortalità quasi il doppio rispetto a Moderna: 5,1 contro 2,8 casi x100mila dosi somministrate.
  • Considerando il totale dei decessi e il totale delle dosi somministrate il tasso di decesso è pari a 4,3casi x100mila dosi.

Il confronto con la situazione italiana

Aifa nel suo ultimo report #8 del 28 agosto riporta la seguente situazione:

Osservando la tabella 1 sopra e confrontandola con i dati ricavati precedenti, notiamo come Aifa riporta:

  • per Pfizer un tasso di 113 à mentre il VAERS 203 casi per 100mila dosi;
  • per Moderna un tasso di 80 à mentre il VAERS 220 casi per 100mila dosi;
  • per Janssen un tasso di 85 à mentre il VAERS 438 casi per 100mila dosi;

Per le segnalazioni di decesso invece, Aifa comunica la seguente nota a commento della tabella 3 dello stesso report: