Commenti all'articolo Vaccini: i pasticci dell’Ue ci costano 90 miliardi

Torna all'articolo
Avatar
guest
16 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Stefano amati
Stefano amati
14 Marzo 2021 13:51

AH AH MA COSA CREDEVA O I PECORONI ITALIANI.. FINCHÉ IL MAGNA MAGNA NON AVRÀ SODDISFATTO TUTTE LE IENE.. QUESTA FARSA NON FINIRÀ.

alessandro
alessandro
14 Marzo 2021 11:20

I ritardi nella fornitura di vaccini contro il coronavirus AstraZeneca all’Unione Europea sono in parte dovuti al fatto che l’impianto per la produzione del farmaco nei Paesi Bassi non ha ancora trasferito una singola dose a Bruxelles. A riferirlo è il Financial Times:
“I problemi del vaccino AstraZeneca dell’UE legati al ritardo della fabbrica misteriosa “…………………………….
https://www.ft.com/content/8e2e994e-9750-4de1-9cbc-31becd2ae0a8
Lo stabilimento della città olandese di Leida, come fa notare il giornale, risulta essere presente nel contratto di fornitura come uno dei principali centri di produzione del principio attivo utilizzato per il vaccino, insieme allo stabilimento del belga Senef. L’impianto nei Paesi Bassi, gestito da un subappaltatore di Halix, dovrebbe produrre almeno 5 milioni di dosi e farle pervenire nell’UE. Tuttavia, come osserva il quotidiano, nonostante sia in corso la produzione di vaccini, l’impianto non ha ancora ricevuto il permesso di rifornimento dall’Agenzia europea per i medicinali (EMA). Secondo le fonti della pubblicazione, per questo AstraZeneca non ha ancora fornito al regolatore tutti i dati necessari. Un portavoce di AstraZeneca ha recentemente affermato che “l’approvazione dell’EMA per la struttura sta procedendo come previsto”.

stefano
stefano
14 Marzo 2021 10:46

Stare dentro l’europa e personalmente fino a qualche anno fa non ero antieuropa vuol dire condanna a morte e nessun futuro.
Non a caso sono fermi a 27 i paesi aderenti,e quelli che devono entrare stanno frenando.
Se fanno un referendum come è stato per UK non entrano,e molti invece escono.

stefano
stefano
14 Marzo 2021 10:42

Poi dopo il 5 aprile torna tutto come prima.
Ristoranti chiusi alle 18.00
Divieto spostamento tra regioni.
Mascherine addosso anche all’aria aperta vaccinati o non non fa differenza almeno fino a tutto il 2022 e avanti così.
Turismo straniero di nuovo dimenticarselo per tutto il 2022 e comunque fino a quando non sarà il paese allineato a quelli più aperti e avanti così.
Nel peggio l’italia non perde occasione per piazzarsi sempre al primo posto.