in

Vaccini in Toscana: i dati sbugiardano Giani

giani vaccini
giani vaccini

Dimensioni testo

“La nostra macchina vaccinale funziona, la Toscana è stata tra le regioni che si sono organizzate meglio e forse quella che, nell’attuale situazione di scarsità di vaccini, ha disperso meno le risorse disponibili.” Parola del presidente della regione Toscana, Eugenio Giani.

Entusiasmo ingiustificato

Pochi giorni fa il neogovernatore del Pd ha inviato una lettera al Tirreno dai toni autocelebrativi e trionfalistici in merito all’andamento della campagna vaccinale nella sua regione, descritta quasi come la migliore d’Italia. “Ho spesso detto – ha aggiunto Giani – che non c’era nessun “caso Toscana” e lo ripeto.” Al punto che lo stesso quotidiano non ha potuto che titolare così la lettera del suo governatore: “Vaccini agli anziani. La nostra regione tra quelle virtuose”.  

Insomma, il governatore sembra essere entusiasta di come sta procedendo la vaccinazione e non c’è che rimanere sorpresi che il generale Figliuolo non lo abbia ancora contattato per farsi indicare la strada maestra da seguire per vaccinare, vaccinare e vaccinare, come solo la Toscana sa fare. E quindi Generale, cosa aspetta? Una regione così virtuosa non può che diventare un modello, la linea guida per tutte le altre.

Vaccinazioni, il flop Toscana

Peccato che proprio ieri ci ha pensato la Fondazione Gimbe a riportare Giani sul pianeta Terra pubblicando i dati delle vaccinazioni nelle varie regioni d’Italia e attestando la Toscana come la peggiore (cioè l’ultima in classifica!) nella somministrazione di entrambe le dosi agli over 80 (29,3%) e in dodicesima posizione per la fascia 70-79 anni (2,5%). In testa troviamo invece le province autonome di Bolzano e di Trento rispettivamente con il 65,9% e il 61,4% degli ultraottantenni immunizzati. Le altre regioni con performance di gran lunga superiori alla media nazionale del 43,9% sono il Molise (55%), il Lazio (53,5%) e l’Emilia-Romagna (51,6%).

Alla faccia della virtù. Non so voi ma a me non sembra che i dati di cui gode la Toscana sulle fasce fragili siano così confortevoli. Magari la regione di Giani si salva con il dato delle vaccinazioni complete (entrambe le dosi) somministrate. Macché, si trova al quindicesimo posto con il 6,7% della popolazione vaccinata, sempre al di sotto della media nazionale.

E allora caro Presidente, come si direbbe dalle sue parti: “bando alle ciance”, invece di lodarsi pensi a vaccinare.

Marco Baronti, 16 aprile 2021

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
12 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Nunziata
Nunziata
17 Aprile 2021 23:04

Vivo in Toscana e posso confermare che Giani farebbe meglio a stare in silenzio . I fragili stanno aspettando di essere vaccinati. Nel contempo sono stati vaccinati avvocati, magistrati, e dipendenti del Tribunale!!!! Una vergogna!!!!!

Patti
Patti
17 Aprile 2021 11:51

Ieri, su “La Verità”…i dati di tutte le reazioni avverse che si sanno da 3 mesi a questa parte…sui vaccini.
E, indovinate chi ne provoca di più?… Non l’az…
Ma, naturalmente, queste notizie vengono trattate con parsimonia dai giornaliunicidelvirus.. e dai politicicialtroniavididipotereedenaro

https://www.laverita.info/tutti-gli-effetti-avversi-dei-vaccini-in-tre-mesi-2652596372.html

Flavia
Flavia
17 Aprile 2021 11:28

Sono un professionista sanitario residente in Toscana e ho avuto la possibilità di vaccinarmi ad inizio 2021. Purtroppo confermo che la campagna vaccinale in Toscana è stata gestita in modo alquanto discutibile. Tutt’oggi persone anziane e cosiddette fragili attendono ancora la disponibilità dei vaccini per procedere con la prenotazione oppure se prenotate già da lungo tempo non hanno ancora ricevuto la conferma della data per la somministrazione del vaccino. E’ stata data priorità a categorie e persone a discapito di coloro che per ragioni di salute sono molto più esposti alle eventuali complicanze della malattia Covid19.
Questa è una evidente mancanza di programmazione e mi dispiace dirlo, di estremo pressapochismo in un momento in cui la collettività ha forte bisogno di certezze e di sicurezza.

Nicola
Nicola
16 Aprile 2021 22:17

In Toscana si sono vaccinati gli avvocati e gli ultraottantenni sono rimasti un po’ indietro. Mi sa che se si guardano i dati, in questo momento tenuti in grande considerazione, qualcosa è andato storto. Difendersi va bene ma affermare di essere addirittura i migliori mi sembra un po’ eccessivo.

Michele
Michele
16 Aprile 2021 19:54

Articolo di parte e in totale malafede come spesso avviene dalle parti di PORRO. La Toscana vaccina kn base alle dosi che le vengono assegnate, purtroppo non tantissime. La LOMBARDIA si è mossa male ma ora gira meglio perché dispone di un alto numero di dosi in quanto la Pandemia l”ha colpita e la colpisce pesantemente

Roberto
Roberto
16 Aprile 2021 16:24

Neanche gli si allunga il naso….kompagno di fake news è pieno il web!!!

Pico
Pico
16 Aprile 2021 15:27

Giani, detto il Ciambellano di Corte, presenzialista, fancazzista da una vita, paraculista, sempre pronto a frequentare i salotti buoni della para-aristocrazia decaduta di Firenze, obbediente alla Curia di turno, supino di fronte agli ordini di Partito e sopratutto grande equilibrista trasformista in salsa gigliata. Dopo il cas..otto vaccini ora si ritrova pure la n’drangheta sotto la scrivania trascinando la Toscana in un baratro giudiziario inimmaginabile. Giani…colui che ha perso la verginità e il suo ridolo primato antropologico e di partito. Ma state certi i toscani, e fiorentini in particolari, rivoteranno PD e affini come tanti piccoli ascari allineati e pedissequamente obbedienti al verbo comunista….da fascisti terribili che erano i loro nonni a maso-comunisti a vita.

PAOLO
PAOLO
16 Aprile 2021 14:53

Figura di palta!
Infatti, sempre basandosi sui dati ufficiali, in Toscana abbiamo ancora un elevato numero di contagiati e di ricoveri. Segno che le vaccinazioni hanno inciso poco proprio per il fatto di averle somministrate in prevalenza a categorie che potevano benissimo aspettare. Siamo arancioni per modo di dire perchè le principali province sono rosse.
Sono stati vaccinati gli avvocati, i notai, i docenti ed il personale universitario perchè ad università chiuse è chiaro che c’è pericolo di contagio……….gli anziani (e i fragili) invece no!
Giani faceva meglio a rimanere il “taglianastri” che era, invece che ambire a Governatore, cosa che per adesso non gli sta riuscendo per niente bene.