in

Vaccini in Toscana: i dati sbugiardano Giani

giani vaccini

Dimensioni testo

“La nostra macchina vaccinale funziona, la Toscana è stata tra le regioni che si sono organizzate meglio e forse quella che, nell’attuale situazione di scarsità di vaccini, ha disperso meno le risorse disponibili.” Parola del presidente della regione Toscana, Eugenio Giani.

Entusiasmo ingiustificato

Pochi giorni fa il neogovernatore del Pd ha inviato una lettera al Tirreno dai toni autocelebrativi e trionfalistici in merito all’andamento della campagna vaccinale nella sua regione, descritta quasi come la migliore d’Italia. “Ho spesso detto – ha aggiunto Giani – che non c’era nessun “caso Toscana” e lo ripeto.” Al punto che lo stesso quotidiano non ha potuto che titolare così la lettera del suo governatore: “Vaccini agli anziani. La nostra regione tra quelle virtuose”.  

Insomma, il governatore sembra essere entusiasta di come sta procedendo la vaccinazione e non c’è che rimanere sorpresi che il generale Figliuolo non lo abbia ancora contattato per farsi indicare la strada maestra da seguire per vaccinare, vaccinare e vaccinare, come solo la Toscana sa fare. E quindi Generale, cosa aspetta? Una regione così virtuosa non può che diventare un modello, la linea guida per tutte le altre.

Vaccinazioni, il flop Toscana

Peccato che proprio ieri ci ha pensato la Fondazione Gimbe a riportare Giani sul pianeta Terra pubblicando i dati delle vaccinazioni nelle varie regioni d’Italia e attestando la Toscana come la peggiore (cioè l’ultima in classifica!) nella somministrazione di entrambe le dosi agli over 80 (29,3%) e in dodicesima posizione per la fascia 70-79 anni (2,5%). In testa troviamo invece le province autonome di Bolzano e di Trento rispettivamente con il 65,9% e il 61,4% degli ultraottantenni immunizzati. Le altre regioni con performance di gran lunga superiori alla media nazionale del 43,9% sono il Molise (55%), il Lazio (53,5%) e l’Emilia-Romagna (51,6%).

Alla faccia della virtù. Non so voi ma a me non sembra che i dati di cui gode la Toscana sulle fasce fragili siano così confortevoli. Magari la regione di Giani si salva con il dato delle vaccinazioni complete (entrambe le dosi) somministrate. Macché, si trova al quindicesimo posto con il 6,7% della popolazione vaccinata, sempre al di sotto della media nazionale.

E allora caro Presidente, come si direbbe dalle sue parti: “bando alle ciance”, invece di lodarsi pensi a vaccinare.

Marco Baronti, 16 aprile 2021