in

Vasco, ex ribelle che ora sembra un democristiano

Dimensioni testo

Cioè, capitto, col Blasco, detto il Kom, non si scherza micca eh, ah, oooh! Cioè lui, capitto, magari dice una cosa, poi ne dice un’altra, però siccome son passati 10 anni nel frattempo, eeeh, oooh, tè lo devi sapere, se no, oooh, aaaah, poi qualcuno ci chiama, si lamenta, dice: siete solo voi, voi giornalisti cialtroni, cattivoni, come quel tale, che scrive sul giornale, quel Perro, quel cane, e quell’altro, pirla psicopatico, eeeh, oooh, siamo ancora qua.

Eh sì, siamo ancora qua, solo che stavolta le dichiarazioni di Vasco Rossi detto Blasco detto Kom, sono fresche come uova di gallina. Incidentalmente c’è il nuovo disco in uscita e quindi la promozione, siccome siamo noi, siamo solo noi, siamo pieni di guai, però anche i fatturati vanno rispettati e insomma il Vasco a tutto campo infierisce, tuona anatemi contro i giornalisti che poi son sempre, tranne qualcuno che lo coglie in essenza di spirito, son sempre come quel Salvalaggio là, che cattivo che era, mentre lui era sì un rocker, cattivo, spericolato, però tanto buono, un rocker ai tortellini, formato famiglia, per i ragazzi e le fanciulline, e le tentava tutte per provocare, per farsi attaccare, però poi ci soffriva, come no, se appena qualcuno abboccava.

E allora, ecco qua, subito, come antipasto, la nuova canzone che, oh, ah, dice: noi, siamo pieni di guai. Un’ossessione, proprio: prima era “una questione di guai”, poi volevi la vita “piena di guai”, adesso ti lamenti perché siamo pieni di guai. E va beh, sarà l’età. Però, sempre quel trucchetto populista, di tutti gli artisti, giovani, vecchi, bolliti, stufati, dell’identificazione, sì, mi son fatto il palazzo sul Jumbo però in fondo in fondo siamo uguali, siamo solo noi, siamo pieni di guai. Dischetti per le allodole. Ma a noi interessa qui la conversione di Blasco di Tarso, cascato dalla tigre. Ecco le sue parole più nuove, di sapore tuttologico, riportate da Adnkronos, belle virgolettate, così almeno la sovrastruttura una volta tanto non romperà la balle.

Vasco contro i polulismi

Lancio n. 1. “Dai nuovi governanti che sull’onda di estremismi, populismi e fake news si prospettano all’orizzonte, noi non ci aspettiamo solo nuove leggi speciali ma un vero e proprio Undicesimo Comandamento”. Lo ha detto Vasco Rossi, durante una conferenza stampa a Milano per presentare il nuovo album ‘Siamo qui’, in uscita il 12 novembre prossimo. Undicesimo comandamento è anche il nome di una canzone del rocker di Zocca. A chi gli chiedeva cosa intendesse con ‘Undicesimo Comandamento’ Vasco ha spiegato: è quello che “mi aspetto da questi fenomeni populisti che stanno arrivando, che sarà forse di amare loro più di qualunque altra cosa, ad esempio ‘Ama Trump'”. Questi fenomeni, ha aggiunto Vasco Rossi, “ci sono negli Stati Uniti ma anche in Europa e soprattutto in Italia, dove c’è una campagna di [sic] semina di odio. E’ stato seminato odio da questi politicanti irresponsabili, che solo per avere qualche consenso in più sono pronti a cavalcare le paure della gente, a sobillarle e far diventare tutti più cattivi. Non dovrebbero esistere”.

Quali sono gli estremismi e i populismi? Quali le fake news? Forse avere invocato più chiarezza nella gestione emergenziale? Forse avere chiesto quelle cure domiciliari sulle quali oggi sono tutti d’accordo? Il problema dei settantenni come VasKom, è che ci arrivano sempre un attimo in ritardo: è notizia di oggi, seppure data a malincuore dai giornali di regime, che le cure domiciliari c’erano, ci sono e andavano seguite; e anche che i milioni di italiani contro il lasciapassare che stritola ogni libertà (ma non eri un apostolo del fare il cazzo che ti pareva, Blasco?), non sono tutti fascisti, anzi. E la campagna che semina odio dove alberga? Forse nel fondamentalismo di chi vuole i non vaccinati ridotti a poltiglia verde? O nel tuo amico, di pari intelletto e cultura, Scanzi che si voleva divertire a vedere i non vaccinati “cadere come mosche mentre mangio popcorn”? Nella censura di ogni posizione differente, per quanto sfumata (ma non eri tu che “mi si escludeva”, perché eri diverso, originale, e allora i Salvalaggio, bla bla bla?). Chi è che in America ha detto “ama Trump”?

In Italia, comunque, hanno ripetuto se mai “ama Mattarella”, ama Draghi, ama il potere, e chi non era d’accordo andava massacrato sui social. Chi è che cavalca paure, sobilla e fa diventare tutti più cattivi? Ma son discorsi da rocker, questi contro la cattiveria, via, tutti col fiore in bocca? Chi sono i politicanti irresponsabili, che puzza tanto ma tanto di populismo formato ginnasio? Quanto allo spettro delle leggi speciali, qui siamo alla confusione somma, sicuramente genuina: non sono i populisti-fascisti ad averle introdotte, ma il regime diversamente democratico dei Conte, dei Draghi, del PD, che hanno progressivamente mangiato i diritti fondamentali, imposto 20 mesi di coprifuoco carsico con cui hanno trasformato uno Stato emergenziale in uno Stato speciale, come dice Cacciari, e potrebbe anche dire: Stato concentrazionario. Di che vai farneticando, Kom?

La destra “pericolosa” secondo il rocker

Lancio n. 2. In Italia “c’e’ una destra molto estremista, per me e’ giusto che ci sia la destra, ma non deve essere una destra estremista e pericolosa come quella che si vede all’orizzonte. C’e’ un continuo seminare odio”. Lo ha detto Vasco Rossi, in conferenza stampa oggi a Milano per il lancio del suo nuovo disco “Siamo qui”, in uscita il 12 novembre. “Anche i toni della Meloni e di Salvini sono divisivi, creano solo odio solo per avere consensi, c’e’ gente che soffia sul fuoco. Sapete chi sono”. Sollecitato sul fatto che qualcuno possa invitarlo a limitarsi a cantare, Vasco ha replicato: “Io esprimo un’opinione, sono un cittadino, e pago le tasse, e le pago tutte”.

Sì, abbiamo capito, ti esce il disco nuovo, per carità compratelo, ché siamo tutti pieni di guai ma quelli di qualcuno costano di più. Allora: qui c’è chi semina odio. E chi è? Ovvio, Salvini e Meloni. A noi non ce ne frega niente di tutto sì, però, per amor di onestà, saprebbe riferire, citare il BlasKom casi di istigazione all’odio dai due infami sopra citati? Già che c’è, gli sovviene per caso la casistica che ha messo in fila Meloni “troia, vacca, con la f… che sa di ricotta andata a male” (copyright Raimondo Etro, brigatista), “lardosa fascista incinta” (Asia Argento), Salvini sottouomo (copertina di Famiglia Cristiana, addirittura), Salvini nemico (un caporedattore Rai), Salvini al manicomio con la figlia di sei anni (idem), Meloni a testa in giù (innumerevoli, tra i quali il commentatore di nicchia Alessandro Robecchi, prontamente rewtittato da Scanzi), Salvini da abbattere, Meloni di appendere e un milione di eccetera? Hai sentito niente, Blasco? Al di là di questo, l’osservazione sulla destra che ci deve anche essere (bontà tua), però buona, insomma come pare a te, è il solito giochetto stucchevole delle patenti dai vigli della democrazia: tutti a sinistra, senonché questo Rossi riposa in fama di progressista, ma una fama curiosa, atteso che di sinistra non ha mai fatto né detto niente, anzi è uscito negli anni ’80 sposando in pieno quello che allora si definiva, in modo alquanto approssimativo, edonismo reganiano: voglio tutto, voglio fare il cazzo che mi pare e non me ne fotte di niente e di nessuno. Quanto all’osservazione sul cittadini che paga tutte le tasse, è quanto di più qualunquista, piccoloborghese, perbenista si possa concepire. Altro che rock eccessivo, spericolato, sciagurato. Quanto al problema del blocco dei concerti, qui RossiKom cede a un’ipocrisia che non merita sconti: per non dover ammettere che viene dal governo in carica, non certo dai pericolosi neofascisti che seminano odio, si rifugia nella vaghezza del cittadino che paga le tasse e ha diritto di esprimersi. Sì, ma la logica non guasterebbe. Peraltro, questo diritto dovrebbe essere garantito a tutti, invece chi è fuori dall’ortodossia democratica non può letteralmente più aprir bocca. Solo che al libertario Blasko non sembra importare. Anzi.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
35 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Antonino
Antonino
18 Ottobre 2021 13:34

Lui e Celentano dovrebbero solo cantare e non sparare caxxate grazie alla popolarità

Paolo
Paolo
17 Ottobre 2021 15:23

Grandeeeeee Max

Katia
Katia
16 Ottobre 2021 8:59

Si è venduto ai massoni, che delusione

Victor
Victor
16 Ottobre 2021 2:05

Questi ritratti straordinari di del Papa sono come degli sberloni, ne senti il suono a chilometri di distanza. Ben fatto Max.

Sergio
Sergio
16 Ottobre 2021 0:26

Un ometto che ha preso in giro tanti che soffrivano di solitudine, giocando sui sentimenti ma sempre con l’ occhio attento a incassare con cupidigia tanti bei soldoni….il merchandising è stata la sua arte. Mi dispiace che il grande De Andre’ lo abbia in un certo senso sdoganato. In realtà il posto che più gli si addice è la fogna .il nuovo CD sarà certamente acquistato da tutti gli intellettuali del PD e del M***de .io ti dichiaro ufficialmente MORTO !!

Luigi Cosmo
Luigi Cosmo
15 Ottobre 2021 16:46

Lo stesso Vasco che al concertone del secolo a Modena solo 4 anni fa diceva “L’amore sopra la paura
Il nemico non è l’odio, il nemico è la paura.
Noi non abbiamo paura
Noi non dobbiamo avere paura!
Voi non avete avuto paura
e questa sera siete tutti qua
a dire forte che non ci chiuderanno in casa con la paura!
Non cambieremo le nostre abitudini!
Non ci chiuderanno in casa con la paura!
L’amore sopra la paura!”.

Stefano
Stefano
15 Ottobre 2021 15:19

Che schifo di articolo solo offese e spunti stupidi da un uomo che non sa nulla di vasco . La differenza tra un kom e un mediocre sta tutta qua

Ery
Ery
15 Ottobre 2021 12:09

E’ anziano e ha il terrore di morire.