in

Wikipedia, l’allarme del co-fondatore: “Non fidatevi”

L’enciclopedia online più consultata al mondo farebbe da propaganda all’establishment di sinistra, a discapito delle voci conservatrici

Dimensioni testo

Alcuni mesi fa Freddie Sayers della UnHerd Tv ha intervistato Larry Sanger, il co-fondatore di Wikipedia e, nonostante i temi affrontati siano più che mai di attualità, tutto è passato in sordina… niente di ciò che è stato detto ha avuto l’eco che meritava, nonostante Sanger abbia avvertito che non ci si può più fidare del sito web da lui ideato, insistendo sull’evidenza che ora il portale fa solo “propaganda” per l'”establishment” di sinistra. Questo forse, ma chi scrive ha pochissimi dubbi, è il motivo per il quale le parole di Sanger sono state un po’ in tutto il mondo “urla nel silenzio” perché secondo alcuni chi non si allinea è destinato all’oblio.

Rispondendo alle domande, Sanger ha raccontato di aver ideato e iniziato l’enciclopedia delle opinioni nel 2001 con l’idea di base che avrebbe dovuto offrire neutralità e più punti di vista, in particolare sulle questioni scottanti. Ma se si considera che le voci conservatrici vengono costantemente e severamente avvertite, se non espulse, quando cercano di aggiungere una visione diversa dalle opinioni dell’establishment, tutto diventa ormai solo pura propaganda. “Non si può citare Fox News su questioni socio-politiche, è proprio vietato. E questo significa che se una controversia non appare nei principali media di centrosinistra non apparirà su Wikipedia. Ora ci si può affidare al sito solo per ‘dare un punto di vista dell’establishment’ piuttosto che sulla vasta gamma di opinioni. Esattamente il contrario di quello che, almeno all’inizio, si voleva dare”.

Ma Sanger come un vero fiume in piena ha insistito sull’apparente repressione delle voci conservatrici e sul punto che se viene consentita solo una versione dei fatti si dà un enorme incentivo alle persone ricche e potenti a prendere il controllo di cose come Wikipedia al fine di rafforzare il loro potere. “Cosa che già stanno facendo – ha continuato – c’è un gioco molto grande, brutto e complesso che viene giocato dietro le quinte per far dire agli articoli pubblicati ciò che qualcuno vuole che sia detto”, e ha affermato inoltre che ci sono “tutti i tipi di trucchi che queste persone possono giocare per vincere, incluso l’uso di società di pubbliche relazioni dedicate per influenzare l’opinione pubblica”.