Zuppa di Porro: rassegna stampa del 16 luglio 2020

Autostrade, ha vinto il modello Venezuela

Condividi questo articolo


00:00 Oggi tutti i titoli dei giornali riguardano ovviamente il caso Autostrade con molti che pensano che il governo abbia fatto un regalo alla famiglia Benetton.

03:53 Favoloso Marco Travaglio che se la prende con Sabino Cassese e Monica Mondardini che si sarebbero fatti influenzare nei loro articoli. Che coraggio!

06:55 Alfonso Bonafede festeggia la vittoria dello Stato su Autostrade mentre Luigi Di Maio annuncia il calo dei pedaggi…

08:15 Tutti i titoli dei giornali su Autostrade, ognuno interpreta la questione in modo diverso.

09:37 Carlo Cottarelli paragona l’entusiasmo di Conte a quello dell’annuncio dell’abolizione della povertà.

10:37 Sul Sole 24 Ore Domenico Arcuri e Mariana Mazzucato ci danno lezioni sul Covid. Chissà come saranno contenti gli industriali.

12:30 Le nomine dell’Agcom raccontate da Alessandro Da Rold sulla Verità.

12:48 Il tribunale europeo annulla la maxi multa dell’antitrust Ue nei confronti di Apple.

13:38 Cyberattacco a Twitter

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche


Condividi questo articolo


12 Commenti

Scrivi un commento
  1. sempre più in accordo con il pensiero Liberal e Repubblicano come il mio. Porro lei è un grande giornalista e opinionista, direi filosofo, glielo dice una vecchia repubblicana quasi ottantenne che da militante ne ha fatte di battaglie per la libertà , forse invano spero di no. Grazie Porro di esistere.

  2. E come se la sono divisa la bustarella? Non mi vengano a dire che su affare del genere non siano circolati alcuni milioni. E chi ci crede??

  3. @Pietro46.
    Con lei è come giocare a nascondino.
    Quando un argomento la tocca nel profondo i suoi interventi sono lineari, a volte invece parla per metafore.
    E se incontra una come me, (però a titolo informativo il mio pensiero non frequenta Salvy quindi non potrei aiutarla) tarda di comprendonio come ho già detto, le sue affermazioni possono essere distorte.
    Se la “casa madre” è quella che penso la persona in questione troverebbe interessante confrontarsi con lei.
    Lei è comunque un elettore da conquistare.
    Buona serata

    • Ci provi.Sarei onorato di far parte del NUOVO movimento che sta per ‘idearsi’.A scatola chiusa,che le idee si cambiano in corso d’opera.L’importante che “ci dia un futuro,siamo stanchi del LORO passato”(Michael Collins…l’ha visto il film?).

      • Non ero io a propormi ma intendevo dire che quello “della casa madre” non si sarebbe tirato indietro a confrontarsi con lei.
        Non abbiamo bisogno di movimenti ma di gente che sa da che parte è girata e intenda sbattersi veramente per questo Paese.
        E non vedo nessuno all’orizzonte.
        Se anche Cacciari dice che stiamo vivendo una “dittatura democratica” si vede che qualche dubbio sull’efficacia e la legalità dell’esecutivo sta facendo breccia anche a sx.
        Ma manca poco ormai……alla fine del film.

  4. Stanno SACCHEGGIANDO i risparmi degli italiani depositati alle Poste e messi a disposizione della Cassa Deposito e Prestiti investendo su società che saranno amministrati da persone incapaci poiché nominati dagli incapaci al governo non daranno utili ma perdite da ripianare – Alitalia, ILVA, ecc. – e il popolo bue dovrà ripianare le perdite.
    La responsabilità del crollo è in modo determinate da attribuire ai funzionari e dirigenti del Ministero delle Infrastrutture che, pur essendo contrattualmente deputati ai controlli, NON HANNO CONTROLLATO E NON HANNO IMPOSTO AI BENETTON LA MANUTENZIONE- stante la diffusa “mazzettopoli” pensare male non fa peccato (Andreotti)

  5. Stanno SACCHEGGIANDO i risparmi degli italiani depositati alle Poste e messi a disposizione della Cassa Deposito e Prestiti investendo su società che saranno amministrati da persone incapaci poiché nominati dagli incapaci al governo non daranno utili ma perdite da ripianare – Alitalia, ILVA, ecc. – e il popolo bue dovrà ripianare le perdite.
    La responsabilità del crollo è in modo determinate da attribuire ai funzionare e dirigenti del Ministero delle Infrastrutture che, pur essendo contrattualmente deputati ai controlli, NON HANNO CONTROLLATO E NON HANNO IMPOSTO AI BENETTON LA MANUTENZIONE- stante la diffusa “mazzettopoli” pensare male non fa peccato (Andreotti)

  6. Porro ma credi che tutti i cittadini a cui capita di leggere un tuo articolo siano stupidi? Personalmente ti dico che ho seguito la tua carriera nei giornali e nelle tv
    E mai avrei detto che ti schierava così ……
    A dx .penso però che tu lo abbia fatto ed è umano perché non c’era posto altrove .sei troppo intelligente , e lo sai …buona fortuna.

  7. Ma questi credono che i cittadini italiani siano cretini o analfabeti?
    Le autostrade italiane sono state costruite con i soldi degli Italiani non con i soldi delle società di gestione. Ora perchè, ancora gli Italiani, attraverso Cassa Depositi e Prestiti devono pagare per l’uscita dei Benetton. La società di gestione negli anni ha avuto i suoi utili ora se esce e vorrà una liquidazione prima dovrà quantificare le migliorie apportate, poi dovrà pagare i danni arrecati ( ponte di Genova, manutenzioni mai eseguite o male eseguite ) e solo allora si potranno stabilire cifre in compensazione attiva o passiva.
    I benetton non devono avere neanche un euro devono solo trasferire il loro pacchetto azionario allo stato Italiano. Non dobbiamo, ancora una volta, avere le stesse perdite che abbiamo avuto con l’entrata nella
    banca comunista della banca dei Paschi di Siena. Saluti.

  8. Il sig. Kim ricorda male. La concessione ai Benetton fu affidata nel 1999 dal governo D’ Alema. D’ altra parte, la “famigliola” e’ uno dei maggiori sponsor PD.
    Il “nanetto” si limito’ a rinnovarla esattamente com’ era: il suo errore fu di non averne cambiato le clausole piu’ sfacciatamente favoreli ai finanziatori del PD.

  9. IL RUMORE CHE SENTIAMO SONO LE PEDATE SULLA PEDANA DEL TUO TAVOLO, GIA’ CHE SEI SEMPRE (E A RAGIONE) AGITATO

One Ping

  1. Pingback:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *