in

Burocrazia e donazioni, oggi sto con Fedez

Zuppa di Porro: rassegna stampa del 28 marzo 2020

Dimensioni testo

Burocrazia e donazioni, oggi sto con Fedez (28 mar 2020)

00:00 Parla Mattarella e se la prende con l’Unione Europea.

02:05 L’intervista di Conte al Sole 24 Ore? Totalmente inutile!

02:30 Si rompe l’asse franco-tedesco?

03:15 Per Ernesto Galli della Loggia il premier Conte è il nuovo De Gaulle.

04:52 Con i dati vogliono dimostrare per forza che le misure adottate sono giuste.

06:30 Parla il Papa ma la vera impressione è piazza San Pietro deserta.

07:43 Gli italiani non hanno ancora visto un euro dal governo.

08:55 Allarme liquidità…

09:27 Può sembrarvi strano ma oggi sto dalla parte di Fedez.

12:08 Tutti a godere perché Boris Johnson è positivo al virus. Tra questi pure un medico, complimenti!

14:05 I militari sono l’unica cosa che ancora funziona.

14:50 Donald Trump impone alle industrie di produrre ventilatori.

15:24 Intanto c’è la corsa all’oro…

15:44 Giuliano Ferrara è diventato un Marco Travaglio qualunque.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
64 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
gennarino
gennarino
30 Marzo 2020 1:21

arrivati 250 milioni gestiti dai comuni,

immaginate i clan del sud che già stanno facendo le dovute spartizioni

ma era meglio fare i bonifici a questo punto?

Ah, no, sarabbero stati tracciati, e poi non possono fiuuuuuu come si deve…

gennarino
gennarino
30 Marzo 2020 1:16

sono arrivati 250 milioni li gestiranno i comuni, specialmente quelli del sud,immaginate i clan che già stanno facendo le spartizioni, ma non era meglio fare bonifici mirati?

e no… li poi troppe tracce e i milioni non possono. fiuuuu uuuu come devono….

ARTURO LORUSSO
ARTURO LORUSSO
29 Marzo 2020 11:11

Oggi sono Fedez!!!

ARTURO LORUSSO
ARTURO LORUSSO
29 Marzo 2020 11:10

Ho appena finito di stampare la 6° autocertificazione, che rispetto alla 5° evidenzia le regioni.

ARTURO LORUSSO
ARTURO LORUSSO
29 Marzo 2020 11:09

E’ arrivata la 5° autocertificazione. Non sono arrivate le mascherine, 10,15 o 25 milioni, non è arrivato 1 € alle partite iva e non esiste comunicazione, agli aventi diritto, del 60% della locazione

FrancoM
FrancoM
29 Marzo 2020 10:49

Non so se Porro dedicherà un qualche secondo all’articolo di pedullà (minuscolo) sulla Notizia (quale?) di ieri con il roboante titolo “Gli sciacalli di destra la piantino”. Da quello che sono riuscito a leggere dallo sfuocato Giornalone ne risulta una roba spassosissima. Cavolo, il gaetano si inalbera perché qualcuno si è permesso di criticare la “donazione” di 50 milioni alla Tunisia. Solo il 12,5% dei buoni pasto decisi da conte e soci, ma per una popolazione che è un quinto di quella italiana. Mica è un regalo, ma un prestito della CDP. Perbacco, la mosca cocchiera si consola poi dicendo che l’Italia (mica lui) sta meravigliosamente combattendo il virus (meraviglia per il numero di morti, immagino) e che chi è dipendente pubblico ha visto lo stipendio versato sul conto pur non facendo nulla da tre settimane. Ma per gli altri la situazione è drammatica … CHE ACUME!!! continua a pag. 2

Claudio Gera
Claudio Gera
29 Marzo 2020 9:06

Una battuta su Di Maio, anche se so che è come sparare sulla Croce Rossa. Due sere fa alla televisione, Di Maio ha dichiarato che il problema della mascherine è in via di soluzione perché il fabbisogno mensile di 100 milioni di pezzi è in arrivo. Gli mancava solo il balcone per il suo trionfalistico annuncio. Fabbisogno mensile di 100 milioni? Qualcuno può regalare un pallottoliere al ministro? 100 milioni diviso 30 giorni fanno 3,3 milioni di mascherine al giorno. Considerando che si consiglia di cambiarle un paio di volte al giorno, sono soddisfatte le esigenze di 1,2-1,5 milioni di persone. Poiché le quattro regioni più colpite hanno una popolazione di 23 milioni di persone (sorvolo sul dato nazionale), almeno il 50% di queste dovrà pur muoversi o per fare la spesa per sé o per altri, o è occupata in attività lavorative “obbligatorie”. Quindi non meno di 9-10 milioni di persone hanno bisogno della mascherine, ma il fabbisogno calcolato da ministro basta solo per, come dicevo, 1,2-1,5 milioni. In sintesi le mascherine non ci sono. Ma all’inizio di febbbraio, come giustamente ha ricordato Porro, tutto era stato previsto.

Claudio Gera
Claudio Gera
29 Marzo 2020 8:57

Sono d’accordo sul suo pensiero su Monti-de Gaulle. Monti, come altri simili a lui, andrebbe punito per tutti i danni che ha fatto al Paese, e non parlo di processi o roba del genere. No, meriterebbe una condanna che lo farebbe soffrire molto di più di una pena carceraria, di una sanzione monetaria, parlo di una condanna all’oblio. Quella si sarebbe per lui una cosa insopportabile, ed invece è ancora ospite, chiamato pure Presidente, nelle varie trasmissioni televisive, viene ancora intervistato dai giornali, e ripete, dall’alto del suo benessere a spese degli italiani e dell’UE, sempre le stesse cose, le stesse ricette salvifiche grazie alle quali avrebbe salvato dal baratro l’Italia. Mai una autocritica, mai mettere in discussione le sue idee, fantascienza un suo ripensamento sull’UE. Basta, spegnete le telecamere, i microfoni, cancellate pure il suo numero telefonico non sia mai che per sbaglio non lo chiamiate. Da domani nessuno gli rivolga la parola, nemmeno per chiedergli che ora è.  P.S. Idem per Elsa Fornero, che continua a dire che il suo intervento sulla previdenza era corretto, ma non dice quale sia il suo trattamento pensionistico.