Commenti all'articolo Coronavirus, avevano ragione loro

Torna all'articolo
Avatar
guest
101 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Cicci.capucci
Cicci.capucci
25 Febbraio 2020 15:23

Fontana dice che la Cina ha messo in isolamento 60 milioni di persone e scassato l’economia per “poco più di una influenza”. Direi geniale, lui si che ha capito tutto. Ma come può Porro osannare un decerebrato del genere?

Silsci
Silsci
24 Febbraio 2020 23:12

E’ VERGOGNOSO, anzi sarebbe più corretto dire che questo atteggiamento è TERRORISMO. Nel momento in cui esplode l’epidemia del Corona Virus, cosa fa il Governo Giallo Rosso, Aumenta in modo esponenziale il potere dei suoi Generali. Si i suoi Generali, Il famigerato metodo Staliniano di soffocare le proteste del popolo. QUI il Governo catocomunista approfitta della confusione creata dal Virus Cinese per aumentare il, potere dei magistrati, il braccio armato della sinistra per eliminare l’opposizione. Il Capo del governo poi Annuncia che il Governo stà pensando di contrarre i poteri delle regioni, meno male che questi sono democratici, se fossero veramente comunisti ci avrebbero già mandato nei campi di concentramento. chiedo scusa nei GULAGH, SVEGLIATEVI ITALIANI,

Edoardo Moscarelli
Edoardo Moscarelli
24 Febbraio 2020 19:17

Non concordo sull’inutilità di ridurre i politici ce ci rappresentano al parlamento e al sanato per il fatto, incontrovertibile, della quasi totale ignoranza e cretineria associata a logorroica inconcludente attività rispetto all’efficienza che sarebbe necessaria da Lei evidenziata: conversione di due decreti su 170 di cui venti scaduti a prescindere se indirizzati a far uscire l’Italia dalla m…a o, per educazione, dal pantano e dall’inefficienza

Aldous
Aldous
24 Febbraio 2020 18:13

Ancora una dimostrazione della inesistenza della Unione Europea. Ognuno si fa i fatti propri. Ora per il coronavirus, acchiapperanno al volo l’opportunità di metterci seriamente in difficoltà, con la chiusura delle frontiere. Non so cosa aspettiamo a mandare a quel paese il governo prima, e l’europa poi