Zuppa di Porro: rassegna stampa dell’11 agosto 2019

Crisi di governo, siamo alle comiche finali!

00:00 Siamo alle comiche finali! Roba da non crederci: per non votare adesso si mettono d’accordo Grasso, Renzi e l’evasore Grillo. Tutto per il bene del Paese (!).

04:32 Sallusti sollecita Salvini su un accordo di centrodestra, mentre “il comunista” Avvenire parla di umiliazioni delle istituzioni. E poi De Bortoli…

06:15 Perché Renzi non vuole il voto. Altro che responsabilità nazionale.

08:20 Gino Paoli, altro evasore, pontifica sul giornale degli industriali.

Condividi questo articolo

8 Commenti

Scrivi un commento
  1. La situazione è chiara: abbiamo un parlamento di cialtroni incoerenti che credono gli italiani totalmente stupidi. Pd e 5S se ne sono dette di tutti i colori ora vogliono inciuciare x salvare la poltrona… persone senza dignità, ominicchi senza onore. Il Renzi risorto (ma non doveva fare un pellegrinaggio e lasciare la politica?) la Bonino dei referendum che ora sosterrebbe che dare la parola al popolo sarebbe rischioso, il Grasso magistrato approdato alla politica grazie ai piddini con LEU quasi disciolto… Temo che Mattarella non avrà le palle per fare esprimere al popolo le sue scelte. Avremo nuovamente la sinistra al potere senza suffragio elettorale. PD-5S-LEU & C. sarebbe il governo degli inciucioni voltagabbana incoerenti fregapopolo che chiamerei il governo dei CODARDI che temono il giudizio del popolo ormai non più sovrano da decenni… Salvini non aveva scelta i 5S stavano da tempo ostacolando ogni sua iniziativa economica, come il marito che non sopporta più la moglie e fa di tutto perchè lei se ne vada mancandogli il coraggio di lasciarla lui stesso. Ci ricordiamo gli insulti e gli attacchi quotidiani dei 5S verso Salvini durante la campagna elettorale delle europee? La crisi è iniziata in quel periodo. Personalmente li avrei mollati molto prima… Presidente Mattarella ci faccia votare

  2. Certo e’ possibile tutto questo teatro solo perché in Italia non esiste una vera democrazia parlamentare perché tutti i poteri sono accentrat nelle mani di un capo di stato non eletto direttamente dal popolo ma dal partito di maggioranza di turno e pertanto il capo di stato fa solo gli interessi del suo partito, le storielle che si raccontano su quanto auspicato in una costituzione mezza comunista e mezza democristiana ora obsoleta non valgono nulla perché ognuno fa quello che gli conviene e non c’è la sovranità decisionale di andare automaticamente a elezioni quando un governo non va avanti .Tutto ciò visto da altri Paesi e ‘ poco serio e l’Italia diventa ridicola

  3. salvini ha fatto due gravi errori di valutazione che temo pagherà cari e che pagheranno cari tutti gli italiani.
    non quello di chiedere la sfiducia, perchè è evidente che con quella gente non si può nemmero amministrare un condominio. ha sbagliato tempi e modi per farlo,sondaggi o non sondaggi, e soprattutto ha sopravvalutato la statura morale e politica di questi miserabili di sinistra, pronti a rimangiarsi in 5 minuti quello che avevano solennemente dichiarato solo 15 giorni fa nella loro cosiddetta direzione del partito, cioè che nessun motivo al mondo avrebbero governato coi beceri incapaci burattini di grillo, a parte naturalmente qualche poltrona di governo.inoltre ha sopravvalutato l’autorità del loro presunto leader zingaretti, chiaramente un fantoccio, un pupazzo,altro non si può definire uno che detta una linea, quella appunto “concordata” in direzione (ma che ***** le fanno a fare queste direzioni del partito se tanto la loro parola non vale nemmeno il centesimo di euro del foglio dove viene scritta??) per poi cambiare idea in 30 secondi netti per dare retta a un franceschini o un bettini qualsiasi.questo era noto da tempo,come il fatto che i gruppi parlamentari erano in mano a quell’altro, la cui giravolta era ancora più prevedibile, quindi il presunto accordo per le elezioni era chiaramente scritto sull’acqua.
    per quanto riguarda mattarella, sarà pure più serio e imparziale di scalfaro, anche perchè non ci vuole molto, ma se questi vanno li e s’inventano una maggioranza e un programmicchio seppur fasullo tanto per rispettare la forma quello deve prenderne atto. il ribaltone doveva aspettarselo eccome, quindi avrebbe fatto molto meglio intanto a liberarsi di toninelli e la trenta,cosa che i disperati grllini gli avrebbero pure concesso, e magari chiederla in tempi non sospetti la sfiducia, magari in primavera, e su argomenti ben più concreti che la TAV e il voto europeo alla burattina della merkel. farlo adesso fornisce mille pretesti ai ribaltonisti per fare muro contro le elezioni, tipo le solite balle sui conti e sulla manovra,e la melina che stanno facendo ha proprio l’obiettivo di perdere più tempo possibile per far saltate la scadenza di metà ottobre,perchè sanno benissimo che un governo di centrodestra in carica a fine ottobre avrebbe tutto il tempo di predisporre una manovra credibile che sterilizzerebbe l’iva e mettesse a posto i conti, a ennesima dimostrazione che del bene dell’italia a questi cialtroni non frega nulla, cercano solo di salvare il **** e la poltrona. ora ogni ipotesi è migliore dell’incubo governo PD-stelle, che sarà peggio del conte I con in compenso i porti di nuovo spalancati.
    cercasse il male minore adesso, se è ancora in grado di farlo, governo tecnico, istituzionale, conte bis, tutto meno che una boldrini o un fratoianni ad occuparsi di immigrazione!!! a salvì ma che ***** hai combinato????

  4. Mamma mia, che tristezza non pubblicare commenti inoffensivi, che esprimono solo un differente punto di vista. Ho capito perché ne sono così pochi.
    Il commento era questo:
    Nel 2015 pd 40%, 2018 5stelle 32%, appena un anno dopo Lega 40%. Io credo che il popolo italiano sia impazzito.
    Andiamo al voto, Salvini stravince, ma 4 mesi dopo Potere al Popolo ha nei sondaggi il 45%, che facciamo, andiamo di nuovo al voto perché gli italiani hanno cambiato idea??
    Per fortuna in Italia (ma dovunque) le elezioni dovrebbero essere fatte ogni 5 anni, perché non possiamo stare agli umori degli italiani appena un governo fa questo o quello. Sarebbe impossibile governare. NON E’ QUESTA LA DEMOCRAZIA

  5. Leggo stamani 12 agosto 2019 su Il Giornale.it una eventuale futura “Azione civile” del sen.Renzi.
    Mah! La sinistra è in continua secolare scissione!Che politica deplorevole!È pur vero che il PD è un coacervo di ex comunisti,democristiani,repubblicani, socialisti ed anche liberali ( ricordo Zanone e l’attuale A.B.I. ex on.Patuelli nelle Tribune politiche in TV accanto a Malagodi),tutti sempre guardando al proprio passato… ecco perché le loro “anime”non saranno mai unite e di pare consentimento. Da qui acredine, ribellioni e scissioni. Ma le scissioni le attuano sempre in base alle attuali poltrone parlamentari e si parla di “X”senatori e”Y”parlamentari. Mai che si chiedono:Ma il popolo che ne pensa?Ci voterà?Ora parlare di “governo di transizione”che duri pochi mesi,il tempo della manovra e del taglio dei parlamentari,è un prendere in giro. Si sa che occorre,poi,un referendum,per cui trascorre minimo un anno. Intanto gli stipendi e i privilegi continuano e il popolo?TUTTI A CASA!BASTA con i nemici del popolo!

  6. Nel 2015 pd 40%, 2018 5stelle 32%, appena un anno dopo Lega 40%. Io credo che il popolo italiano sia impazzito.
    Andiamo al voto, Salvini stravince, ma 4 mesi dopo Potere al Popolo ha nei sondaggi il 45%, che facciamo, andiamo di nuovo al voto perché gli italiani hanno cambiato idea??
    Per fortuna in Italia (ma dovunque) le elezioni dovrebbero essere fatte ogni 5 anni, perché non possiamo stare agli umori degli italiani appena un governo fa questo o quello. Sarebbe impossibile governare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *