Zuppa di Porro: rassegna stampa del 29 dicembre 2019

Dottor Giuseppi e Mister Conte

Condividi questo articolo


00:00 La conferenza stampa di Conte: i sei punti, ridicoli, affrontati dal Premier.

04:50 Oggi vogliono tutti l’intervento pubblico… pure l’ex ministro Siniscalco.

6:40 Bechis dà una lezione a Conte sulla questione Iva.

07:28 Si dimette un ministro e il governo giallorosso ne nomina due.

09:35 L’idea folle di Travaglio sulla prescrizione.

10:37 Il magistrato Spataro contro l’abolizione della prescrizione.

11:45 La nuova valletta di Amadeus a Sanremo? Rula Jebreal

12:25 Sono esaurite le celle delle nostre carceri.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche


Condividi questo articolo


14 Commenti

Scrivi un commento
  1. Il pm Luigi Patronaggio, quello che ha indagato Matteo Salvini per la vicenda della mancata autorizzazione allo sbarco dei migranti, è colui che, nel ’93, in qualità di sostituto procuratore a Palermo, chiese alla Camera dei deputati, con altri magistrati, l’autorizzazione a procedere contro l’attuale presidente della Repubblica Mattarella, Sergio Mattarella, per finanziamento illecito al suo partito di 40 milioni di lire in contanti e 10 milioni in buoni benzina.

    Mattarella ammise solo di aver preso buoni benzina, ma per 3 milioni di lire: così, poiché sotto i 5 milioni il finanziamento illecito non era punibile, fu assolto.

    La sentenza, però, al momento sembra introvabile.

    Ogni riflessione è opportuna

  2. Delle 3 I ( INGLESE, INFORMATIVA, IMPRESE) della ministra PI Moratti (governo BERLUSCONI) cosa è rimasto al Ministero SCUOLA, da poco diretta(?) dalla 5stellata Azzolina????

    A leggere i giornali, è IGNORANTE TOTALE di INFORMATICA, MEDIOCRE in INGLESE.

    Resterebbe la IMPRESA!?

    A si… certamente le è riuscita NELL’IMPRESA di emergere dalla massa di incompetenti e ottenere un ruolo dirigenziale massimo!

    Complimenti, brava: l’esempio per gli studenti svogliati sarà clamorosamente seguito??

      • Saranno state fregnacce, a suo parere, ma resta in piedi la questione di una ministra con insufficienze in INFORMATICA ed in INGLESE e che è nominata per la sua appartenenza al partito di maggioranza.

        SI cade sempre piú in basso. Dalle stelle alle stalle

        • Non si può giudicare un Ministro della pubblica istruzione per le sue competenze digitali o per una conoscenza approssimativa dell’inglese.

          • Di grazia, per cosa dovrebbe essere giudicata, per le sue competenze culinarie ?

            Una persona che dimostra di non saper superare dei normali ( e di solito facili ) test di competenza, dimostrandosi quanto meno mediocre, può fare il Ministro ?

            Capisco che a sinistra la mediocrità sia un vanto, ma non lo è per noi persone normali

          • Semplicemente non ha la statura intellettuale e culturale per fare il Ministro della Pubblica Istruzione. Informatica e inglese non c’entrano un’acca.

    • non ho mai guardato il festival di Sanremo primo perché è un genere che mi annoia poi perché sapere di tutti quei soldi del canone elargiti a man bassa ( da tutti) a gente che di artistico non ha neanche le scarpe, mi disturba

  3. Uno come prode Prodi che continua a elargire consigli e dritte (non richieste)…no ascolteremmo neppure per indirizzare più vicino cesso mentre ci scappa da pisciare…!!…https://ilgattomattoquotidiano.wordpress.com/

  4. Quando il prescritto è Travaglio è sempre colpevole, a prescindere: vale per uno come lui quel detto cinese che oggi, nella sua versione originale, è al limite della denuncia per “minaccia di femminicidio”, sostituiamo perciò al termine “moglie” quello di “burocrate” e diciamo: ” bastona comunque il tuo burocrate, tu non sai perché lo bastoni ma lui sì “.

    Quanto alla moltiplicazione del Ministero di Fioramonti che dire ? Due roglioni riusciranno a far meglio di una testa di razzo ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *