Commenti all'articolo Dramma dei porti aperti a Lampedusa

Torna all'articolo
Avatar
guest
38 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Gianfranco Benetti Longhini
Gianfranco Benetti Longhini
8 Ottobre 2019 16:07

QUESTA ERA UNA RISPOSTA AL COMMENTO DI “SAL”.

NON CAPISCO COME E’ FINITA QUI”

Gianfranco Benetti Longhini
Gianfranco Benetti Longhini
8 Ottobre 2019 16:03

PER QUANTO SCRIVI, PER ME LE GIUDICO SPESSO “VUOTE”. DOVRESTI IMPARARE DA ALTRI CHE USANO QUESTO BLOG. QUANDO APPREZZO QUELLO CHE SCRIVI LO SAPRAI, COME HO COMMENTATO IL TUO SOPRA. SONO CRESCIUTO DA GIOVANE ALL’ESTERO, ED E’ PER QUESTO, CHE FORSE LA VEDO IN MODO DIVERSO DA TE, MA SONO SEMPRE DISPONIBILE ACCETTARE UNA BUONA PROPOSTA SE E’ VALIDA DAL MIO PUNTO DI VISTA.

NON SEGUO NESSUNA “IDEOLOGIA”.

gianfranco benetti longhini
gianfranco benetti longhini
7 Ottobre 2019 21:36

IL GRUPPO “BANTU” HA GIA’ UNA STORIA DI MIGRAZIONE CAUSA LA SOVRA-POPOLAZIONE.

ALL’ INCIRCA ANNO 1000, CI FU UNA MIGRAZIONE DALLA REGIONE NIGERIA / CAMEROUN LUNGO LA COSTA ATLANTICA, ARRIVATI VICINI LA NAMIBIA, SI DIRISSERO VERSO LO ZIMBABWE.

ALL’ INCIRCA ANNO 1500, LA MIGRAZIONE ANDO’ VERSO IL SUDAN, SVOLTANDO VERSO L’ OCEANO INDIANO, ARRIVANDO CON GLI ANNI, FINO AL SUD EST DEL SUD AFRICA. LA TRIBU DI NELSON MANDELLA ERA LA PUNTA.

I BANTU AVEVONO UN GRANDE VANTAGGIO, CONOSCENDO COME LAVORARE IL FERRO. GLI AUTOCTONI TROVATI NELLA LORO MIGRAZIONI AVEVONO POCA POSSIBILITA’ DI DIFENDERSI. ELIMINAVONO I MASCHI, E LE FEMMINE ANCORA VIVE DIVENTAVONO SCHIAVE.

GRAN PARTE DEGLI SCHIAVI DALL’ ANGOLA FINIRONO NEGLI “USA”, INVECE DI ESSERE ELIMINATI.

LA LORO LINGUA CAMBIAVA MAN MANO CHE SI MISCHIAVONO CON LA FEMMINE AUTOCTONE. (VIDE LINGUE BANTU).

PER RIDURRE L’ ESPLOSIONE DI NASCITE SI ANDREBBE CONTRO IL “VATICANO”

step
step
7 Ottobre 2019 20:00

“Oggi siamo vittime di invasione, colonizzazione, precipitazione etnica. La Grande Sostituzione è un crimine contro l’umanità in corso: la distruzione degli europei. L’antirazzismo è volontà genocida di cancellare tutte le razze in un materiale umano indifferenziato.” Renaud Camus.