Commenti all'articolo L’esercito dei chiusuristi attacca Draghi

Torna all'articolo
Avatar
guest
111 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Maria concetta
Maria concetta
19 Aprile 2021 16:01

Io ho capito una cosa che questo governo ha preso di mira le atttivita’ di ristoro e altre categorie ,perché non scalano lo stipendio a quei statali che da un anno ,mi riferisco a professori di superiori che fanno illsostegno e ovviamente non lavorano neppure in fase e percepiscono lo stipendio .sapete come passano le giornate a giocare al solitario sul celll .questa e l,Italia e c’è gente veramente disperata non ho parole

CLAUDIO
CLAUDIO
19 Aprile 2021 10:28

LAVORI ? TASSE
STUDI? TASSE
EREDITI? TASSE
INVENTI? TASSE
PRODUCI ? TASSE
COMPRI?TASSE
VENDI?TASSE
MUORI? TASSE
NON PUOI PAGARE LE TASSE? PIGNORAMENTO E INQUISIZIONE A VITA
NON FAI UNA BEATA MINCHIA? SUSSIDIO

PROTESTANO LE PARTITA IVA? NON SUCCEDE NULLA
CHIUDONO MIGLIAIA DI ATTIVITA’? CHI SE NE FREGA
SPARITE ALCUNE PROFESSIONI? NON IMPORTA

SINISTRA? SUSSIDI, POSTI FISSI, AFFITTI AGEVOLATI IN CASE DI COOPERATIVE, ODIO, ATTITUDINE AL SEDERE NEL BURRO

DESTRA? MORTE E TASSE

Simona Ferrari
Simona Ferrari
19 Aprile 2021 8:48

Peccato che non si possa vedere in background

paolospicchidi@
paolospicchidi@
18 Aprile 2021 22:24

CRISANTI, GALLI E REZZA… COSA DICONO TENENDO CONTO DEI RISCHI EPIDEMIA ED ECONOMICI… Per Crisanti con riaperture ad aprile il rischio è stare chiusi in estate Per Andrea Crisanti le riaperture dal 26 aprile annunciate dal Premier Mario Draghi sono una “stupidaggine epocale” perché “di calcolato vedo ben poco e il vero rischio è giocarci l’estate”. “Purtroppo l’Italia è ostaggio di interessi politici di breve termine che finiranno per rimandare la ripresa economica” ha spiegato il professor Crisanti. Le previste riaperture dal 26 aprile annunciate dal Premier Mario Draghi sono una “stupidaggine epocale” perché “il vero rischio è giocarci l’estate”, ne è convinto Andrea Crisanti, professore ordinario di Microbiologia all’università di Padova. Per il professor Crisanti permettere le riaperture di bar e ristoranti già a partire da questo mese nelle regioni con numeri dei contagi in calo sarebbe quindi controproducente. Secondo Crisanti, dietro la scelta dell’Esecutivo sulle riaperture graduali ci sarebbero esclusivamente ragioni di natura economica per nulla sostenute dai numeri attuali del contagio e che rischiano ottenere l’effetto opposto. Le riaperture, secondo Crisanti, sono state decise perché “purtroppo l’Italia è ostaggio di interessi politici di breve termine, che pur di allentare le misure finiranno per rimandare la ripresa economica” ha dichiarato l’esperto in un’intervista al quotidiano La Stampa. “Da settimane viaggiamo tra i 15 e i 20 mila casi… Leggi il resto »