in

“Prima la libertà della pace”. Ma col Covid dicevano l’opposto

Zuppa di Porro 23 maggio 2022

Dimensioni testo

00:00 I giornali non sanno più come titolare sulla guerra e dunque la mollano. Primo giorno da più di due mesi, solo il Corsera ci apre. Per il resto l’evergreen dell’Europa che ci chiede di tassare.

02:11 Intervista di Renato Brunetta a Repubblica da mandare a memoria, a futura memoria della sua prossima giravolta intellettuale: non abbiamo bisogno di tagliare la spesa pubblica. Lui infatti la alimenta. E sulla libertà: riguardo alla guerra, prima la libertà e poi la pace. Ma non valeva anche per il Covid? Noooooo!

05:10 L’Europa ci chiede di fare i compiti a casa, scrive Sallusti.

06:00 Parola ai commensali, grazie per tutte le vostre donazioni!

06:20 La ricottina della Soffici è aumentata, quindi la Brexit fa schifo… sì certo!

07:27 La retorica su Falcone, ricordate Fiammetta Borsellino, ha iniziato a morire quando venne mollato dai suoi colleghi. Gli stessi che oggi lo celebrano.

09:20 Referendum giustizia, Libero apre sulla giustizia e l’affida alla Bongiorno.

09:46 Il casino del centrodestra…

11:33 Il vaiolo della scimmia e la quarantena in Belgio.

12:50 Il Milan vince lo scudetto e Crosetti fa il poeta con il cielo di alabastro. Maddai!