Commenti all'articolo Migranti, Macron nei guai: ecco perché deve fare la voce grossa

Torna all'articolo
guest
116 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Eugenio
Eugenio
12 Novembre 2022 10:46

I Francesi sono un popolo di *****,cominciarono a crere un nuovo Papa ad Avignone,rubarono la Gioconda,il nano dell’Eliseo Sarkozy ammazzo’ Ghedaffi per non pagargli milioni didebiti da li cominciarono ad arrivare migranti e poi sono talmante zozzi che non usavano il bide’,adesso se ce l’hanno rimangono sempre un popolo zozzo.

la-gazza
la-gazza
12 Novembre 2022 10:42

come ho già scritto, tutta l’Europa occidentale è ormai preda dell’invasione incontrollata,ma non capisco la reazione dei nordici:sanno che prima passano da noi poi vanno da loro.Allora perché non dire: mettiamoci assieme e fermiamo il flusso?No, lasciamogli all’italia e facciamogli pure la lezioncina…pensano così di salvarsi?Europa suicida

Lettieri Natalino
Lettieri Natalino
12 Novembre 2022 1:00

Non è l’amicizia filo francese , per I giornalai di sinistra è perfidia , contro chi
avendo superato da destra….tiene ancora la strada dritta !!

Antonio
Antonio
12 Novembre 2022 0:35

I francesi fanno la voce grossa perché una nave con 4 clandestini a bordo è stata dirottata in un porto francese? E noi? Cosa dovremmo fare? Visto che le navi stracariche di clandestini fanno base nei nostri porti da decenni? Picchiare i francesi? Loro tutti precisini e la notte la gendarmeria francese entra nei nostri confini per abbandonare i clandestini da noi? Bravi loro no?

Paolo
Paolo
11 Novembre 2022 20:12

E anche oggi sbarcati a Lampedusa 400 migranti.
Segna Bertoncelli segna.
Qualcuno ha notizie del ministro dell’interno?

Valter Valter
Valter Valter
11 Novembre 2022 18:38

“L’ assenza della prova non é prova dell’assenza”, é il “Principio di precauzione” formulato da C. Sagan e che spopola tra i talebani climatisti, i no-Tav, i no-triv, i terroristi sanitari alla Speranza e nell’intelligencjia grillina, con qualche contagio che scopriamo ora in casa leghista dove Zaia sposa la teoria mai comprovata della “subsidenza” come possibile causa di terremoti. Il “Principio di precauzione” non é altro che un paradosso logico e chi ne rimane prigioniero per scarso acume o per pusillanimitá é destinato alla totale paralisi progettuale che diventa disastrosa quando riguarda un politico alla sola ricerca di facile consenso