10 pensieri sulla dittatura del buonismo

Condividi questo articolo


1. Non c’è alcuna emergenza. Se il governo non sa lavorare senza emergenza rassegni le dimissioni. Un governo che crea un’emergenza che non c’è è un governo anti-costituzionale.

2. Il governo nato contro i pieni poteri vuole il potere assoluto, lo stato d’emergenza, i poteri speciali perché loro sono buoni. Come Jeeg Robot. Non c’è niente da fare: viviamo in una perenne condizione di strisciante totalitarismo e la fonte di questo disagio della civiltà è la subcultura di massa da cui rampollano tutti i miti peggiori della modernità.

3. Verrà la dittatura dei buoni sentimenti. E sarà la peggiore.

4. Il liberalismo non è una dottrina dei diritti ma una teoria della libertà che oppone seri limiti al potere. Non dimenticatelo mai, altrimenti perderete diritti e libertà.

5. Siamo tutti contenti per i fondi europei. Resta la sensazione, avvertita da pochi, di aver fatto la questua.

6. Con i fondi europei riusciamo a finanziare per altri due anni la decrescita felice e il socialismo di Stato, poi ci toccherà rifare la questua.

7. A me piace come la Merkel governa l’Italia.

8. La scuola non potrà riaprire fino a quando il governo non smetterà di colpevolizzare i cittadini per la diffusione del Covid e non dirà che il controllo dell’epidemia dipende da una sicurezza relativa del metodo sanitario del tracciamento. Non siamo un paese serio ma un paese che per convenienza e per ignoranza crea alibi e miti che inevitabilmente diventano commedie e tragedie.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche


Condividi questo articolo


35 Commenti

Scrivi un commento
  1. Scriveva Silone che “il peggior regime è quello che si ignora”. Non è vero: quello in cui ci stiamo dibattendo lo riconosciamo benissimo ed è ancora più grave. Grazie Mattarella.

  2. “La Azzolina è ministro della Pubblica Istruzione, voi delle nullità da tastiera.”

    Beh, se basta un incarico per rendere qualcuno adeguato al ruolo…ricordiamoci che Caligola voleva nominare senatore il suo cavallo Incitatus…!

  3. Pensavo che ci fosse anche un pensierino velenoso sugli scudi fiscali della grande Padania che ci guida, ci conduce e ci mantiene!
    Delusione!

      • @Ghino di Tacco
        Ignorante analfabeta! Lo sanno tutti che lo scudo fiscale non prefigura alcun reato: sono soldi “inguattati” all’estero legalmente. Fontana è sotto inchiesta per altro.
        Informati prima di dire idiozie!

  4. Pensare di sostituire tutti i banchi delle squole in un paio di mesi – a parte la inutilità – è la dimostrazione di assoluta demenza. Da questa ministra ne abbiamo sentite di tutti i colori: la peggiore è l’ultima, per il semplicissimo motivo che non è realizzabile (oltre che inutile).

      • @Rosario Nicoletti
        Sei un docente? Un dirigente scolastico? Un direttore dei servizi amministrativi? Un genitore presidente del consiglio di Istituto? Un operatore scolastico? Un dirigente regionale? Un ispettore scolastico?

        O parli a C D C ?

        • Siamo genitori. I nostri figli frequentano o hanno frequentato in tempi recenti la scuola italiana e cosí purtroppo ne abbiamo constatato di persona il profondo degrado.

          1) Una volta era la “scuola”, di cui andare fieri.
          2) Ora è diventata la “squola”.
          3) Peggio, la “scquola”.

          • Io continuo a vedere peti del petomane signor virgola sotto i miei post! Ma perchè non la smette? I peti non si leggono!

          • Tu, Sal, credi di sostenere le tue tesi ripetendo “peto” all’infinito?
            Non capisci che ti riveli per ciò che sei? Una persona dalla maturità infantile.

            No, non te ne rendi conto: sei troppo stupido.

  5. Ci vorrebbe un nuovo Risorgimento ma, all’orizzonte , non vi è: ne un nuovo Cavour ne un nuovo Garibaldi.Il mondo politico italiano è dominato da figure patetiche e/o repellenti.

  6. Buon giorno , ho visto ieri sera la sua trasmissione , le confermo che quando ho sentito il filosofo francese criticarci ho girato canale dalla rabbia.Mi meraviglio di lei sig. Porro che non ha fatto nessuna obbiezzione. Facile fare il filosofo a casa degli altri quando questi si permettono di allargare i loro confini sulle montagne , di farlo anche in acque vicino alla Liguria /Corsica per i loro pescherecci , di rimandare in dietro i migranti al confine con Italia senza tante storie perlopiu accompagnandoli per vie funestre . Di permetersi con i loro gendarmi di sconfinare armati e di perquisire una sede Italiana . Già , ricorda il filosofo che noi siamo stati con l’impero romano la prima democrazia , si dimentica però che gli altri stavano alle nostre regole , e se non ci temevano . almeno ci rispettavano

  7. Il fatto che ci sia qualcuno che difenda la cazzolina invece di rimandarla a ragliare è certificante di quanto l’ee-taglia sia ormai allo sfacelo.

  8. Se andiamo avanti così… l’Italia diventerà peggio della Turchia e dell’Egitto messi insieme!
    Che disperazione…Fateci votare!!!

  9. Fosse vero che la Merkel governa l’Italia, vedendo l’attuale situazione del Paese e il grado di ottusità politica di gran parte dei bel paesanucci, la Dorothea sarebbe da denunciare per crimini contro l’umanità.
    Fosse poi vero come penso e facie da dimostrare che la Dorothea persiste nell’applicare sia in Italia sia in Europa, (con gli Est-europei ha morsicato nel granito) gli insegnamenti ricevuti da Margot Honeker, la moglie del Presidente della DDR Honeker, allora sì, è ancora peggio. Ci ha provato a farlo in Germania, gli è andata bene per un paio di legislature, poi al BUnderstag si sono svegliati e la CSU bavarese e membri del suo stesso partito le hanno imposto l’alto là.

  10. I “professori” -mai prima d’ ora questo titolo fu piu’ immeritato- hanno reso la squola italiota una barzelletta. Di questa squola, la Ministra piu’ rappresentativa non poteva essere che Azzolina la”copiona”.

    • La Azzolina ha due lauree. La Azzolina è docente universitaria. La Azzolina ha detto che le scuole riapriranno regolarmente il 14 settembre. Questi sono fatti. Le vostre sono solo chiacchiere.

      • Caro signor Andrea,
        dal sito del ministero, ove è pubblicata la biografia della ministra (penso redatta su indicazioni della stessa)
        https://www.miur.gov.it/il-ministro
        l’Azzolina non risulta “docente universitario” bensì insegnante (presumo di storia della filosofia) presso l’Istituto di Istruzione Superiore “Quintino Sella” di Biella che dovrebbe essere un Istituto Tecnico perchè il Liceo Classico si chiama “Giuseppe & Quintino Sella”.
        Afferma di avere svolto attività sindacale e “svolto attività forense”, dal che desumo che è avvocato e forse neanche procuratore legale.

        • Errata corrige: dal che desumo che “non è avvocato e forse neanche procuratore legale”.
          Mi pare comunque un po’ troppe attività concomitanti per averne svolto bene almeno una.

        • Quindi non è docente universitaria, l’amico Andrea si è perso e non sa più tornare, tanto più che con la fregnaccia delle due lauree, dato che la maggior parte di noi ne ha almeno una e sa benissimo che non dà nessuna eccellenza e nessun primato, dimostra di essere un membro del popolino capra che porta i polli e i conigli al dottore o all’avvocato del paesello perché quello è di una classe superiore e lui, volgare servo della gleba, deve fare reverenza e omaggio in genuflessione della propria umile persona.

      • 1) La Azzolina ha copiato una sua tesi di laurea.

        2) La Azzolina, con due lauree o con quarantasette lauree, si è dimostrata incapace di fare il ministro.

        3) Al 27 luglio 2020 le dichiarazioni della Azzolina sul 14 settembre 2020 – ancora di là da venire – non sono “fatti” ma, per l’appunto, soltanto parole. Anzi, chiacchiere.

        • @Fabio Bertoncelli, ringrazio per il suo contributo.
          Il punto 2), mi ricorda il Preside della nostra Università di Natal , Sud Africa,, alla presentazione delle Laure, anno 1967, che fece un bellissimo e sensato ragionamento a tutti i partecipanti.
          Essendo lungo, presento quella parte che anche i genitori applaudirono.
          “Vi ricordo che sciete riusciti a superare gli esami per soddisfare che quanto aveto imparato è sufficiente per diventare ingegneri, ma avrete tanta strada di pratica davanti di voi, con successi ed errori, ma questa esperienza è necessaria per capire come risolvere problemi reali, e vi consiglio di non vantarvi di conoscere il vostro mestiere senza questo tirocinio”.
          Magari in Italia la pensassero così!

        • La Azzolina ha copiato anche al Concorso per preside, sostenuto -in pieno conflitto di interesse- quando gia’ faceva parte della Commisione Scuola del Parlamento.

        • Mi scuso per gli errori di battitura sulla mia precedente, che ho visto dopo avere cliccato su “Pubblica il Commento”.

          • @gianfranco benetti longhini

            Ah no!!!! Caro mio!
            Se ti legge il signor virgola petomane analfabeta sei fregato!!

    • @Raffaello Ferrentino
      Qui se c’è una barzelletta ambulante è soltanto il Ferrentin fuggiasco in quel di Romania che parla sempre della “squola” privata che ha frequentato lui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *