in

10 pensieri sulla dittatura del buonismo

Dimensioni testo

1. Non c’è alcuna emergenza. Se il governo non sa lavorare senza emergenza rassegni le dimissioni. Un governo che crea un’emergenza che non c’è è un governo anti-costituzionale.

2. Il governo nato contro i pieni poteri vuole il potere assoluto, lo stato d’emergenza, i poteri speciali perché loro sono buoni. Come Jeeg Robot. Non c’è niente da fare: viviamo in una perenne condizione di strisciante totalitarismo e la fonte di questo disagio della civiltà è la subcultura di massa da cui rampollano tutti i miti peggiori della modernità.

3. Verrà la dittatura dei buoni sentimenti. E sarà la peggiore.

4. Il liberalismo non è una dottrina dei diritti ma una teoria della libertà che oppone seri limiti al potere. Non dimenticatelo mai, altrimenti perderete diritti e libertà.

5. Siamo tutti contenti per i fondi europei. Resta la sensazione, avvertita da pochi, di aver fatto la questua.

6. Con i fondi europei riusciamo a finanziare per altri due anni la decrescita felice e il socialismo di Stato, poi ci toccherà rifare la questua.

7. A me piace come la Merkel governa l’Italia.

8. La scuola non potrà riaprire fino a quando il governo non smetterà di colpevolizzare i cittadini per la diffusione del Covid e non dirà che il controllo dell’epidemia dipende da una sicurezza relativa del metodo sanitario del tracciamento. Non siamo un paese serio ma un paese che per convenienza e per ignoranza crea alibi e miti che inevitabilmente diventano commedie e tragedie.