in

2 motivi per cui Salvini non è finito

Dimensioni testo

Non convincono le interpretazioni dei grandi politologi italiani, che in questo momento discettano sul comportamento ondivago, a loro dire, di Salvini, come se Salvini fosse di nuovo l’ambiguo ballerino da discoteca balneare e come se il centro destra si agiti senza un’idea precisa del da farsi.

Offro invece una interpretazione contraria, che pone in luce una lucida strategia del centro destra, con Salvini sottile stratega della nuova politica italiana. Il tutto con la finalità democratica più ambita e non controversa: acquisire consenso elettorale alle prossime elezioni.

Parto dalla premessa che siano due i punti cardine che servono a Salvini:

1. far crescere il consenso per la coalizione di centro-destra per vincere le elezioni.

2. evitare quella che sarebbe una impasse sicuramente quasi insuperabile (lo dico senza voler aderire ma solo interpretare la visione più plausibile della politica italiana): la impossibilità di avere un governo a guida del partito di destra estrema. Il consenso del palazzo difficilmente potrebbe far passare a qualunque presidente della Repubblica l’idea di dare un incarico governativo al partito di estrema destra. Ormai molta acqua del nuovo cosiddetto politically correct è passata sotto i ponti dai tempi di Gronchi. Buonismi vari, ci piace Obama, via i voti numerici senno’ i bimbi a scuola si traumatizzano, ecologismo verde-chic, neologismi declinati al femminile come ministra e rettora: sono tutti valori che permeano la nostra cultura. Del resto, il Manzoni non dovette “sciacquare i panni in Arno” per essere accettato? Berlusconi non è stato tartassato per aver portato la destra al governo? Figurarsi la destra alla guida del governo!

Ecco allora la mia osservazione fattuale che dimostra la tesi di Salvini stratega e non ondivago saltimbanco.

Nel quadro politico attuale, la immagine di governo della Lega sottrae voti degli scontenti verso destra: ma ogni voto acquisito da Fratelli d’Italia è a somma zero per la coalizione di centro-destra perché è un voto sottratto alla Lega.

Invece, con le ultime mosse di Salvini, ogni voto sottratto a Fratelli d’Italia dalla Lega è a somma positiva per la coalizione di centrodestra, perché spostandosi leggermente verso destra, la Lega lascia più spazio al centro a Forza Italia e alle componenti centriste del centrodestra per acquisire maggiore visibilità, indipendenza e maggiore consenso.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
30 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Raffaello Rota
Raffaello Rota
15 Settembre 2021 11:42

Questa analisi non mi convince: Forza Italia di oggi, la considero solo una componente litigiosa e minoritaria del CDX, la Lega di governo e poca lotta non mi rappresenta più. Resta la Meloni con la sua coerenza ! Voterò Fratelli di Italia, alle amministrative confermando comunque il consenso all’attuale Sindaco Canelli ( Lega ) di Novara , che, a mio parere ha ben gestito.

Paolo
Paolo
15 Settembre 2021 10:45

Tecnicamente fallito. Da cestinare anche questo guitto come Grillo.

Antonio
Antonio
15 Settembre 2021 10:25

Ho visto salvini a carta bianca e sinceramente nel battibecco con mieli il matteo e’ andato in difficolta’.
Come sempre fanno i politici di tutti i colori, e salvini ne’ e’ uno dei campioni, a domanda ben precisa cominciava a divagare e a parlare dei massimi sistemi, introducendo, per esempio, l argomento dei vaccini ai minori, che non era oggetto delle risposte che chiedeva il Dr. Mieli.
Classico esempio di benaltrismo, quando per non rispondere a domanda, si svia l argomento con altro.

massimo
massimo
15 Settembre 2021 9:52

Purtroppo il progetto di una lega nazionale e’ gia’ naufragato, se mai fosse cominciato. Delusione assoluta da parte di Giorgetti, Fontana, Fedriga e Zaia, i quali non avendo piu’ bisogno di Salvini, si smarcano alla grande, prendendo delle distanze, oramai incolmabili….solito giochetto, una volta ben accasati si sputa nel piatto (partito) dove si e’ mangiato e cresciuti. Zaia, e’ ormai al terzo mandato, e per mia fortuna, l’ ultimo. Vive di rendita, e non ha piu’ nulla da temere o perdere politicamente, sia che faccia bene, sia che lavori male. E’ tutto grasso che cola….saluti

Algeo Bonaldo
Algeo Bonaldo
15 Settembre 2021 9:41

Ecco la classica mentalità komunista del nostro caro Franco e kompagni. Loro (gli eletti, i migliori) possono, anzi devono, governare anche senza voti perchè sanno, la Meloni votata dagli italiani è un problema in sé e, per supportare la loro verità, non è più di destra ma di estrema destra. Mettiti il cuore in pace, o preparati ad espatriare, perchè la Meloni te la troverai al Governo.

Franco
Franco
15 Settembre 2021 7:23

L’ unico problema di un governo italiano di estrema destra sarebbe, secondo Bollino, il mancato consenso del cosiddetto “palazzo”?

Non sarebbe un problema in sé un governo italiano di estrema destra?

marcor
marcor
15 Settembre 2021 1:06

Matteo2 al momento rischia molto, anche perchè non è automatico che il voto dissenziente leghista si sposti su Gollum. Piuttosto abbiamo ancora parecchi orfani di grillo che potevano andare da lui e che quasi sicuramente non ci andranno.

Mina
Mina
14 Settembre 2021 21:44

Il discorso fila dritto e la matematica non è un’opinione, ma rimane sempre il grosso dubbio amletico che tanti bla bla non risolvono: chi potrebbe essere il leader, ossia il capo/guida di questa coalizione se nessuno è degno di questo titolo?