in

Addio a Vanzina, galantuomo che ci ha raccontato i tempi che cambiavano…

Ci sono mille modi per ricordare Carlo Vanzina attraverso i suoi film. Con il fratello Enrico ne ha diretti più di sessanta. Vorrei ricordarne uno non particolarmente famoso, quello con la meravigliosa Virna Lisi che balla con suo figlio in Sapore di mare. Perché in quella scena, in un minuto c’è il vanzinismo. E cioè il modo di raccontare la realtà e i tempi che cambiano con la prospettiva dei signori. Non dei sociologi, non dei politologi, non degli economisti, ma con la prospettiva così rara del gentiluomo. Il ragazzo si vergogna di ballare con la mamma, non per l’età, ma perché i lenti non si ballano più. «Mamma com’era l’epoca tua?». E la Lisi risponde, come sapeva fare solo lei senza sembrare affettata e ridicola: «Mah, era diversa… ma non so, ci batteva il cuore… eh sì, mi sembrava di ricordare che ci batteva il cuore».

L’ultima volta che ho visto Carlo con suo fratello Enrico era a Matrix, più di un anno fa. Li ho voluti a tutti i costi, per celebrare in tv ciò che loro avevano celebrato in una mostra e cioè il loro papà Steno. Abbiamo ballato un lento per quasi un’ora. In cui Carlo ed Enrico si passavano la palla delicatamente. In cui ricordavano Steno, dimenticando sé stessi. Per chi fa il nostro mestiere, cioè in fondo il giornalista, è raro incontrare un Signore. La fama, il successo, la rilevanza per cui i media ti cercano, in genere, non sempre per carità, confligge con il garbo di carattere, con i modi semplici e antichi di un gentiluomo. Carlo era soprattutto questo. La discrezione dei Vanzina (in Carlo accompagnata dalla vitalità della sua fantastica moglie) era ciò che ha permesso loro di raccontare gli eccessi del nostro tempo con tanta pungente precisione.

Non c’è un luogo della ricchezza italiana e internazionale che lui non conoscesse. Perché era nel suo sangue. E per questo ne aveva assimilato i sapori, senza farsi vincere dalle apparenze. Come un signore, ha accettato per anni di essere considerato un regista di serie B, solo perché i suoi film guadagnavano un mucchio di quattrini e non si mischiava al coro dei direttori politicamente corretti.

Un liberale, che ha amato i radicali, con padre malagodiano. Come poteva d’altronde essere accettato dal nostro circoletto Verdurin. Anche se proprio a Carlo, e anche a Enrico, non si può certo attribuire quella magnifica freddura di madame di Guermantes: «Purtroppo nella vita mondana, come in quella politica, le vittime sono così vili che non si può, prima o poi, non perdonare i loro carnefici».

I Vanzina, Carlo, non si sono mai messi nella condizione di vittime, hanno sempre giocato in un altro girone: quello dei gentiluomini.

Nicola Porro, Il Giornale 9 luglio 2018

4 Commenti

Scrivi un commento
  1. Lasciamo perdere le solite ridicole e stucchevoli classificazioni: “regista di destra”, “registra di sinistra”, che non dicono proprio nulla. La verità è che se davvero vogliamo trovare un grande regista che ha – come scrive Porro – raccontato “i tempi che cambiavano” e l’Italia popolare, allora non c’è dubbio che questo regista fu STEFANO VANZINA, in arte STENO, cioè il padre dei fratelli Vanzina. Steno fu davvero un grandissimo regista del costume italiano (un po’ come Dino Risi), e fece film indimenticabili come “Guardie e ladri” (con Totò e Fabrizi), “Un giorno in pretura”, “Un americano a Roma” (con Sordi), “I tartassati”, “Totò diabolicus”, “Febbre da cavallo”, ecc. I suoi figli provarono a seguire quel filone, ma i loro film sono ad un livello decisamente più basso, a parte qualcuno, come appunto “Sapore di mare” qui citato. I Vanzina sono stati i classici figli d’arte che – grazie alle entrature paterne – hanno fatto fortuna con cinepanettoni e filmetti alla buona, un po’ come fece Christian De Sica. Ma se qualcuno paragonasse i filmacci di Christian De Sica ai capolavori di suo padre, il grande Vittorio , l’unica risposta sarebbe una sonora risata. Insomma, figli d’arte bravi a fare i soldini, ma stendiamo un velo pietoso sui loro film. E non perché fossero “popolari” (anche quelli di Stefano Vanzina lo erano), ma perché in genere erano brutti e basta.

  2. Ovviamente, ribollita di Porno, tu non ti sognerai mai di commemorare con lo stesso lirico (e ipocritamente devoto) accento un regista che abbia ai tuoi occhi il grave torto di non essere di destra. Il punto è, cantore delle frustrazioni dei destrofili, che i registi, pur decorosi, ‘alla Vanzina’ non sono classificabili nemmeno di ‘destra’ e gli elogi che vengono loro rivolti da quella parte piuttosto sono un insulto, non un omaggio, alla loro professionabilità

  3. Ho sempre goduto nello scandalizzare i cinefili politicamente corretti dicendo che tra i pochi film italiani degni di essere visti c’erano quelli dei fratelli Vanzina, e che fra 50 anni li si vedrà ancora mentre saranno giustamente dimenticati tutti quelli dei genii compresi della parrocchietta assistita dei registi “de sinistra”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *