Articoli

Anatomia del fondamentalismo politicamente corretto - Seconda parte

Ma che strana, questa democrazia delle ossessioni e delle contorsioni che nega qualsiasi pluralismo e legittima la follia irrazionalista, ultra-romantica. Una democrazia che si alimenta di censure, di avvertimenti, di sabotaggi e di statue martellate. Che funziona non in base ai riscontri scientifici, fattuali, ma alle ospitate televisive dei virologi più alla moda e politicamente sorretti. Certo, nel mondo in genere e in Italia in specie non ha mai avuto troppa fortuna la democrazia del dissenso e della riflessione, a spuntarla sono sempre i tribuni, i violenti, i fanatici e ne abbiamo memoria recente, i furibondi anni ’70 dei miraggi e degli abbagli di massa sono lì, a un passo dalla memoria.

Ma, dopo tanto sangue versato, gli anticorpi dove sono? Dove, se i meccanismi si riproducono ancora più assurdi e più tragici? Dove, se i cretini hanno sempre più voce in capitolo e tratteggiano democrazia formato Isis che discrimina perfino in base alla traspirazione? Quando si dice: non condivido il tuo pensiero, ma darei la vita, la tua, perché tu non possa manifestarlo.

Max Del Papa, 10 giugno 2020

PaginaPrecedente
PaginaSuccessiva
Iscrivi al canale whatsapp di nicolaporro.it

LA RIPARTENZA SI AVVICINA!

la grande bugia verde

SEDUTE SATIRICHE

www.nicolaporro.it vorrebbe inviarti notifiche push per tenerti aggiornato sugli ultimi articoli