Commenti all'articolo Anche la sinistra Usa ha perso contatto con la realtà

Torna all'articolo
Avatar
guest
17 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Laval
Laval
8 Febbraio 2020 13:19

I due partiti di maggioranza americani Democratico e Repubblicano, non sono configurabili con i nostri in quanto alcuni programmi si avvicinano e si allontanano in modo trasversale.

Donald Trumph ha il merito della politica economica che è anche il risultato delle scelte del suo predecessore Barack Obama, bisogna riconoscere la capacità e la versatilità di Trumph nelle sue scelte a volte eccessive e quella imprenditoriale.

Nonostante i vari passaggi tra i due partiti repubblicano e democratico, ha saputo mantenersi gli amici da entrambe le parti, ma oggi ha sul tavolo delle problematiche rilevanti tra cui i rapporti commerciali con gli altri paesi, cosa che ha sempre criticato nei confronti dei suoi predecessori.

Deve affrontare la spinosa questione dei dazi nel suo tentativo di aumentare le esportazioni e ridurre le importazioni, tenendo conto dell’occupazione nel lavoro e poi il problema dell’immigrazione.

La risoluzione di questi programmi confermeranno o meno la politica di Donal Trumph nei due anni a venire.

Al momento non vedo figure altrettanto rappresentative come la sua.

Massimo da Rotterdam
Massimo da Rotterdam
8 Febbraio 2020 13:09

La sinistra italiana come quella oltre oceano ha perso capacità propositiva, l’ elemento che le unisce è l’ odio per l’ avversario e quindi ogni azione, ogni decisione politIca è decidere per l’ opposto. Se Trump o Salvini dicono “si” per loro è “no”, molte volte contraddicendosi.

In passato c’ era il partito comunista che anche su posizioni discutibili aveva il fine della dittatura del proletariato, un partito socialista o socialdemocratico più liberale e aperto che avevano il supporto delle fascie più deboli e povere. Ora il Pd e in generale la sinistra europea e americana appoggiano l’ elite finanziarie alla Soros, non certo un supporto all’ elettorato che in passato votava a sinistra. In effetti i voti li prendono tra le fascie più agiate della popolazione. Una sinistra che ha perso l’ anima, anzi che l’ ha venduta, sempre piu conservativa nell originale definizione di conservativismo, nel difendere i diritti delle elite.

Elisabetta
Elisabetta
8 Febbraio 2020 13:03

Azz… abbiamo dei manovratori anche nella famosa democratica USA?

Ma chi l’avrebbe mai detto?

Ma chissà di chi trattasi?

Mah. noi ( plurale maestatis) scemi complottisti avremmo i nomi.

Me sembro Otelma!

Fabio Bertoncelli
Fabio Bertoncelli
8 Febbraio 2020 11:53

“Tra la rivoluzione e la verità io scelgo la rivoluzione” (Gian Carlo Pajetta, parlamentare comunista; 1961).

“Tra la realtà e il Partito io scelgo il Partito” (elettore PCI/PDS/DS/PD, ecc. ecc.; dal 1921 a oggi).