Arcuri si toglie la mascherina da Fazio

Salottino di Fabio Fazio, domenica 15 novembre. Conversano amabilmente il conduttore, Ferruccio de Bortoli e il commissario Domenico Arcuri. L’uomo che “siamo stati straordinari”, “chi critica dal divano non è onesto”, indossa un’elegante mascherina nera. Ma appena Fazio manda la pubblicità, mentre le telecamere ancora lo inquadrano, si affretta a togliersela. Palesando così quel fastidio troppo umano di indossare il bavaglio, che però nessuno, in questo regime di polizia sanitaria, può avere l’ardire di confessare.

Ma allora, perché Arcuri portava la mascherina? Serviva a proteggere lui e l’operatore? Oppure solo a educare il popolo in diretta tv, tipo commissario sovietico? Ovvero, solo ai fini dello show pandemicamente corretto? Ci fanno il pippone sui comportamenti, fate i bravi ma niente cenone di Natale, andate al lavoro ma non al ristorante; viviamo in una sorta di Urss stile Breznev, in cui le luci si spengono alle 18 e di sera si sentono solo pochi passi lungo i viali (per citare Alexanderplatz di Battiato); e poi proprio lui, Arcuri, quando pensa di non essere inquadrato, si toglie la mascherina? A proposito, commissario del popolo, esperto di tutto, collezionista d’incarichi: a che punto siamo con l’autosufficienza? Non era stato lei a promettere che a settembre avremmo inaugurato l’autarchia delle mascherine?

Nicola Porro, 17 novembre 2020

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
88 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Giuseppe
Giuseppe
30 Novembre 2020 9:42

omofili con la mascherina altrui…

Stella
Stella
22 Novembre 2020 14:01

Buongiorno, il fatto è, dire che ci sono meno 10 pazienti in terapia intensiva non fa notizia. Noi compriamo un quotidiano solo se ci sono i morti in prima pagina!!!

Ugo
Ugo
18 Novembre 2020 20:11

Interrogativi più che legittimi. Ma fino a quando sopporteremo certi atteggiamenti e, più ancora, certi comportamenti? Tutti a pavoneggiarsi in televisione e nessuno disposto a confessare che ha passato l’estate a far vacanza senza organizzare nulla. Profetizzavano il disastro ma dormivano sperando nel miracolo!

Daniele Barilli
Daniele Barilli
18 Novembre 2020 16:45

Grande Nicola

Luca Beltrame
Luca Beltrame
17 Novembre 2020 22:57

Parliamo di… visoni. No, non sono diventato improvvisamente Piero Angela. Ma la questione “visoni e coronavirus” è importante perché sia la stampa ufficiale sia i cosiddetti scettici hanno interpretato in modo clamorosamente errato i risultati che sono emersi. La storia è pressapoco questa: già prima dell’estate, in Olanda si erano verificati casi di infezione di visoni dopo contatti con l’uomo, e la cosa era stata tenuta sotto osservazione, perché la trasmissione sembrava molto efficiente, e perché uno dei modi con cui i virus continuano a circolare sono le cosiddette “riserve zoonotiche”, ovvero animali dove il virus si diffonde, e poi ritorna negli umani, causando focolai (molte varianti dell’influenza emergono così). Passiamo a settembre. In Danimarca, nel Nord Jutland, viene identificato un focolaio (“Cluster 5”) direttamente legato agli allevamenti di visoni. Successive indagini hanno mostrato che il SARS-CoV-2 si diffonde circa quattro volte più velocemente nei visoni che negli umani. E, peggio, si era diffuso anche ad un sacco di allevamenti, anche distanti chilometri (l’ipotesi è che il virus fosse stato trasportato dai gabbiani). La caratteristica dei pazienti infetti nel Cluster 5 (12 all’inizio, adesso credo siano un po’ di più) era che il virus con cui erano stati infettati aveva una mutazione che si era verificata nei visoni, chiamata “N439K”, ovvero, nella proteina spike del virus, la molecola (aminoacido) numero… Leggi il resto »

Nella
Nella
17 Novembre 2020 21:03

Il prof Garattini oltre ad essere un signore é persona troppo corretta x buttarsi nella mischia dei fanfaroni…a parte che nel suo istituto lavora anche il prof. Remuzzi persona altrettanto affifabile e corretta.

Davide V8
Davide V8
17 Novembre 2020 19:56

A proposito dello studio dell’istituto tumori, che ha rilevato il sarscov2 già a fine 2019, perfetto Giacomo Zucco:
“This data in blood test doesn’t fit the prevalent narratives in newspapers, so it must be certainly wrong.”
https://twitter.com/giacomozucco/status/1328641168465408001
ed un suo commentatore:
“It’s pretty clear data are irrelevants if they don’t fit my preconceived misconception”

Davide V8
Davide V8
17 Novembre 2020 19:48

Grazie a Leonardo Facco, segnalo questo studio:
https://www.nejm.org/doi/full/10.1056/NEJMoa2029717
ripreso da questo articolo oltre che da Facco stesso sul Miglio Verde.
https://www.aier.org/article/even-a-military-enforced-quarantine-cant-stop-the-virus-study-reveals/

Even a Military-Enforced Quarantine Can’t Stop the Virus, Study Reveals

A proposito di “evidenza scientifica”, è una bella dimostrazione dell’inutilità delle forme di reclusione imposte.