Quarta Repubblica

“Avviso ai naviganti: la tessera Pd non fa più punteggio”

Il premier Giorgia Meloni a Quarta Repubblica mette al bando “l’amichettismo”: “Il problema di Luca De Fusco? Che non è iscritto al Partito Democratico”

9k 52

Si è parlato di molte cose, durante l’intervista che Nicola Porro ha realizzato a Giorgia Meloni durante l’ultima puntata di Quarta Repubblica. Si è parlato di Chiara Ferragni e della legge sulla beneficenza in via di definizione. Si è parlato di Houthi e della missione che l’Ue si appresta ad approvare per difendere il traffico marittimo dagli attacchi nel canale di Suez. Si è parlato di politica estera, di quella interna e, ovviamente, dei presunti dissidi tra FdI e Lega sul Piano Mattei che il premier “smentisce categoricamente”. “Francamente sono un pò imbarazzata – ha detto Meloni – perché secondo me non si possono inventare le notizie di sana pianta”.

Al centro del dialogo anche la nomina di Luca De Fusco a direttore del Teatro di Roma, su cui la sinistra si sta stracciando le vesti da giorni. “Io non ho nominato nessuno, neanche lo sapevo francamente – ha assicurato Meloni – c’è un Cda che per legge nomina il direttore del Teatro di Roma ed è stata nominata una persona che ha, da quello che apprendo, un curriculum di ferro sul piano culturale della competenza, non ha tessere di partito, non ha la tessera di Fratelli d’Italia, ma lo scandalo è che non ha la tessera del Pd”.

Rivolgendosi alle telecamere, il premier è stata pure più chiara e diretta, ricordando che l’attuale presidente del Cda del Teatro di Roma è un signore, Francesco Siciliano, che in passato è stato vice responsabile del dipartimento culturale dem. “Avviso ai naviganti – ha detto Meloni – Il mondo nel quale per le nomine pubbliche la tessera del Pd fa punteggio è finito. Ci vanno le persone che hanno un merito indipendentemente dalla tessera che hanno deciso di sottoscrivere, se ne hanno una”.

Leggi anche:

Per rivedere l’intervista integrale a Giorgia Meloni a Quarta Repubblica, clicca qui

www.nicolaporro.it vorrebbe inviarti notifiche push per tenerti aggiornato sugli ultimi articoli