in

Banksy e il quadro che si autodistrugge. Provocazione o marketing?

Domenica Gnocchi: la rassegna stampa sulla cultura di Alessandro Gnocchi, firma del Giornale

Samsung Galaxy Watch

00:00 Banksy e il quadro che si autodistrugge. Provocazione o marketing?

02:08 Guido Davigo Bonino critico sulle scrittrice contemporanee. Nell’epoca del #metoo non è poco

03:30 #MeToo, Repubblica dedica un articolo per celebrare un anno del movimento. Con qualche dubbio…

04:25 Il Sole 24Ore ci ricasca con l’autorecensione. Il libro su Arturo Toscanini.

06:00 Roger Nimier, finalmente in Italia il suo romanzo capolavoro del 1950.

  • 136
    Condivisioni

4 Commenti

Scrivi un commento
  1. Non condivido,siccome dissennata, la politica economica del governo,dove campeggiano il reddito di cittadinanza di Di Maio e la flat tax di Salvini.
    Di Conte non c’è niente da dire ,semplicemente perchè da lui non arriva mai un segnale importante ; tranne quello che lo vede impegnato a conquistare il posto di professore ordinario di diritto privato o civile alla Sapienza di Roma.
    Che ,non è ,propriamente, una questione di governo,anche se,per Conte, comporta un conflitto di interesse.
    Limitandoci,per ora, al reddito di cittadinanza – è sufficiente una elementare considerazione per svelare l’artificio dei conteggi e il raggiro del popolo italiano che ne sarà la vittima.
    Se,infatti – come si legge – l’assistenza riguarderà una platea di 5 milioni di poveri ai quali verranno proposti, in tempi successivi, tre possibilità di lavoro,ne deriva che si metterà’ in campo un asset di 15 milioni di posti di lavoro ( 5000.000 x 3 ) .
    Una cornucopia che esiste solo negli spot elettorali del governo .
    Laddove fosse,per contro, una realtà autentica e non fittizia , uno si domanda :
    perchè allora non si pensa di dare agli interessati un lavoro che esiste in sovrabbondanza e,di certo, è più dignitoso e formativo per il destinatario, di un assegno assistenziale ?
    Questa è la domanda che ( insieme a tante altre non meno veritiere e non meno scomode ) farei al vice premier.
    Memore di un pensiero del dottor Albert Schweitzer <>:
    Stella polare degli eventi della vita.
    Stella polare del giornalismo serio.

  2. Il palloncino sfugge alla bambina/o. Il quadro sfugge agli amatori sciocchi ed ora stanno a guardare con il naso all’insù.Ivana

  3. Aumenti del salario minimo hanno una ripercussione su tutta la scala delle rimunerazioni, aumenteranno i costi di produzione e quindi l’inflazione, lezione del Venezuela. Se si vuol crescere non si puo avere un deficit al ribasso dopo la reazione europea, é un cattivo segnale e non produce la necessaria fiducia. Se i vincoli dell’EURO hanno, come é avvenuto, portatato in generale abbassamento della rimunerazione del lavoro nella maggioranza dei paesi della UE questo significa che le politiche economiche dell’aea EURO hanna portato via dalla UE parte dello standard di vita dei suoi lavoratori a beneficio di altri paesi. Questo rivela il fallimento della globalizzazione e del mal chiamato libero mercato. Giá un campione del FREE TRADE e FREE MARKET, come Bismark, di fronte alla recessione del 1873 diceva che ogni concetto che cominciava con free.. gli dava i brividi e fu costretto a mettere barriere doganali come poi fecero Francia e Inghilterra. Quando il cancelliere di ferro fu dimesso dalla sua carica nel 1890 la crisi durava ancora. Dunque se in qualcsa hanno ragione i gialloverdi, la globalizzazione é una follia e gli accordi finanziari dell’aera EURO sono inadeguati per affrontare le differenze economiche dei vari stai e non possono, o meglio non devono avere conseguenzeobbliganti di olitica ecinimica.
    Vengo al dunque, la manovra é mal indirizzata e non sufficentemente coraggiosa da asscurare un crescimento importante e perció la fiducia del mercato. La ritirata osservata é unsbaglio mortale, se non mostrate di aver fiducia in voi stessi come fate a inspirarla nel mercato.
    Prima misura che riduce drasticamente costi e prezzi é l¡eliminazione dell’Irpef aumentando cosí la domanda interna, senza aumenti di salario, e anche la competivitá nell’esportazione. Seconda misura ridurre le tasse transversalmente e offrire a ogni inversione in attivitá produttive una annortizzazione in non superiore ai tre anni. In terzo luogo, e non in primo come adesso, le spes e investimenti di carattere sociale.. L’obbettivo non é compiere con criteri esogeni ma quello di miglorare la qualitá di vita degli Italiani e se debbo dar una indicazione piú precisa é quella di ritornare agli standard di vita de´2007.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *