“Basta fare allarmismo con le mascherine!”. Sgarbi vs Fo

Condividi questo articolo


È da egoisti non mettere la mascherina? Ce lo siamo chiesti durante l’ultima puntata di Quarta Repubblica. A fronteggiarsi con due posizioni totalmente opposte Vittorio Sgarbi e Jacopo Fo.

Dalla puntata dell’8 giugno 2020

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche


Condividi questo articolo


10 Commenti

Scrivi un commento
  1. Le mascherine ffp2 non sono egoiste. Sono dispositivi medici che proteggono se stessi e gli altri, a differenza di quelle chirurgiche che proteggono solo gli altri, i quali se non la indossano a loro volta però non proteggono noi. Sono egoiste solo le ffp2 e ffp2 con valvola. Difendono in entrata ma non gli altri in uscita.
    Informati prima di sparare fesserie.

  2. la mascherina non serve a nulla e non è mai servita a nulla. Potrebbe servire per le polveri nelle città, forse alcune per il pm10 che fa 80/mila morti all’anno nella strafottenza dello stato paternalista, ma x i virus non serve assolutamente a nulla. Obbligare la gente ad indossarla è una bestialità ancora più quando il virus (che è sempre più influenzale) non fa più danni. Tuttavia siamo in un paese libero e chi vuole può continuare ad indossarla all’infinito e rincoglionirsi giorno dopo giorno…

  3. Il popolo italiano, che e’ un popolo di santi, inventori e navigatori, e’ anche un popolo di boccaloni che bevono tutto quanto gli viene propinato dal primo imbonitore che passa ( vedi caso Vanna Marchi ), questa gente che NON SA NULLA è viene pagata per le comparsate in tv bisogna smetterla di ascoltarla,
    Per combattere questo virus (e tutti gli altri virus e i batteri che stazionano sugli oggetti pubblici che tocchiamo da quando siamo nati) servono tre cose, distanziamento, mascherine nei luoghi affollati (non in mezzo ai boschi) e lavarsi le mani, come dovrebbe fare ognuno prima di mangiare e prima di toccarsi occhi e bocca, (sembra strano ma le persone pulite si lavano) i guanti servono solo per proteggersi le mani quando si lavora, per proteggere il cibo dalle contaminazioni quando e’ destinato a terzi (vedi frutta al supermercato) e per gli operatori sanitari per ovvi motivi.
    Tutto il resto e’ noia e distrazione di massa.
    Se poi uno si vuole rotolare nel letame che si accomodi.

  4. Si infatti è diventata una dittatura oggi entro in una farmacia e prima che spiegassi che la mascherina mi era caduta a terra e dovevo comprarne una altra, mi dicono “lei non può entrare senza mascherina”.
    Ma se io sto entrando per comprarla in quanto mi e’ caduta a terra quella che avevo, siamo diventati deficienti ?

  5. Grazie a Dio c è Sgarbi. Il fatto è che questa della mascherina vuole essere più una dittatura che una difesa per la salute. Al contrario portarla nuoce alla salute. I virus e le epidemie ci sono sempre stati e ci saranno ancora. Ma gli anticorpi non si fanno con il vaccino altro commercio mondiale , ma affrontando con inteligenza i virus…

  6. Errata corrige.
    Vorrei solo evidenziare che l’equivoco maggiore in cui in molti sono portati, in buona fede o no, a cadere è non tanto se mascherina si/no, ma su quale tipo di mascherina dobbiamo indossare tutti stando in comunità: l’egoista maggiore è chi circola con la FFP2/3 tra quanti circolano con la mascherina “chirurgica”. I primi, infatti, proteggono se stessi dagli altri, non invece gli altri da sé, possibili potenziali untori, anche se inconsapevoli o asintomatici.
    Oltre al dibattito se mascherina si/no, occorrerebbe si stabilisca che tutti si indossi il medesimo tipo di mascherina: o tutti altruisti, oppure tutti egoisti, e non quasi tutti altruisti e i soliti furbi.
    Le FFP2 e le FFP3 possiamo ritenerle “altruistiche” soltanto se indossate dal personale sanitario e di studi medici, in quanto, così mostrandosi, ci offrono l’idea che ad assisterci è personale forse difesosi dal contagio e quindi non costituire un pericolo per tutti noi, se e quando a costoro dobbiamo affidare la nostra salute.

  7. Vorrei solo evidenziare che l’equivoco maggiore in cui in molti sono portati, in buona fede o no, a cadere è non tanto se mascherina si/no, ma su quale tipo di mascherina dobbiamo indossare tutti stando in comunità: l’egoista maggiore è chi circola con la FFP2/3 tra quanti circolano con la mascherina “chirurgica”. I primi, infatti, proteggono se stessi dagli altri, non invece gli altri da sé, possibili potenziali untori, anche se inconsapevoli o asintomatici.
    Oltre al dibattito se mascherina si/no, occorrerebbe si stabilisca che tutti si indossi il medesimo tipo di mascherina: o tutti altruisti, oppure tutti egoisti, e non quasi tutti altruisti e i soliti furbi.
    Le FFP2 e le FFP3 possiamo ritenerle “altruistiche” soltanto se indossate dal personale sanitario e di studi medici, in quanto, così mostrandosi, ci offrono l’idea che ad assisterci è personale forse difesosi dal contagio e quindi non costituire un pericolo per tutti noi, se e quando a costoro dobbiamo affidare la nostra salute.

  8. Ma qualcuno può spiegare perché nei paesi dove la mascherina NON è obbligatoria e NON viene usata il virus è scomparso o quasi come da noi? La logica è la stessa della sperimentazione dei farmaci…a qualcuno dai la mascherina…ad altri nulla (=placebo)…
    Risultato? Identico
    Conclusione? La mascherina serve a un *****

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *