Beccaria spiega perché punire anche le Ong (Cesare Beccaria)





Condividi questo articolo


Si è più volte letto sui giornali e sentito, da parte di chi pensa bene, che le sanzioni previste dal decreto sicurezza alle Ong, che trasportano migranti in Italia, siano troppo elevate. Tant’è che questo governo intende abbassarle, non cancellarle. Come può, si chiedono le anime belle, il Paese di Beccaria tollerare multe da un milione di euro a una Ong. Difficile non apprezzare il giurista milanese che con il suo Dei delitti e delle pene e con il tentativo analitico sui contrabbandi ha per primo fatto un ragionamento sistematico sulle sanzioni penali, sulla loro utilità e proporzione. Incredibile, ma scontato, il fatto che nessuno scomodi Beccaria quando a venire multati da parte del sindaco o del governatore, siano 4 sprovveduti salernitani, a cui vengono inflitti mille euro di multa per non aver indossato una mascherina.

Secondo alcune proposte le multe per le Ong che importano migranti potrebbero essere di entità inferiore. A proposito di proporzionalità. Ma anche di algebra, come diceva il filosofo milanese: “L’algebra non essendo che un metodo preciso e speditissimo di ragionare sulle quantità, non è alla sola geometria o alle altre scienze matematiche che si possa applicare, ma si può ad essa sottoporre tutto ciò che in qualche modo può crescere o diminuire, tutto ciò che ha relazioni paragonabili tra di loro”. Chiaro no? D’altronde il nostro sistema giuridico e sanzionatorio segue, per esempio nel campo tributario, principi che amplificano le sanzioni proprio in virtù di una logica risarcitoria oltre che punitiva.

In tempi di Covid ad esempio, forse qualcuno potrebbe applicarla a chi importa immigrati senza diritto all’asilo e con virus, per dirne una. Solo per seguire la stretta considerazione algebrica di Beccaria. Il quale scriveva pure “Le pene non devono solamente essere proporzionate fra loro ed ai delitti nella forza, ma anche nel modo di infliggerle. Non solamente è interesse comune che non si commettano delitti, ma che siano più rari a proporzione del male che arrecano alla società alla esattezza matematica bisogna sostituire nell’aritmetica della politica il calcolo delle probabilità”. Prendete i multati di Salerno e i trafficanti di uomini e Ong un po’ troppo disinvolte e pensate forse che sia stata applicata questa proporzionalità?

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche


Condividi questo articolo


17 Commenti

Scrivi un commento
  1. Per me in tutti questi commenti non c’è consistenza.
    Colgo l’occasione per fare una precisazione: quando viene detto che gli immigrati vengono SALVATI in mare io direi più propriamente TRAGETTATI.

  2. @Leo

    Forse ti sfugge il significato della parola metafora.
    Quello che hai scritto tu è un’ accozaglia di scemenze incomprensibili in una lingua grottesca.

  3. @Sal (metafora)
    Io stro_zo, sono venuto a sapere da “il buono” che un signore (colombo) si prepara a raccogliere persone sul fiume.
    Io stro_zo, che già invio al “il buono” 2 persone a settimana, mi sto organizzando a mettere in acqua un gommone, con (2) donne €3, (2) bambini €3, 5 adulti di cui 3 del tipo “rompono il c a z z o anche a me”) € 5.
    Io “lo stro_zo”, appena “il buono”, mi avviserà che il signore (colombo), ha salpato, metterò in acqua il gommone.
    Io “lo stro_zo” quella settimana sono riuscito ad inviare a “il buono” (4) persone del tipo “rompono il c a z z o anche a me”, inoltre ai soliti 20€, guadagnerò altri 37€, per un totale di 57€. (I calcoli sono fatti perché io “lo stro_zo” non so se “il buono” sa fare di conto.
    (morale)
    Nell’appartamento in cui vive “il buono” ci sono, i soliti stro_zi sporchi razzisti del centrodestra, più qualche buono, che insieme cominciano a chiedersi.
    In dialetto veneto
    “Ma questo che seo cusì tanto bon, seo mona?”
    Tradotto per “il buono”, perchè non sò se sa il dialetto.
    “Ma questo che è così buono, è M O N A.”

  4. ESIMIA ENTITA’ “SAL” DEVI FINIRLA! CONCLUSIVAMENTE, FACCIO UNA MIA PROPOSTA, CON TE CHE APPARI QUI UN VERO DELINQUENTE PSICOLOGICO CAMUFFATO DA ALTRUISTA ISTERICO: COME SEDICENTE BUONISTA A PAROLE, TI INVITO CONCRETAMENTE AD ANDARE SULLA NAVE DI COLOMBO, PESCARNE UNO E PORTARMELO DAVANTI ALLA MIA PORTA INSIEME A COLOMBO STESSO, RECLAMANDO DI FATTO E DI DIRITTO CHE IO DEVO ACCOLLARMELO PERCHE’ COSI’ E’ STATO DECISO DA VOI DUE! I MIEI DATI SONO GIA’ CONOSCIUTI DALL’AMMINISTRATORE DEL SITO. TI ANTICIPO CHE LA TUA RISPOSTA, SEMPRE VIGLIACCA, GIA’ LA SO.

  5. Esimia entità “Sal”, proprio non ce la fai! Devi avere sempre l’ultima parola, eh? Lo vedi che sei solo un malato che assedia ed affligge questo forum?

    • @Aldo
      Hai scritto tu l’ultimo post, malato che non sei altro! Neanche te ne rendi conto!
      Così l’ultima parola è tua! Malato!

  6. Tralasciando tutto lo scacacchiamento della mosca Aldo in giro per il forum, mi congratulo con gherardo Colombo!

  7. Tralasciando i vomiti della nullità che si firma “Sal”, mi congratulo con Leo per il suo esempio. PERFETTO! Esclusa la nullità dell’interlocure a tre zampe, è da mandare a tutti del PD, Italia Viva, Liberi e Uguali, agli Orfini, Delrio, Fratoianni, adoratori delle Ong di mare e di terra, ai Fazio, Formicoli, Lerner, Saviano, ai Beppe Giulietti, padre Zanotelli, quelli di Sant’Egidio e a quanti’altri vogliono essere “salvatori di migranti in mare”, ma solo “salvatori”, senza essere poi “tutor a vita” dei cosiddetti “salvati”. Come dire, alla Feltri, di voler “fare il frocio col deretano degli altri”! Mi chiedo con quale buona fede il neo-profeta ex-giudice Gherardo Colombo, carico della sua scienza giuridica, viene a dirci di fondare la sua ong di salvataggio in mare (nave da 40 metri, 20 membri di equipaggio-medici-infermieri-soccorritori-giornalisti-mediatori-fotografi: una associazione d’assalto, insomma!), premettendo d’essersi posta la domanda retorica “Vorrei essere salvato in mare? Sì “, e assumendo così, con indubbio “cattivismo” verso di noi, che sia lecito e legittimo portarceli nelle nostre case, facendoci accollare senza nostro consenso il susseguente gravame, negli anni a venire! Non è, anche questa, una questione giuridica di una qualche rilevanza, per il giudice Colombo?

  8. @Aldo

    “@ Egregia entità Sal, ho letto le tue risposte e gli epiteti oltraggiosi che elargisci. Al netto di un’azione del moderatore (da cui ti senti stranamente al sicuro, pur violando ogni limite), devo ribadirti che per te ci vorrebbero solo gli schiaffi. Non morali ma pesantemente fisici. Crogiolati pure nel tuo compiacimento, visto che sei senza misura morale. Come persona, mi sento di dire che mi fai solo schifo. Nient’altro.”

    RISPOSTA
    Vedi, entità senza cervello, io che sto dalla parte dei migranti e della povera gente secondo te faccio schifo e mi minacci di violenza addirittura, (con la tastiera ovviamente da codardone quale sei) invocando per giunta il moderatore. Ogni volta mi dici di fare il tagliando al cervello come se fosse un complimento.
    Tu invece non mi fai schifo, mi fa schifo quello che pensi.

  9. Sal! Che cosa hai combinato oggi?
    Ti lascio senza il mio controllo per una giornata e subito tracimi in orridi insulti e crisi isteriche.

    Adesso che figura ci faccio con gli altri ragazzi del forum? Mi accuseranno di omissione di controllo. Io mi sento responsabile della tua educazione!

    Subito le medicine! Oggi doppia dose.
    E fa’ il bravo, perdio!

    • @Fabio Bertoncelli

      Ariecco lo scemo del villaggio!
      Hai ripassato la concordanza sostantivo aggettivo? Il passato remoto? Hai letto qualche libro?
      Dai! Regalaci anche oggi qualche strafalcione dei tuoi, così ridiamo tutti!

  10. Caro Sal invece di dialogare con me che ti chiedo cortesemente quale è la tua idea per gestire l’ immigrazione ti sei subito gettato con passione nell’ attività che ti piace di più , lo scambio di insulti con altri frequentatori del blog.
    Tu lasci dei commenti con l’ obbiettivo di “venire alle mani ” con i colleghi o perchè pensi di avere qualcosa da dire ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *