Commenti all'articolo Becchi e Tarro: 4 domande (e risposte) sui vaccini

Torna all'articolo
Avatar
guest
83 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Prisco
Prisco
15 Gennaio 2021 21:16

dall inizio del problema Covid marzo 2019 ad oggi Gennaio 2021 è quasi trascorso un anno. Ora in tutto questo tempo nessun contagio nessun raffreddore nessun mal di gola malgrado viaggi in tutto il mondo. Che senso ha farsi il vaccino ? Unica nota alimentazione moderata assolutamente no carne e formaggio. Cena mai oltre le 19 e non ditemi che è solo fortuna.

Cordialità
Prisco

Roberto
Roberto
10 Gennaio 2021 12:49

Se il dott. Luca Beltrame autore dei numerosi commenti è ricercatore presso l’Istituto Mario Negri, a lui chiedo: è al corrente del fatto che il prof. Giuseppe Remuzzi, direttore del medesimo Istituto, ha recentemente suggerito e divulgato un protocollo per la terapia farmacologica domiciliare del covid-19, che evita l’aggravamento e il ricovero ospedaliero? Parlatevi…
Il vaccino non è l’unica cura, tanto più se ancora in fase di sperimentazione e avendo finora ottenuto dagli enti regolatori solo una REGISTRAZIONE CONDIZIONATA.

Antonio MANCINI
Antonio MANCINI
10 Gennaio 2021 10:54

Ma perché insistere con la somministrazione di “pseudo-vaccini” (oltre che “pseudo” anche diversi tra loro e, ahimè, ancora più grave, in competizione tra loro) che NON garantiscono, a breve termine, il ritorno ad una vita normale e che addirittura potrebbero creare problemi …
… e non concentrarsi invece unanimemente, mettendo in campo tutte le competenze, le conoscenze, le risorse allo scopo di rallentare/ostacolare l’azione del Virus per meglio raggiungere la cura più idonea, efficace e con meno controindicazioni rispettando i tempi necessari per la ricerca ?
“Siamo in guerra”, il nemico è il Virus che ci ha accerchiato, ci ha “assediato” ma è palese che non è così terribile e non ha risorse tali da sfinirci.
Perché non prendere tempo?
Perché non concentrare attenzioni, conoscenze e anche risorse economiche nei confronti dei più fragili sotto l’aspetto sanitario e geriatrico cercando intanto di far continuare a vivere il più normale possibile il resto dell’umanità (parliamo di oltre il 90%) in attesa di studi più approfonditi e sicuri?

Nicola boccalone
Nicola boccalone
10 Gennaio 2021 6:43

Abbiamo smarrito, da tempo, la capacità di governare i problemi, di guidare i processi, di fare sintesi e strategia. L’Italia è sottomessa ai problemi e a chi li produce e li “governa”. Ahi serva Italia, di dolore ostello, nave senza nocchiero in gran tempesta non donna di province ma di bordello!!! (Il sommo).