Brexit: detto e fatto

Condividi questo articolo


Detto e fatto. UK è uscito dall’Europa per la volontà dei suoi cittadini. Lo ha fatto in due mosse, un referendum nel 2016 e un voto politico a favore dei conservatori nella persona di Boris Johnson nel 2019. Qualsiasi decisione è giusta quando la votano la maggioranza dei cittadini.

Per le élite cosmopolite inglesi e quelle europee è stato uno choc, perché loro tendono sia a confondere Europa con Unione Europea, sia ispirarsi alla celebre frase-manifesto di Jean Monnet. Le nazioni europee dovrebbero essere guidate verso un superstato senza che le loro popolazioni si accorgano di quanto sta accadendo. Tale obiettivo potrà essere raggiunto attraverso passi successivi ognuno dei quali nascosto sotto una veste e una finalità meramente economica”.

Per tre anni parte delle sue élite, e i mandarini di Bruxelles, le hanno tentate tutte per ribaltare la volontà popolare, usando a piene mani il Protocollo Monnet. Nell’ombra dell’urna gli inglesi hanno detto: Basta! Hanno dato una maggioranza schiacciante a Boris Johnson, persino nelle roccaforti laburiste. La volgarità degli europeisti arrivò a definire Bo Jo un “pagliaccio”, senza accorgersi che le leadership europee di Bruxelles e di gran parte dei singoli Paesi potevano tranquillamente essere definite tali, senza alcuna forzatura.

Capisco lo stupore delle élite europee: pensano che quei tre o quattro quartieri di Londra dove loro hanno casa o che frequentano, rappresentino il Paese. Ergo, non conoscono il popolo inglese. Un caso personale. La multinazionale che dirigevo doveva fare una rapida e violenta ristrutturazione per sopravvivere (bisognava raddoppiare il fatturato dimezzando i costi, quindi licenziare molte persone). E si doveva partire dallo stabilimento simbolo, quello di Basildon (Essex).

Spiegai ai capi del sindacato di fabbrica che dovevo fare un taglio importante della forza operaia e impiegatizia. Confessai loro, con franchezza, che uno sciopero non ero tecnicamente in grado di sopportarlo, ma gli ricordai che, come primo atto, avevo chiuso i due Quartier Generali (in Italia e Usa) licenziando il 90% dei manager e dei supermanager. Uno mi disse: “Lo sappiamo cosa ha fatto, per questo le chiediamo che nel definire il numero dei licenziati, tenga conto che chi resta deve aver diritto a fare ore straordinarie”.

In pratica mi invitava a licenziare più persone pur di non toccare il livello retributivo di quelli più meritevoli. L’avrei abbracciato. Era il mio mondo, niente chiacchiere, solo execution. Quattro anni dopo la Regina Elisabetta, a Buckiingham Palace, mi consegnò una targa come azienda leader in UK nell’esportazione (oltre il 90% della produzione di Basildon la vendevamo all’estero).

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche


Condividi questo articolo


Un commento

Scrivi un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *