in

Caos Casa Bianca: scoperti nuovi file segreti “nascosti” da Biden

I legali di Biden hanno scoperto nuovi file classificati tenuti negli uffici privati del presidente

Dimensioni testo

Spuntano altri documenti classificati rimasti all’interno degli uffici privati di Joe Biden. Dopo il primo ritrovamento degli avvocati del presidente, risalente lo scorso 2 novembre con notizia resa pubblica solo due giorni fa, è stato scoperto un altro lotto di carte top secret, che non sarebbe stato depositato presso gli Archivi di Stato.

Ricordiamo che, secondo la legge americana, vi è un obbligo di depositare tutti i file segreti presso gli Archivi, sia da parte del presidente che del vice-presidente Usa. Donald Trump, in violazione di questa imposizione, fu soggetto ad un sequestro di file classificati, da parte della Fbi, presso la sua abitazione in Florida.

Per approfondire:

Per quanto riguarda il primo ritrovamento, come già raccontato su nicolaporro.it, si tratterebbe di dieci documenti di intelligence su Ucraina, Iran e Regno Unito, insieme ad altri atti riservati e personali dell’allora vicepresidente Biden (tutte le carte, infatti, risalgono tra il 2013 ed il 2016, quando il numero uno della Casa Bianca era Barack Obama). Sul secondo, invece, non è chiaro dove o quando i nuovi documenti siano stati scoperti, ma il ritrovamento è stato compiuto ancora dai legali del presidente Usa, come avvenuto la prima volta.

Per ora, sia la Casa Bianca, che il Dipartimento di Giustizia, hanno rifiutato di rilasciare qualsiasi commento, ma continuano ad alzarsi sempre più le proteste dei Repubblicani: “La decisione di Biden di tenersi documenti riservati è una potenziale violazione delle leggi che proteggono la sicurezza nazionale, inclusi l’Espionage Act ed il Presidential Records Act” (le norme che vincolano presidente e vicepresidente a consegnare tutti i documenti ufficiali), ha affermato Mike Turner, deputato rappresentante dell’Ohio e presidente della commissione Intelligence.

Critico nei confronti del team di Joe Biden è anche un fedele democratico, Bradley Moss, avvocato specializzato in questioni di sicurezza nazionale, che ha parlato di vera e propria “sciatteria” da parte dello staff dell’attuale presidente degli Usa. Eppure, anche in questo caso, rimane ancora un mistero da sviscerare: perché le notizie vengono pubblicate solo ora, se – almeno per il primo blocco – i documenti sono stati trovati il 2 novembre, sei giorni prima delle elezioni di midterm?

L’opposizione del Gop punta proprio su questo dilemma, sostenendo anche di voler procedere alla nomina di un “super procuratore”, affinché indaghi sulla vicenda, come già fatto dal Dipartimento di Giustizia relativamente ai documenti presidenziali di Trump.

Matteo Milanesi, 12 gennaio 2023