in

Capezzone sul ddl Zan: “Sarà un autogol per le minoranze”

Dimensioni testo

I sostenitori del ddl Zan parlano di una legge di civiltà, i contrari sostengono invece che, una volta approvata, sarà a rischio la libertà di espressione. Lo scontro a Quarta Repubblica tra Daniele Capezzone e Marilena Grassadonia di Sinistra Italiana.

Dalla puntata del 10 maggio 2021

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
9 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
trackback
Coprifuoco, il sire ci concede un’ora in più - Nicola Porro
17 Maggio 2021 13:45

[…] 15:35 I vescovi aprono davvero al ddl Zan? […]

trackback
Espresso, prove generali di ddl Zan: l'uomo "incinto" - Redazione
15 Maggio 2021 14:11

[…] Damilano, paragona addirittura “gli invisibili in piazza per tutelare il lavoro” ai sostenitori della legge Zan. Eppure, in questo anno di pandemia – ma in realtà, negli ultimi decenni di ubriacature […]

Antonio
Antonio
15 Maggio 2021 10:24

Capezzone una cosa l ha detta giusta, quando riconosce che parte della destra si oppone al ddl zan non per paura della limitazione della liberta’ di opinione ma in quanto cosciamente o inconsciamente omofobi. Basta vedere i numerevoli casi di consiglieri regionali o comunali o piccoli dirigenti di fdl e lega che su facebook o altri social si esprimono con parole o video su trans, lgbt, gay o lesbiche, per poi come i bambini dire di essere stati fraintesi vedi l ultimo personaggio che scomoda l Ave Maria e la Madonna per non far passare quello che con parole fuori dal mondo essere l approvazione del ddl.

Corsaro Nero
Corsaro Nero
14 Maggio 2021 16:45

bravo Capezzone, sintetico, chiaro, credibile. Quell’oca sinistrosa continuava a starnazzare ragioni inesistenti con la solita prepotenza e prevaricazione villana dell’educazione dei sinistri……..

Barbara
Barbara
14 Maggio 2021 13:48

Come al solito Capezzone c’entra il problema.

art3mide
art3mide
14 Maggio 2021 10:01

Capezzone a straragione.
A sinistra pensano di risolvere i problemi imponendo le loro idee e sanzionando.

Cosa si può fare per ridurre le discriminazioni?
Per esempio come fa la Finlandia (l’ho scoperto da poco) che ha introdotto nelle scuole (ha da poco abbassato l’iniziativa alle elementari se non erro) lezioni di economia domestica per tutti.
Con queste azioni si può tentare di cambiare la mentalità, non con denunce e condanne.

Andrea
Andrea
14 Maggio 2021 7:20

Contraddittorio assente per essere una trasmissione di “liberali”

Massimo da Rotterdam
Massimo da Rotterdam
13 Maggio 2021 22:08

Per gli intellettuali di sinistra diventerà l’ imposizione di una egemonia culturale, e chi non si adatterà sarà mandato al patibolo del politicamente corretto. Con o senza procedimento penale.