in

Caro Porro, basta balle sulla Lombardia

fontana lombardia
fontana lombardia

Dimensioni testo

Gent.mo Nicola Porro,
sono un tassista di Milano e oggi vorrei spezzare una lancia a favore dell’amministrazione regionale Lombarda. Nell’ultimo periodo sono piovuti addosso ai nostri amministratori (presidente in primis) i peggio insulti, come si dice a Roma, per le gestioni sbagliate riguardo al Covid ma nulla si dice quando le cose vanno bene ed in modo rapido.

Forse saprai, scusa per il tu ma mi torna più facile, che Regione Lombardia ha indetto un bando di aiuti (1500 euro) per alcune categorie tra cui noi tassisti. Bene, pensavamo tutti che si trattasse di un click day e che in ogni caso, vista la notevole affluenza di aventi diritto, ci sarebbe stato un crash di sistema. Nulla di tutto questo! Iscrizioni al sito dei bandi di Regione a parte, era abbastanza complicato ma con l’aiuto di tutti ce l’abbiamo fatta, tutto il resto è filato di un liscio che non si può neanche immaginare.

Apertura del bando alle 11:00 del 23 novembre 2020.
Chiusura del bando alle 17:00 del 27 novembre 2020.
Dopo due ore circa abbiamo ricevuto la mail dal protocollo di conferma del ricevimento domanda.
Abbiamo potuto seguire l’andamento del controllo dei requisiti, online. Con codici a volte incomprensibili, ma l’importante è che ci capissero loro.

Ricevuto i soldi sul conto corrente a partire dal 3 dicembre 2020 (io il 7 dicembre). Ovvio hanno dato precedenza ai primi che hanno depositato il bando, ma i soldi stanno arrivando a tutti gli aventi diritto. Faccio notare che nonostante i manifesti e i proclami di aiuti rapidi alle categorie in crisi, i soldi del governo ce li hanno fatti penare e alcuni li stanno ancora aspettando.

Ti sarei grato se volessi accennare magari anche brevemente durante la zuppa a questa “nuova eccellenza” perché, secondo me ogni tanto bisogna riconoscere e gratificare chi ha saputo far bene il proprio lavoro. Grazie per tutta l’informazione “pulita” che ogni giorno ci dai e spero di poterti ascoltare in diretta nella tua prossima puntata della zuppa.

Giampaolo Corradini, 11 dicembre 2020

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
60 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
paolospicchidi@
paolospicchidi@
14 Dicembre 2020 10:31

MENTRE INVECE IL sFATTO SI CONCENTRA SU PICCOLE BAZZECOLE… pensa te…
Il “sistema del 15%”. Ecco la prova che inchioda la lega
“Dovere morale”. Soldi al partito dai nominati
di Stefano Vergine
Versamenti al partito in cambio di nomine pubbliche. Posti nei più importanti cda d’Italia, nelle direzioni di ospedali e aziende sanitarie locali, nei consigli di revisione contabile delle partecipate pubbliche. Poltrone assegnate in cambio della restituzione alla Lega di una parte dello stipendio. È il “sistema del 15%” – la quota da restituire al partito […]

Alessandro Sanguineti
Alessandro Sanguineti
13 Dicembre 2020 9:39

Da cinque anni risiedo in Emilia Romagna prov.di piacenza, provveniente da Lombardia, qui in appennino si vive bene, ma la sanità emiliana credetemi, e poco più di quella calabrese, tanto e vero che la maggior parte di noi piacentini, ci facciamo curare in Lombardia, ultima mia rsm a Cremona, qui in Emilia rsm totalmente aperta non esiste, nel pubblico, se la vuoi tela paghi, non sanno e non fanno manometria esofagea, una vergogna, il barbuto presidente dovrebbe nascondersi e smetterla di raccontare balle, ciò scritto ,non ho capito come hanno fatto i lombardi a eleggere fontana, errore grave.

Andrea
Andrea
13 Dicembre 2020 9:08

Comunque sempre nella ***** ci hanno messo,ne vedremo delle belle tra qualche mese

Enrico Alfonsi
Enrico Alfonsi
13 Dicembre 2020 8:57

È quello che come medico ospedaliero che ha vissuto direttamente e in prima linea la realtà del Covid sostengo anch’io. Io mi sono adirato e non poco per la lettera inviata alla Regione dagli Ordini dei Medici lombardi . Cosa scandalosa , organizzata a tavolino, dai persone vicine al Governo per cercare di commissariare la regione con giochini di prestigio. Niente più.
La regione investita dallo tsunami del Covid ha reagito invece con rapidità e prudenza cercando con i proprio mezzi di ridurre al minimo gli effetti della pandemia. Le leggi sui medici di famiglia , ormai burocrati delle ASL e non più medici veri sono quelle scritte dalle varie riforme sanitarie degli anni 70 , 80 e dalla riforma Rosi Bindi..questi sono gli effetti ..La Sanità in mano a amministrativi e non a medici..Nel mio Istituto che è un famoso Istituto Neurologico Nazionale abbiamo fra i dipendenti a tempo indeterminato il 67 % circa di Amministrativi e il 33% di operatori sanitari sul campo, cioè medici+infermieri+ Tecnici di laboratorio ecc..Con questi dati che sono lo specchio della Nazione cosa vogliamo pretendere?? Assunzioni politiche in Sanità..questa è la realtà altro che bravi..eroi..La Sanità è solo una questione politica gestita da persone che non sanno riconoscere un malato da una sedia.

Adelio Riva
Adelio Riva
13 Dicembre 2020 8:44

Siamo il LOMBARDIA, checché ne dicano i catto-comunisti-5stelle al ?governo?

Corsaro Nero
Corsaro Nero
12 Dicembre 2020 20:53

E’ la solita solfa rossa…..la Lombardia fa schifo ma tutti vengono qui a curarsi e lavorare……….sarebbe da rimandare tutti a casa loro a godere delle eccellenze delle loro regioni……..

Pia Maria Carmela Bellomo
Pia Maria Carmela Bellomo
12 Dicembre 2020 18:01

Caro sig.Porro, perché tanti giornalisti come lei, Giordano, Del Debbio, ecc.. non riuscite ad essere giornalisti? Quelli che danno la notizia non sono di parte, lasciano che sia il lettore o il fruitore di un canale a farsi una opinione, senza intermediari?
I programmi di informazione sono diventati una baraonda sembra di trovarsi tutti al mercato, con tante scuse ai mercati.

Giovanni
Giovanni
12 Dicembre 2020 14:55

Questo tassista sicuramente e’ uno di quelli sotto i 20.000 € l’anno, stando alle dichiarazioni dei redditi della categoria.