in

Caro Porro, la promessa dei ristori è fallita

donna triste
donna triste

Dimensioni testo

Caro Porro,

mi chiamo Marta Roverato, ballerina professionista e insegnante di danza, flamenco nello specifico. Avevo una bella vita, adesso non ho più una vita.

Dopo tanti sacrifici e anche tante soddisfazioni e lavoro all’estero, da otto anni sono presidente di un’associazione culturale Aps a Padova e ho contratti di lavoro sia come co.co.co. che come collaboratore sportivo. In tutto il 2020 mi hanno consentito solo circa quattro mesi di lavoro. Dal 25 ottobre mi è stato imposto di sospendere tutte le mie attività: insegnamento e spettacoli dal vivo; che rappresentano la mia unica fonte di sostentamento.

La promessa a novembre dei “sostanziosi ristori” è miseramente fallita: i co.co.co. non sono stati minimamente considerati e i collaboratori sportivi per averne diritto non devono avere altri contratti tipo co.co.co. Quindi mi vietano di lavorare e non ho diritto a nessun ristoro.

Come pensano che una persona possa continuare a vivere dignitosamente? Persone al potere inadeguate e incompetenti stanno compiendo atti sciagurati per non dire criminali, che stanno portando l’Italia e gli italiani alla miseria e alla rovina. L’arte, lo spettacolo dal vivo, la cultura gridano vendetta.

Non voglio uno Stato assistenzialista, desidero solo lavorare. Vi prego di fare qualcosa subito!
Cordiali Saluti

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
33 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
guido
guido
14 Dicembre 2020 7:17

premesso che siamo in un momentaccio, faccio presente (conoscendolo bene), che il mondo della danza sta vivendo momentanei, ma viene (in genere), da momenti di gloria. il TV un campione mondiale ha detto che la sua scuola è chiusa e non guadagna. quanto ha speso per arrivare li? dopo quanto ha incassato?

stefano
stefano
12 Dicembre 2020 12:45

Infatti si chiamano ristori termine sconosciuto con al linguaggio finanziario.
Forse se promettevano gli aiuti si aveva di che lamentarsi ma i ristori….pare esistano solo quì….i ristori))))
Alla fine non hanno ristorato…

Laval
Laval
12 Dicembre 2020 11:42

La promessa di Sergio Mattarella è che se questo governo cade si va a votare.
Non dobbiamo dimenticarlo.

Federico
Federico
12 Dicembre 2020 11:41

Lo stato non deve aiutare nessuno. Non si deve intromettere nel libero mercato. Deve lasciare il campo a piccoli e grandi imprenditori per creare ricchezza, posti di lavoro, benessere della collettività.
Lo stato non deve avere nulla dai cittadini e i cittadini non devono chiedere l’elemosina allo stato.
Lasciate tutto alle dinamiche del libero mercato e vedrete che l’Italia diventerà il paese di cuccagna! (o del conte di culagna?)
Si chiama liberismo. (quello che piace tanto a molti)

Lorenzo Bagnoli
Lorenzo Bagnoli
12 Dicembre 2020 10:09

Cari tutti,
Nulla da dire, sono molto dispiaciuto. Ma credo che a questo punto vada anche fatto capire all’opposizione che chiunque è meglio di questo governo. Quindi meglio “turarsi il naso” come diceva Montanelli, e lavorare per un qualsiasi governo istituzionale diverso da Conte, Speranza, Boccia ecc ecc. Sono scettico sul voto subito, ma su un cambio di governo appoggiato dalle forze politiche non può esserci sempre la scusa della Pandemia. Prima si fa, meglio è. Serve un po’ di saggezza.

marcor
marcor
12 Dicembre 2020 8:41

Tarro ha detto ciò che tutti sapevano. Altro che discoteche!

Gianfranco
Gianfranco
12 Dicembre 2020 1:29

Stiamo uccidendo un paese,e i suoi giovani,per permettere ad ultra ottantenni pieni di acciacchi di guadagnare qualche mese di vita. E a chi ci governa di guadagnare qualche mese di superstipendio prima di tornare nel nulla dal quale proviene.

Andrea
Andrea
11 Dicembre 2020 22:26

Cara ballerina di flamenco lei ha ragione ma ha sbagliato indirizzo. Qui la maggior parte delle persone le daranno ragione. Ma non serve a niente perché non l’ascoltera’ nessuno e la sua rimarrà lettera morta.
Come ho detto anche agli altri Lei deve farsi invitare da Porro (a cui chiede aiuto) a QR insieme al barista, ristoratore tassista ecc ecc e confrontarsi di persona con Conte e/o Gualtieri che quantomeno saranno costretti ad ascoltare le sue rimostranze.
Altrimenti non risolverà il suo problema.
P. S. Mi perdoni la battuta. Altrimenti come consigliava un ex PdC alle donne dusoccupate: sposi uno ricco e risolve il problema.