in

Caro Porro, per colpa del green sono rovinato

Dimensioni testo

Caro Porro,

sono un piccolo artigiano del cuneese, ho ottenuto da pochi mesi la pensione ma ho deciso di continuare a lavorare per qualche anno per versare i contributi pensionistici a mia moglie (mia collaboratrice) che non ha ancora maturato il dritto alla pensione. Ho speso migliaia di euro per mettere a punto il mio furgone già vetusto e farlo durare. Però a luglio/agosto (alla chetichella, senza clamore mediatico, mentre tutti pensavano alle ferie) la regione Piemonte ha deciso il blocco dei mezzi Euro3 ed Euro4 con decorrenza dal 15 settembre.

Bontà loro, mi costringono (pagando) ad installare la “scatola nera” che mi permette di percorrere solo 5 mila km in un anno (mentre ne percorrevo normalmente 20 mila) oppure a cambiare il mezzo, spendendo altre decine di migliaia di euro, proprio ora, con le terribile crisi economica causa virus. Mi dicono “ce lo chiede l’Europa” (ennesima dimostrazione di un’Europa fuori dalla realtà delle persone normali). Mi dicono “in Lombardia l’hanno già fatto”, ma forse in periodo più propizio e con incentivi economici per chi veniva colpito dal provvedimento.

E pensare che il Piemonte è governato dal centrodestra (che si autodefinisce amico degli imprenditori…! Se fossero nemici allora cos’altro avrebbero fatto?). Potete aiutarci in qualche modo? Vogliamo solo lavorare onestamente senza essere vessati dalle Istituzioni. Grazie.

Franco Ramonda