in

Caro Porro, ristoranti a pieno ritmo (ma solo al centro commerciale)

Dimensioni testo

Buonasera signor Porro,

sono un ristoratore, ho un ristorante pizzeria Da Rocco ad Alzano Lombardo (sì, Alzano Lombardo, che sicuramente conoscerà come tutto il resto del mondo ormai…).

Sono qui a denunciare un fatto molto grave: sono andato a fare un giro in un centro commerciale e che ti vedo!? Lunedì 4 gennaio 2021, in zona arancio, centro commerciale aperto – giustissimo – con i ristoranti e bar aperti. Sì, per l’asporto, ma… Toc toc! Le regole in zona arancio non autorizzano il consumo sul posto e, ancor più grave, seduti a tavola cazzo!

Perché, come ristoratore, io devo attenermi a ‘ste regole che mi stanno uccidendo e invece in un luogo che, tra l’altro, dovrebbe avere anche più controlli e più sicurezza, mancano i controlli? Dove sono le forze dell’ordine che dovrebbero controllare ambienti strapieni, come i centri commerciali? Che cazzo hanno in testa questi nostri politici? Che intenzioni hanno?! Ucciderci, ma non con il Covid.

Mauro Di Lallo, 7 gennaio 2021

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
27 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Fabrizio Giovenco
Fabrizio Giovenco
10 Gennaio 2021 12:45

Le aziende non lavorano per dover rispettare i vari DPCM ma vengono anche RISTORATI . I locatori dei locali ove le aziende esercitano invece vengono TRUFFATI dal governo che senza rispettare le sentenze blocca gli sfratti anche per i morosi scordandosi però di non bloccare le rate dei mutui e le tasse come IMU, IRPEG , IRPEF ecc che i proprietari e locatori debbono invece versare su canoni non percepiti ma solo contrattualizzati e mai ricevuti da conduttori autorizzati dal governo a truffare anche loro i poveri locatori che hanno acquistato un negozio o un fondo magari tramite anche un mutuo che oggi non sono più in grado a loro volta di pagare : visto che i locatori non incassano nulla sarebbe giusto che il governo ponesse fine a questa cruenta sperequazione cancellando le tasse e gli interessi di mutui e prestiti e aiutando i piccoli proprietari con ristori adeguati fino alla fine della crisi pandemica al fine di risollevare
si le imprese ma anche gli italiani.

Fabrizio
Fabrizio
10 Gennaio 2021 12:41

Le aziende non lavorano per dover rispettare i vari DPCM ma vengono anche RISTORATI . I locatori dei locali ove le aziende esercitano invece vengono TRUFFATI dal governo che senza rispettare le sentenze blocca gli sfratti anche per i morosi scordandosi però di non bloccare le rate dei mutui e le tasse come IMU, IRPEG , IRPEF ecc che i proprietari e locatori debbono invece versare su canoni non percepiti ma solo contrattualizzati e mai ricevuti da conduttori autorizzati dal governo a truffare anche loro i poveri locatori che hanno acquistato un negozio o un fondo magari tramite anche un mutuo che oggi non sono più in grado a loro volta di pagare : visto che i locatori non incassano nulla sarebbe giusto che il governo ponesse fine a questa cruenta sperequazione cancellando le tasse e gli interessi di mutui e prestiti e aiutando i piccoli proprietari con ristori adeguati fino alla fine della crisi pandemica al fine di risollevare
si le imprese ma anche gli italiani.

Emilio
Emilio
9 Gennaio 2021 1:01

Ma tu vivi in Italia o su qualche pianeta lontano ? Non sai che hanno già chiuso migliaia di attività , altre chiuderanno e moltissime di quelle che resteranno aperte chissà quando pagheranno i fornitori ? Il disastro commerciale è tremendo ! Negozi, cinema, teatri, discoteche, agenzie di viaggio, palestre, ristoranti, bar, costretti a rimanere chiusi, ti risulta stiano lavorando? Ma svegliati ! Non immagino chi possa tu essere e cosa tu possa fare nella vita
Prova a dirmelo così capiamo tutti..

Pino
Pino
8 Gennaio 2021 19:57

Carro Nicola
Sono stanco di sentire che gli italiani si sono comportati con responsabilità durante questo periodo e non solo tant’è,
che i contaggiati sono aumentati in maniera considerevole. A questo si aggiunga una serie di DPCM confusionari e contradditori ed il gioco è fatto .
A parte ciò complimenti per la sua trasmissione che seguo sempre con grande interesse.
Un caloroso saluto
Pino

Fabio
Fabio
8 Gennaio 2021 18:44

E con quale criterio io che ho un negozio di abbigliamento da uomo in zona rossa ero chiuso mentre un negozio di articoli sportivi che vende tra l’altro anche i miei stessi articoli, piumini, pantaloni, maglie ecc. era aperto? Per lo stesso motivo del quale si lamenta il ristoratore. Perché i DPCM sono fatti da un branco idioti strafatti. Ad majora.

antonello filippone
antonello filippone
8 Gennaio 2021 18:17

Fai come me,cAmbia canale visto che ormai si è piegato al PD/5stelle e elude le domande importanti

Nicoletta
Nicoletta
8 Gennaio 2021 17:26

Caro ristoratore, condivido pienamente il tuo sfogo e credo anche io che i ns governanti vogliano ucciderci non con il virus ma affamandoci. Mi domando dove sono i sindacati che dovrebbero protestare e difendere tutti i dipendenti, e non solo, di bar, ristoranti, palestre e di tutte quelle attività che a ricaduta stanno soffrendo. Dirò di più, dove sono i controlli nei supermercati strapieni all’inverosimile!? Eggia il virus entra solo in alcuni negozi, in altri invece no…..

Valerio
Valerio
8 Gennaio 2021 15:19

Sarebbe opportuno dichiarare lo “stato di guerra”. Non l’Italia in guerra, bensì questi nostri attuali governanti in guerra con il proprio cervello!
Ma i danni ( di guerra ) li pagheranno in AM lire? Buon Dio, fermali prima che sia davvero troppo tardi!