in

Caso Gibilterra: tutti vaccinati ma Natale in lockdown

Sospese le celebrazioni del Natale: cosa insegna il caso Gibilterra

gibilterra lockdown

Dimensioni testo

di Paolo Becchi e Giovanni Zibordi

Come si può facilmente controllare, Gibilterra è stata portata ad esempio per essere il primo posto al mondo dove tutti sono vaccinati (“prima nazione al mondo”).

Ieri il governo di Gibilterra ha annunciato che sospende le celebrazioni del Natale causa aumento dei contagi che sono ora oltre 500 al giorno su una popolazione di 33mila abitanti!

Questa è la dimostrazione empirica più clamorosa del fatto che la vaccinazione non risolve il problema e fa aumentare i contagi. Abbiamo in altre occasione portato esempi dall’Islanda, Maldive, Seychelles, Singapore, paesi dove nel 2020 la Covid-19 era quasi inesistente, che però per ragioni di turismo o altro hanno vaccinato il 90% della popolazione e quest’anno hanno avuto un’esplosione di contagi. In nessuno di questi paesi puoi dire che si tratti di “epidemia di non vaccinati” perché il 90% della popolazione è vaccinata. Ma il caso di Gibilterra dovrebbe chiudere ogni discussione in merito.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
90 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
STEFANO
STEFANO
29 Dicembre 2021 10:54

Il vaccino non risolve niente. La mascherina non serve. I lockdown sono una privazione della libertà.
Siamo governati da uno stato tiranno. Ritorniamo alla vita normale perche’ questa non e’ vita. Il numero dei morti per covid è taroccato. I camion militari di Bergamo era tutta una finzione. Ognuno ha la propria idea ed è giusto che la esponga.
Io non condivido i no-vax e i negazionisti del virus ma li accetto. Ci sono no-vax che si ammalano e non si fanno curare e li rispetto; ma non rispetto i no-vax che si ammalano e poi vogliono anche essere
curati.
Stefano

BelleLetture
BelleLetture
28 Dicembre 2021 6:36

“Questo di Gibilterra è l’esempio diciamo quasi scientifico e sperimentale del fatto che la vaccinazione fa aumentare, non diminuire i contagi.”

…in inverno si montano le gomme da neve. In inverno aumentano gli incidenti per slittamento sul ghiaccio. Quindi, le gomme invernali fanno aumentare e non diminuire gli incidenti.

Corretto?!?

Mauro
Mauro
24 Dicembre 2021 14:51

Questa è la conferma che per ridurre drasticamente i morti e non intasare gli ospedali con i non vaccinati che rubano i posti a gente che necessita di cure l’unica suzione è il vaccino. Nessuna persona di buon senso ha mai detto che se sei vaccinato non è ti puoi contagiare ma se non hai altri problemi la risolvi a casa,tutto il resto caro Porro sono sciocchezze.

Francesco
Francesco
24 Dicembre 2021 8:46

Come detto anche da altri, il vaccino diminuisce ma non annulla completamente i contagi, evita la malattia grave e la morte, e fa calare le ospedalizzazioni. E leggendo proprio i dati di Gibilterra (da ultimo aggiornamento Zero morti e una 70ina di ospedalizzazioni) si evince che i vaccini stanno funzionando e anche bene. Sono comunque del parere che il vaccino non può essere e non sarà la soluzione definitiva. Speriamo cambi qualcosa e che possiamo tornare il prima possibile a quella spensierata quotidianità che ormai da un paio di anni è solo un lontano ricordo.

Paulista
Paulista
8 Dicembre 2021 3:36

Credo che il calcolo vada fatto così: 118% di 35 mila residenti = 41300 vaccinati che in realtà rappresentano “solo” l’82,6% dei 50 mila presenti ogni giorno (35 mila residenti + 15 mila transfrontalieri). Quindi Gibilterra dovrebbe avere una percentuale di vaccinati simile all’Italia.

Brescia
Brescia
2 Dicembre 2021 16:31

Fantastico! Ho commentato un errore nell’interpretazione dei dati ed il commento è stato rimosso…

Cristiano
Cristiano
2 Dicembre 2021 1:25

Almeno capire i dati che si vogliono commentare, per favore.
500 sono i casi attualmente attivi; i nuovi casi giornalieri sono attualmente una cinquantina

Massimo Bretti
Massimo Bretti
1 Dicembre 2021 20:34

Eppure le vaccinazioni a tappeto non hanno risolto ma i governi per tenere il punto o per giochi economici e politici perseverano negli errori