C’è chi può odiare e chi no

Era un genere nobile, la satira giornalistica, era l’arte di demolire qualcuno in punta di penna all’arrabbiata, anche avvelenata, ma con precise regole stilistiche: parlar bene del bersaglio per parlarne male, gonfiarne i meriti al limite del ridicolo, lisciarne i pregi almeno per la prima metà del pezzo salvo ribaltare tutto nel grottesco sul finale chiuso da una battuta, un aforisma, un calembour fulminante. Era un gioco di prestigio, una passeggiata senza rete sull’esile alto filo del paradosso, un saggio d’alta scuola, uno sfoggio di classe. C’era una volta il ritratto sott’odio, e non c’è più; la satira per iscritto, bisogna saperla fare e loro, modestamente, non la sanno fare. Dove per loro s’intende quelli della scuderia del Fatto, autentici quadrupedi di razza.

C’è ad esempio una selvatica, una che sollevava palettine in tivù, che forse si è convinta d’esser la novella Anna Kuliscioff, o magari Matilde Serao (“godo sulla parola, donna Matilde”), e per tratteggiare la politica donna Giorgia Meloni la definisce, ex abrupto, una che “parla all’intestino crasso”, e anche una Bestia, “Lei è la Bestia, e chiariamo, nel senso del talento istintivo e impetuoso…”. Ma sì, con la riserva cautelare che all’apprendista Irene Brin deve avere insegnato Travaglio, supposto erede di Montanelli. Fine, basta, abbiamo già dedicato troppo tempo a una simile prosatrice, né ci preme difendere la Meloni che, se crede, sa farlo benissimo da sola, da fiera sorella d’Italia. È solo per chiarire il livello.

C’è pure un’appendice, medesima scuderia, che si titilla coi cognomi altrui e sarebbe troppo facile, da terza elementare, cioè al livello suo, loro, di questi quadrupedi di razza, spappolare il suo, di nome, ma sarebbe come ficcargli un dito nell’occhio e due pappine in faccia: non ci sarebbe sugo, lui prende e porta a casa, è un Guittino d’Arezzo, ahi lasso, or è stagion de doler tanto. E poi uno rischia di scivolare sulla pomatina abbronzante, meglio non dire, che pazza idea. Son conati di ironia, tentativi un po’ strazianti d’essere chi non si può essere; e loro modestamente non sono. E sulla parola, la loro parola, è difficile godere. Come sconcertarsi, poi, se il popolo del web non capisce, non gradisce, ti spedisce ad alzare palette, a spalmarti l’unguento?

Questa è gente che si fa ritrarre mentre tiene un parigrado al guinzaglio, o gli passeggia sopra con gli stiletti, o racconta con dovizia del proprio feticismo: e dà lezioni di stile, ricama allo scalpello sull’altrui privato, resta a galla in fama di provocatrice, provocatore: però si sdegna una volta che la trashata ritorna addosso a folate. Questa è gente che alza il telefono ed esonda in trasmissioni dove c’entra come con l’arte di scrivere, e giusto per parlar di sé: io, io, io… Lo stile letterario è vagamente da scaricatori di porto, da camalli di razza: siccome Salvini parla alla pancia, Meloni all’intestino. Uno fa la Bestia, l’altra la è (come istinto, certo, come capacità). Ma ce li hanno questi, gli specchi, in casa? Ma si rileggono, ogni tanto? Magari col raffinato sottofondo di uno chançonnier francese: Gigi Proietti in “Nun me rompe er ca”. Concediamo solo sarebbe tremendamente ingeneroso bollarli come quadrupedi buoni per tutte le stagioni: questi non son buoni, punto. Ma è l’unica attenuante che meritano, e per colpe anzitutto stilistiche: perché debbono scrivere, se non lo sanno fare? A proposito.

Condividi questo articolo

10 Commenti

Scrivi un commento
  1. Ma non eravate tutti politicamente scorretti che guai a Dio? Non bisognava dire pane al pane,vino al vino e ruffiano che ha fatto casino sul pluralismo televisivo ( da berlusconiano!) per avere un posto davanti alle telecamere senza mollarlo mai più ( nonostante,signora mia, la TV non sia che un” banale elettrodomestico”) a Nicola Porro?

  2. Sono nauseato, se gli insulti o meglio gli aggettivi arrivano da sx sono leciti, anzi illuminano le menti, le aprono, così ci mettono dentro quello che vogliono loro, secondo le loro tabelle di marcia.
    Se la dx si permette di arginare certi fenomeni, vista la realtà dei fatti, non quella percepita, quella percepita possono metterselo in quel posto, allora apriti cielo. Giusto l’altra sera Giannini ha definito questa destra la peggiore possibile e immaginabile. L’ha definita razzista, xenofoba, anti qua e anti là. ecc.ecc. Vien da dire che essere tutto questo nei confronti dei connazionali non è proprio un peccatuccio veniale, per cui non devono stupirsi se certe roccaforti comuniste hanno votato dx. Anzi c’è da dire che alle europee Salvini ha unito l’Italia, visto che è stato votato da Nord. a Sud. La sx continua a fare gli interessi della dx in fatto di voti. E infine, questa Europa che vede solo tassazione, con questo governo è meno assillante, per non parlare dello spread che si è dimezzato ancora prima che facessero qualcosa. Andiamo avanti così che andiamo bene!

    • mah .. io trovo questo articolo di un farraginoso , menoso autoreferente, non indifferenti.. francamente non sono arrivata alla fine.. Possibile nn se ne renda conto? Mi stupisco di Porro .. poi non mi stupisco di nulla .. leggendo commenti così.. da genuflessisone .. il rischio è ora che mi banni come ha fatto Scanzi

  3. se la tua fama è alimentata da scrivere articoli giornalistici o libri pieni di insulti o parolacce contro il tuo avversario politico vivi di luce riflessa e non di luce propria cioè vali solo se gli altri ti fanno valere

  4. Poichè viviamo in un regime formalmente democratico, non possono semplicemente mettere fuori legge le opinioni contrarie. Allora si inventano pretesti, emergenze razzismo, commissioni contro l’odio… il tutto per arrivare al loro scopo:
    togliere la libertà di pensiero e parola!

  5. Gente di reflusso gastro-esofageo, muniti di apposito “permesso di odiare” rilasciato dal Grande Inquisitore travagliato. Vil razza dannata.

  6. Qualche anno fa seguivo su Fb la rubrica ” Ten Talking Points ” di Andrea Scanzi. La trovavo abbastanza ironica . Un giorno come commento ad un suo articolo che non mi piaceva mi sono permesso di scrivere : ” per quanti sforzi Lei possa fare non riuscirà mai a raggiungere il livello di Gianni Brera e Beppe Viola ” ! Sono stato bannato dalla sua pagina Fb e da allora oltre a non leggere ciò che scrive cambio canale in TV , quando c’è , per non sentire quello che dice. SINTESI : è una persona a cui piace parlarsi davanti allo specchio evitando di avere qualcuno che lo possa criticare.

One Ping

  1. Pingback:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *