in

Chi c’è dietro il cibo artificiale: le lobby per la “carne stampata in 3d”

La carne sintetica prodotta in laboratorio: chi c’è dietro il “cibo del futuro”

Dimensioni testo

Chi vuole le carni sintetiche? Chi sta investendo su questo business? Perché Bill Gates sta acquistando terreni agricoli in tanti Stati americani? E soprattutto: ci sono delle lobby che spingono l’Unione Europea, ma non solo, a dare il via libera alla produzione e al consumo del petto di pollo stampato in 3d, oppure alla farina di grillo, o ancora alle cavallette da mangiare come se fossero noccioline?

A queste domande ha cercato di dare una risposta l’ottimo servizio mandato in onda ieri sera a Quarta Repubblica. L’inviato è andato in Spagna in un’azienda che già oggi produce la carne in laboratorio tramite l’utilizzo di cellule animali e studiando a tavolino ogni cosa, dal colore alla forma, dall’orientamento delle fibre al gusto. Alla base dell’idea di costruire il “cibo del futuro” è quella di ridurre il consumo di carne “naturale” che, dicono i sostenitori, inquina troppo (causa allevamenti intensivi) e soprattutto non basterà per la popolazione mondiale (in continua crescita).

da Quarta Repubblica del 30 gennaio 2023