in

Chi trama nel Pd? Zingaretti scateni Montalbano

Ora che ci è scappato quasi il morto con il caso Lotti-Csm, il segretario Nicola Zingaretti per scoprire gli intrighi del Pd dovrebbe chiedere a suo fratello Luca di rispolverare qualche vecchia indagine del Commissario Montalbano. Potrebbe iniziare da “Un covo di vipere”, per poi passare a “La Rete di protezione” e finire magari a “La caccia al tesoro”. Mandanti dell’”affaire Lotti”: Luigi Zanda, che avrà fatto inorridire il suo maestro ipergarantista, Francesco Cossiga, che del Csm aveva capito tutto già vent’anni fa, Dario Franceschini, recordman di giravolte e quel solito pierino di Carlo Calenda.

Nicola forse no, ma suo fratello Luca scoprirebbe subito che questa volta non è solo Calenda, specialista in voltafaccia, a rinnegare quelli che gli hanno spianato la strada. Lo fece con Luca Montezemolo, che lo scovò nei salotti di Roma; con l’imprenditore napoletano Gianni Punzo, che lo gratificò generosamente, con Mario Monti; con Matteo Renzi, che lo nominò addirittura Ambasciatore e Ministro; fino a Emma Bonino che prima ha usato e poi abbandonato al suo destino. Non meraviglia quindi nessuno che il figlioletto della Comencini lo faccia candidamente anche con Zingaretti. Questa volta, però, ha battuto ogni record. 24 ore dopo essere stato eletto in Europa nelle liste del Partito Democratico ha subito sputato nel piatto dove aveva appena mangiato. Con un’intervista a Repubblica, lobby che lo sponsorizza tanto, al punto che perfino la tessera n.1 del Pd Carlo de Benedetti gli ha sussurrato di non essere così schizofrenico. Ma questa volta Calenda si appoggia, seguendo i libri di Camilleri, ad “una rete di protezione” che Zingaretti non dovrebbe sottovalutare perché ha a capo un insospettabile: il Conte Paolo Gentiloni.

Una manovra sottilissima, qualche lusinga, qualche bugia e qualche minaccia, fino ad arrivare al primo tempo dell’operazione: regalare frettolosamente metà simbolo del glorioso Pd alla fantomatica sigla “Siamo Europei”, per evitare diaspore e presentarsi uniti. Ragionamento perfetto se fosse in buona fede. Finita la festa, invece, gabbato il santo. Subito dopo le elezioni, Gentiloni, che da Presidente del partito dovrebbe essere super partes, ha iniziato a muovere le fila di Calenda per creare uno spazio liberale che guardi al centro. In questa operazione Gentiloni ha dirottato su Calenda, perfetto per questo ruolo, alcuni suoi fedelissimi: Lorenza Bonaccorsi, Filippo Sensi, già renziano, Lia Quartapelle, qualche assessore in Toscana e una lista di peones tra Lombardia e Campania.

Condividi questo articolo

5 Commenti

Scrivi un commento
  1. Il Bisignani ci sta dicendo che bisogna essere grati a chi ti ha raccomandato(la raccomandazione “liberale” del Cofrancesco?).
    . Perché in Italia per poter “pensare” devi introiettare il “collettivismo”(vedo il Gervasoni fremere di piacere 😉 ) che si tramanda dal “maestro” a “l’apprendista”.
    Il Calenda sta sfuggendo a tale pratica e il pericolo è che sta dimostrando che se sei competente e pragmatico,tutto sto leccare di culo nn serve.
    Puoi camminare con le tue gambe…e se cammini sopra delle teste di razzo è ancor più piacevole! 🙂

  2. Al Pd resta solo l’arroganza della Razza SUPERIORE Politica Intellettuale Culturale, fondata sul NULLA ! Il pueblo apre gli occhi sul BC, detto Buco Nero !

  3. il PD è alla frutta!
    L’esperimento consociativo di compromesso storico tra comunisti e cattolici è giunto alla fine.
    I compagni guidati da Zingaretti possono solo sciogliere il partito e consegnarsi alla sinistra estrema nella nuova alleanza cattocomunista all’insegna dell’ ambiental-immigrazionismo: il PPS, il Partito del Papa Socialista

  4. Niente di nuovo sotto il cielo piddinio che, in un certo senso, non è poi così tanto diverso da quello camilleriano. O montalbaniano che dir si voglia. Intanto, le solite cassandre travestite da sagge delle ore bue, predicano che prima di ogni cosa “…si deve recuperare il ruolo delle istituzioni”. Impossibile. Dato che gli inquilini del Quirinale, del gioco scorretto ne hanno fatto la loro Carta costituzionale. Adesso però bisogna fare una seria riforma della giustizia, senza tuttavia dimenticare di processare chi ha trasformato il Csm in una cupola mafiosa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.