in

Ci mancava la sindaca contro la messa per la famiglia - Seconda parte

Dimensioni testo

Anche perché dentro il Pd e la sinistra i gruppi di pressione e le organizzazioni Lgbt contano, eccome, e spingono, e fanno pendere minacce su capo dei dubbiosi (ricordiamo che uno dei partiti di cui è composto il Pd sarebbe la ex Dc). Non sei a favore della Zan-Scalfarotto? Sei sospetto di omofobia. Un sospetto che equivale alla condanna, e al rogo.

Per cui, cari amici cattolici, magari non vi staranno simpatici Salvini o Meloni. Ma nessuno dei sovranisti pensa di schedarvi quando andate in chiesa né tanto meno di imporre al vostro parroco cosa pregare. Lo vedete un sindaco leghista organizzare una simile pagliacciata come a Lizzano, quando un sacerdote raccoglie le preghiere ai migranti? Non mi risulta sia mai accaduto ma nel caso lo facesse sarebbe da ricovero. Ricordate, fedeli, nell’urna Dio vi vede, Scalfarotto no.

Marco Gervasoni, 15 luglio 2020

 

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
114 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Chiosco
Chiosco
31 Agosto 2020 9:29

signori miei, a leggere i vostri commenti mi viene quasi il vomito, e poi pensare che sono stati scritti da persone con probabilmente più del doppio dei miei anni, beh, mi scende una lacrima. Soprattutto la cara Giovanna, che si diverte a perculare le persone con orientamento sessuale diverso dal suo, in quanto spaventata dalla sua stessa chiusura mentale. Voi e la legge cristiana avete ancora tanto da imparare, ed è per colpa vostra se troppo spesso quando sento altri italiani parlare, quasi mi vergogno di parlare la loro stessa lingua.

trackback
Lizzano: Ci mancava la sindaca contro la messa per la famiglia | Mirabilissimo100's Weblog
19 Luglio 2020 19:13

[…] https://www.nicolaporro.it/ci-mancava-la-sindaca-contro-la-messa-per-la-famiglia/2/ […]

Giovanna
Giovanna
17 Luglio 2020 11:26

Sono contenta che ci siano ancora Signore – e Signori, ovviamente, ma che lo ribadisca una Signora mi fa più piacere ancora, visto il punto di vista prettamente femminile – che la pensano come me riguardo all’utero in affitto. Un abominio (per giunta prezzolato) a cui alcune donne si prestano, con la scusa di “fare felice qualcun altro”…un’ipocrisia in cambio di vile denaro. Queste “signore” tanto altruiste (!) vadano per strada a fare soldi…e ci mettano – lì sì e per davvero ‘ se non il loro utero, i loro organi genitali…stessi soldi, ma faticando un po’ di più e, soprattutto, non coinvolgendo innocenti. È ormai risaputo che, psicologicamente, chiunque, raggiunta una certa età, abbia la necessità umanissima di conoscere la madre naturale. Cosa gli racconteranno mai questi papà + papà? Che è nato sotto un cavolo? O faranno una festicciola per fargli conoscere mamma’? E le ripercussioni a livello mentale e psicologico che questi individui si porteranno per tutta la vita, le vogliamo mettere in conto, o no???

laval
laval
16 Luglio 2020 22:26

La sinistra italiana ha dei riferimenti storici come Stalin-Lenin-Marx a cui fanno riferimento opportunista e di comodo. Partendo dalla gestione condivisa da tutti, dell’uomo e della donna di pari dignità, si passa alla gestione individuale dell’utero femminile su cui ci sarebbero molte riflessioni da fare. I militanti Lgbt, gay, bisessuali e transessuali transgender non contenti di quanto ottenuto dalla società si spingono oltre come se il loro mondo sessuale fosse la verità da seguire. Qui diverge il pensiero della Russia dove non ci sono norme a tutela per le coppie dello stesso sesso e per conoscenza diretta di persone russe le nuove tendenze di pensiero sono appena tollerate e basta chiederlo a Luxuria che è stata prima messa in carcere e poi allontanata per questo motivo. Di questo passo siamo arrivati alla riconversione di santa sofia in Istambul a moschea e la chiesa si lamenta e si stupisce quando ha ridotto le chiese in moschee islamiche come se fosse la stessa cosa. Nulla da dire nel percorso di pensiero individuale, ma nel cattolicesimo Dio perdona sempre, nel mondo Islamico nel nome di Dio è permesso uccidere. Considerando che entrambe le religioni si diramano dall’ebraismo forse è più opportuno che gli anziani si siedano in consiglio per farne una sola. Quanto penso è al momento impossibile anche se realizzabile Per chiudere… Leggi il resto »

Giovanna
Giovanna
16 Luglio 2020 20:34

@Sal
Riguardo al fatto che una donna col suo utero ci faccia quello che vuole: vero. Poi però bisogna vedere che tipo di donna lo fa. Per me, una persona indegna a cui la natura avrebbe dovuto negare la possibilità di fare figli. Creare una vita non è come essere un”incubatrice. Chi decide di esserlo – in genere per soldi – mi fa SCHIFO

adl
adl
16 Luglio 2020 17:44

“Potrebbe sembrare un caso da baraccone, prodotto dalla calura estiva” … non potrebbe e non può sembrare tale, anche perchè di calura estiva, ad oggi non ve ne è stata molta, quest’anno, Gervasoni. Il riferimento a Guareschi, con tutto il rispetto, lo troverei oltremodo spinto, se è vero che i comunisti di quell’epoca erano ritenuti dagli antagonisti politici “mangiatori di bambini”, oggi i loro eredi, fanno molto peggio, arrogandosi il diritto di non farli nascere proprio con la normativa abortiva nelle sue varie declinazioni farmacologiche e non. I democratici polpottiani di DRONE PD e dintorni, se ne fanno un baffo di Kim Jong Un, in fatto di libertà altrui, e se (e sottolineo se) la C.E.I. sta finalmente accorgendosi su qual tipo di politicanti, ha riposto le sue speranze partigiane fino ad oggi, possiamo dire, imitando la vecchia Rai,……NON E’ MAI TROPPO TARDI.

vince50_19
vince50_19
16 Luglio 2020 16:57

Sono cattolico praticante, continuerò a cercare di mettere in atto nei limiti delle mie possibilità (come tutti gli esseri umani sono fallibile) i dettami del Vangelo. Però mi infastidisce che ci sia chi voglia limitare con atti e regole il mio credo. L’art. 8 della costituzione è chiarissimo: Tutte le confessioni religiose sono egualmente libere davanti alla legge. Le confessioni religiose diverse dalla cattolica hanno diritto di organizzarsi secondo i propri statuti, in quanto non contrastino con l’ordinamento giuridico italiano. Figurarsi se le alzate d’ingegno di chi ha “confezionato” questa legge mi toccano. Ho l’impressione che si voglia spaccare il capello coprendosi di ridicolo: pretendere il rispetto va bene, non ho nulla contro i gay, ma pretendere anche “l’inchino” direi proprio di no.

Giovanna
Giovanna
16 Luglio 2020 16:46

@ Sal
Questo lo aggiunge Lei, io non ho inteso questo