in

Come il comunismo manipolava le coscienze

Dimensioni testo

I cento anni dalla nascita del partito Comunista potevano essere l’occasione per fare i conti con una delle più grandi tragedie del ‘900: il comunismo.

E invece questo appuntamento è già diventato una fiera della propaganda e della manipolazione delle idee.

Giancristiano Desiderio, 21 gennaio 2021

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
21 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
paolospicchidi@
paolospicchidi@
22 Gennaio 2021 20:56

@Tutti gli Anticomunisti a vario titolo presenti su questa Zuppa, me compreso/e anche no; e @tutti quelli capaci e disposti a vedere i propri scheletri, orrori e storture del proprio “armadio” ad esempio quello Liberale che e` anche un po’ il mio “armadio” e anche no. Di Libri Neri, non c’è solo quello sul Comunismo, libro che ne elenca le storture e gli orrori, libro di cui tra l’altro non avevo bisogno, visto che qualcosa delle storture e degli orrori ancora prima che venisse pubblicato, l’avevo letto su altri libri e articoli e ricordo che spesso si trattava degli stessi comunisti o persone di sinistra che ne denunciavano le storture e gli orrori. Ma di Libri Neri ce n’è per tutti i gusti e tutti ben documentati e non solo dagli oppositori ma anche dagli stessi sinceri sostenitori. E non manca quindi anche quello sul Liberismo. Ognuno celebra le bellezze proprie e denigra gli altri, sottolineando per l’appunto le bruttezze altrui, dimenticandosi di elencare, vedere le proprie bruttezze. Partiamo, per farci piacere, dalle bellezze del Liberismo, l’elenco delle bellezze del Liberismo e dintorni: Diritti Civili (proposte e realizzate spesso grazie alla punta più avanzata del Liberismo cioè i Radicali e appoggiate dai…lo sappiamo tutti, anche dai comunisti ma anche dal PLI. E se non ricordo male da qualche DC ecc.… Leggi il resto »

Gianni
Gianni
22 Gennaio 2021 19:34

Ho 83 anni, settantacinque di questi passati a sentire le nostre anime belle fare appello all’antifascismo.
Mai all’anticomunismo, nonostante ancora atrocemente imperante in qualche parte del mondo.
Io, emiliano, sono cresciuto al canto di “bandiera rossa la trionferà”! Non sull’Inter o sul Milan ovviamente, ma sull’Italia intera.
A proposito di calcio, negli incontri della nostra Nazionale contro uno qualsiasi dei Paesi dell’Est, nessun comunista teneva per l’Italia.
A quell’epoca, se ti azzardavi a parlare di Patria eri un fascista.
Ai tempi nostri, nel vedere Napolitano cantare “Fratelli d’Italia” con la mano al petto, rabbrividisco.

Luca
Luca
22 Gennaio 2021 10:09

La balla del comunismo imperante è l’alibi per i furbacchioni liberali per continuare a sfruttare milioni di persone e fare laidi ed immensi profitti.

giùalnord
giùalnord
21 Gennaio 2021 21:47

Il romanzo distopico di Orwell “1984”ben rappresenta questo articolo.
Quello che mi fa più orrore è la sostituzione delle parole nel vocabolario che non si addicono al pensiero unico.Per citare un esempio al Senato,l’altra sera, tutti (compresi giornalisti e giornali)si rivolgevano verso i responsabili o costruttori con grande attenzione come se fossero degli eroi o paladini della patria a sostegno dell’armata Brancaleone.I vocaboli quali voltagabbana,irresponsabili e scambisti,secondo il parere di molti, non glielo leva nessuno…altroché!

paolospicchidi@
paolospicchidi@
21 Gennaio 2021 20:24

************E I LIBERALI NO? Comunque…. Alla Gara Mondiale della Conta dei Morti, Feriti, Malnutriti, Malvestiti, Malcurati, Torturati, Imprigionati, Schiavizzati, Avvelenati, Esiliati, Deportati eccetera eccetera Causati dalle IDEOLOGIE, RELIGIONI ECC DEGLI ALTRI, vennero inviati a rappresentare per ogni fazione i migliori giovani e forti storico/matematici a disposizione per ogni singola parte per dare addosso alle altre parti. Tutti avevano la lingua lunga e la parlantina svelta. Nel grande salone in cui erano convenuti, c’erano tutti: Cristiani (divisi nelle loro varie divisioni) idem per gli Islamici, Ebrei, Induisti, Buddhisti, Shintoisti, le Religioni animiste, Agnostici, Atei. Religioni Sud Americane Precristiane, Oceaniche, Africane ecc ecc, poi c’erano i Socialisti i Comunisti, i Liberali, I Nazisti; i Fascisti, gli Anarchici, i Sovranisti, gli Europeisti, i Si Vax e i No Vax, i Mondialisti, i Repubblicani, i Monarchici gli ecologisti e quelli contro i vegetariani ecc e gli onnivori, ecc ecc insomma c’erano Tutti ma proprio Tutti, nessuno escluso. Ed erano TUTTI UGUALMENTE seduti intorno a una grande tavola rotonda. IL “GIUDICE” ad un certo punto suonò il gong e la gara cominciò. Tutti urlavano ed enumeravano i delitti altrui in gran quantità e non ne riconoscevano nemmeno uno di delitto perpetrato dalla propria parte e andarono avanti così per ore. Ad un certo punto il GIUDICE suono di nuovo il gong, la gara venne sospesa… Leggi il resto »

Fabio Bertoncelli
Fabio Bertoncelli
21 Gennaio 2021 19:15

“Come il comunismo MANIPOLAVA le coscienze.”

C’è un errore nel titolo. Titolo esatto: “Come il comunismo MANIPOLA le coscienze”.
Tempo presente: quell’ideologia avvelena tuttora.

Gianluca
Gianluca
21 Gennaio 2021 18:42

Chi, avendo una certa età e quindi avendo vissuto gli anni d’oro del comunismo italiano da “dentro” (a una regione rossa come l’Emilia-Romagna), guarda con distacco a queste pseudo-celebrazioni: sono stramorti, di loro rimane in vita la CGIL e poco altro, le sparute sezioni sopravvissute, ora targate PD, rimangono in vita grazie agli ultimi attivisti viventi ma sono luoghi desolati, la loro stampa menzognera è scomparsa, le loro Feste dell’Unita ridotte a fiere paesane. Insomma, è finita, era ora.

Kim
Kim
21 Gennaio 2021 17:02

L’unica manipolazione è sempre stata quella capitalista.
Per i borghesi le disuguaglianze sono un dato di fatto che basta mitigare…, per i proletari, invece, dimostrano l’insuperabile antagonismo fra le classi in cui è divisa la società borghese. Solo la lotta rivoluzionaria del proletariato e la vittoria del collettivismo sul capitalismo le può affrontare e superare una volta per sempre.