Politica

Con la scusa del fascismo vogliono distruggere il Natale

10.7k 20
xmas fascismo

“La stupidità divora” cantava Renato Zero ma qui dopo l’abbuffata siamo alla frutta, anzi all’ammazzacaffè: e torna su come un’impepata di cazzate. Accade che in quel di Gavardo, preclarissimo centro in quel del Bresciano, abbiano evidentemente molto tempo libero e peraltro cercano di guastarselo: così sono montati su tutte le furie avendo l’amministrazione comunale fornito il borgo selvaggio di luminarie di Natale. Paesello ad alta densità maghrebina, musulmana? Niente di tutto questo: forse l’alta densità è di quelli dell’Anpi, o forse semplicemente c’è passato Berizzi, quello di Repubblica, quello che la Schlein vorrebbe candidare, quello che sui social gode meritata fama di visionario e di fanatico perché vedrebbe fascisti dappertutto. Le luminarie difatti brillavano di una luce, Happy Xmas, che a qualche talebano è suonato oltraggioso, insopportabilmente nostalgico: “Aaah, l’apologia di fassscismo!”. Gavardo, porca città!

Qualche talebano suonato. E oltraggioso per il buon senso: non sa, ignora, è incosciente del fatto che Xmas, o X-mas, è un pidgin english, maledetto, per augurare buone feste, sta per Christmas, e risparmiamoci qua l’etimologia, i riferimenti a Cristo, l’english commerce, il greco antico eccetera: Xmas vuol dire Buon Natale, non viva la Decima, punto e basta. Siccome la stupidità divora peggio del piranha, il sindaco si è sentito in dovere di precisare tutto quanto su Facebook, naturalmente riscuotendo zero effetti: se uno è convinto di una baggianata, non è spiegandogli come stanno le cose che lo dissuadi, casomai lo radichi nella coglionaggine. E allora infuriano le polemiche, e allora si dibatte sul niente e ci si dibatte nella scemenza, siamo un popolo, diviso in ottomila borghi, che non ha un cazzo da fare.

A dirla tutta, comunque, al sindaco, che si chiama Davide Comaglio, un po’ gli sta bene: così impara a fare l’omologato a tutti i costi, sempre ‘ste formule da influencer, non bastava scrivere “Buon Natale”, all’italiana? Bisognava per forza mettere Gavardo al centro degli equilibri geostrategici? O c’era bisogno di risparmiare in luminarie? Possibile che non riusciamo mai a scontare l’antica maledizione tutta made in Italy, antiamericani da corteo, americanizzati fino al midollo, H-24, fully operational (pienamente operativo)? E basta, e su! For God’s sake.

Adesso, siccome la stupidità divora ma ad essa non c’è mai fine, resta da preoccuparsi per Santa, aka Santa Klaus, cioè Babbo Natale: non è che la brava gente di Gavardo ci vede anche lì qualche allusione? Che pare improbabile, ma la stupidità non conosce impossibile e basta che salti su uno e poi parte la mandria muggente. Babbo Natale in Amerika si kiama Santa Klaus perché è la versione globalizzata di San Nicola e la storia l’avevamo già raccontata, comunque in breve si tratta di questo: Nicola era un ricco che si intenerì per la sorte di tre sorelle destinate al marciapiede e fece trovar loro tre sacchi pieni d’oro sul balcone: così l’onore fu salvo, la dote pure e Nicola fu fatto santo e, siccome è quello che “porta i doni”, si è commercializzato in Santa Klaus, aka Babbo Natale. Basta che a nessuno, magari nell’altera pars (la stupidità è ecumenica, trasversale, inciuciona) passi per la mente di vederci un’allusione a Nikolae Lenin.

Whatsapp Zuppa di Porro
Clicca sulla foto: iscriviti al canale WhatsApp

Quindi, ricapitolando, il Natale 2023 passa agli annali per: gli alberi di Natale senza Natale, le orrende installazioni Gucci, Sephora o Dior, cattedrali di cattivo gusto per la riccanza; la totale scomparsa dei simboli cristiani (trovare una cometa o i personaggi del presepe è fatica vana); il presepe secolarizzato, con la Madonna Paola Concia, Giuseppe Alex Zan, il Bambinello con lo smalto sulle unghie, e come re magi Papa Gino, Zaki e Soumahoro; a Napoli fanno ‘o presepone con dentro di tutto, da Annalisa (“ho vito lei che bacia lui che bacia lui che bacia un bue”) ad Hamas; guai a chi augura Buon Natale (o happy X-mas che sia), che alla Ue non va giù; a scuola nessuno tocchi il Bambino, da Buon Natale a non Natale, laiko, inclusivo, gender, irenico, ecumenico e un po’ stronzo; forse qualche ayatollah imporrà i saluti alla Fantozzi, “Servili auguri di Woke Feste e di uno spettabile Anno Nuovo”. Nelle chiese cattoliche tocca interrompere la funzione perché o gli islamici irrompono e non lo tollerano, e il sacerdote si scusa, oppure è la volta dei casinisti climatici col prete che regolarmente dice: “Siamo dalla stessa parte”, cioè da quella di apprendisti terroristi: amen, va beh che dopo l’alto clero che finanzia Casarini tutto quel che puoi pensare è vero. E però com’è triste Natale, such a depression scrivere di queste cose qui, sapendo che anche questo Natale fra poco passerà, catturato in ostaggio dai cretini d’ogni età.

Max Del Papa, 12 dicembre 2023

www.nicolaporro.it vorrebbe inviarti notifiche push per tenerti aggiornato sugli ultimi articoli